GP d’Europa: Vettel conquista la pole davanti a Hamilton, Alonso solo 11°

Qualifiche thriller a Valencia: le Ferrari eliminate in Q2 con Schumacher

GP d’Europa: Vettel conquista la pole davanti a Hamilton, Alonso solo 11°

Sarà Sebastian Vettel a partire in pole position domnani al GP d’Europa, in una Qualifica che ha visto l’eliminazione a sopresa delle Ferrari in Q2 e quella di Mark Webber in Q1.

Sulla pista di Valencia il tedesco della Red Bull ha estratto dal cilindro un giro incredibile, girando in 1’38”086 e mettendo alle sue spalle Lewis Hamilton con la McLaren di 324 millesimi; terza piazza a sorpresa per la Williams di Pastor Maldonado, a 65 millesimi dall’inglese, poi Romain Grosjean con la Lotus a soli 30 millesimi dal venezuelano. Quinta piazza, a soli altri otto millesimi, per la vettura gemella guidata da Kimi Raikkonen, che ha preceduto Nico Rosberg con la Mercedes, a mezzo secondo da Vettel; Settima piazza per Kamui Kobayashi con la Sauber, che con un bellissimo giro ha messo dietro le due quest’oggi fortissime Force India di Nico Hulkenberg e Paul Di Resta, che hanno chiuso all’ottavo e al decimo posto e la McLaren di Jenson Button, che ha chiuso nono. Mancano dalla Top 10 molti big: Fernando Alonso è 11° con la prima Ferrari, seguito da Michael Schumacher con la Mercedes e da Felipe Massa con la seconda Rossa. A chi è andata peggio è Mark Webber, addirittura 18° con la Red Bull.

La prima notizia delle Qualifiche è il forfait di Timo Glock: il tedesco della Marussia soffre di un virus intestinale e nella FP3 ha avuto una ricaduta. Salterà le qualifiche e forse anche la gara: se dovesse recuperare per domani, chiederà alla Fia una dispensa per poter correre. Al via delle qualificazioni prendono dunque parte 23 vetture: la temperatura dell’asfalto è di 43°, mentre l’aria è più fresca, a 25°. La Q1 vede un duello per il primo posto tra Schumacher, Massa e Hamilton, con l’inglese che è il più veloce con il tempo di 1’39”169 davanti di due decimi rispetto al brasiliano della Ferrari. Tutti i top team montano le gomme Medium, mentre le Toro Rosso sono costrette a montare già in questa prima manche le Soft. Le Red Bull attendono moltissimo tempo ai box e Vettel esce in pista solo a sei minuti dalla fine della sessione, ottenendo il sesto tempo. Alonso sale in terza posizione, alle spalle tiene Schumacher, Button e appunto Vettel. Solo Mark Webber manca all’appello: l’australiano va in pista a soli quattro minuti dalla fine della Q1 e a sorpresa monta gomme Soft, anche se è in difficoltà già nei primi parziali e infatti chiude 17°. Nel finale anche le Force India e le Williams montano le Soft, al pari di Perez: la mossa è vincente e le vetture indiane con Di Resta e Hulkenberg ottengono il primo e secondo posto, con Rosberg alle loro spalle, prima che Maldonado conquisti a sua volta il miglior tempo. Le Morbide premiano anche la Caterham: Kovalainen riesce a conquistare il 16° tempo e manda all’inferno Webber, che viene dunque eliminato. Oltre al pilota della Red Bull escono di scena Jean-Eric Vergne con la Toro Rosso, Vitaly Petrov con l’altra Caterham, poi le due HRT di Pedro De La Rosa e Narain Karthikeyan e infine la Marussia superstite di Charles Pic.

La Q2 vede subito in pista le Ferrari che montano ancora le Medie: Alonso ottiene il miglior tempo ma viene battuto di tre decimi da Di Resta che monta le morbide. Tutti i piloti, ad eccezione di quelli del Cavallino, montano la mescola più soffice: infatti la lotta vede primeggiare Rosberg, seguito da Hulkenberg. La battaglia ferve; Hamilton risale al terzo posto, preceduto da Raikkonen, mentre le Rosse scendono in pista con i pneumatici Soft. Alonso agguanta la settima piazza, ma Massa non riesce a fare meglio del 12° posto. Di Resta si inserisce nel frattempo in seconda posizione, Maldonado è quinto: ci sono cinque piloti in 66 millesimi. La Q2 si avvia alla conclusione: Vettel evita l’eliminazione all’ultimo secondo e risale al terzo posto, pochi attimi prima che Grosjean ottenga un magnifico primo posto ed elimina in maniera shock entrambe le Ferrari e Schumacher. Incredibilmente la strategia della Rossa non ha funzionato: Alonso chiude 11° a 220 millesimi dalla vetta ed è preceduto da Kobayashi, che conquista dunque la Q3. Seguono Schumacher con la Mercedes e Felipe Massa con la seconda F2012, eliminati nonostante abbiano concluso a tre decimi scarsi da Grosjean. Vengono eliminati dalla Q3 anche Bruno Senna con la Williams, Sergio Perez con la Sauber, quindi Heikki Kovalainen con la Caterham e infine Daniel Ricciardo con la Toro Rosso.

La Q3 inizia con le Force India che montano gomme Medium per il loro primo tentativo, mentre sono due i set di gomme nuovi a disposizione delle McLaren. Rosberg ottiene il miglior tempo con 1’38’623 e mette dietro Button, Hamilton e Raikkonen. Grosjean però si dimostra ancora formidabile e ottiene il miglior tempo con 1’38”505, prima che Maldonado lo batta di 30 millesimi soltanto. Il finale è incandescente: Vettel mette in scena un tempo incredibile e abbassa di mezzo secondo il record della Q3, conquistando la pole. Hamilton risponde con un secondo posto comunque staccato di quattro decimi: per Maldonado è tuttavia un terzo posto che vale molto. Per Vettel è invece la 33ma pole della carriera: è sicuramente lui il favorito per la gara di domani.

Lorena Bianchi

Ecco i tempi delle qualifiche:

Pos  Pilota                Team                 Tempo        Divario   
 1.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault     1m38.086s
 2.  Lewis Hamilton        McLaren-Mercedes     1m38.410s  + 0.324
 3.  Pastor Maldonado      Williams-Renault     1m38.475s  + 0.389
 4.  Romain Grosjean       Lotus-Renault        1m38.505s  + 0.419
 5.  Kimi Raikkonen        Lotus-Renault        1m38.513s  + 0.427
 6.  Nico Rosberg          Mercedes             1m38.623s  + 0.537
 7.  Kamui Kobayashi       Sauber-Ferrari       1m38.741s  + 0.655
 8.  Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes 1m38.752s  + 0.666
 9.  Jenson Button         McLaren-Mercedes     1m38.801s  + 0.715
10.  Paul di Resta         Force India-Mercedes 1m38.992s  + 0.906
Tempo limite Q2: 1m38.703s                                   
11.  Fernando Alonso       Ferrari              1m38.707s  + 0.218
12.  Michael Schumacher    Mercedes             1m38.770s  + 0.281
13.  Felipe Massa          Ferrari              1m38.780s  + 0.291
14.  Bruno Senna           Williams-Renault     1m39.207s  + 0.718
15.  Sergio Perez          Sauber-Ferrari       1m39.358s  + 0.869
16.  Heikki Kovalainen     Caterham-Renault     1m40.295s  + 1.806
17.  Daniel Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari   1m40.358s  + 1.869
Tempo limite Q1 1m40.087s                                   
18.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Ferrari   1m40.203s  + 1.378
19.  Mark Webber           Red Bull-Renault     1m40.395s  + 1.570
20.  Vitaly Petrov         Caterham-Renault     1m40.457s  + 1.632
21.  Pedro de la Rosa      HRT-Cosworth         1m42.171s  + 3.346
22.  Narain Karthikeyan    HRT-Cosworth         1m42.527s  + 3.702
23.  Charles Pic           Marussia-Cosworth    1m42.675s  + 3.850

GP d’Europa: Vettel conquista la pole davanti a Hamilton, Alonso solo 11°
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

93 commenti
  1. Francesco

    23 giugno 2012 at 16:00

    Strane qualifiche. In 8 decimi 14 macchine! Ragazzi.. Ma qui bisogna censurare le gomme di Ecclestone (non Pirelli, perché povera ditta, lei che c’entra?)! Vattene nonno! Stai creando una F1 come la GP2! E che diamine! La F1 deve rimanere tale. Non ci possono essere questi distacchi! Quoto quello che ha detto Montezemolo e ciò che aveva detto Alonso qualche settimana fa circa le invenzioni dei team (doppio propulsore, scarichi soffiati, F-Duct… Ricordate quell’intervista?). Insomma… Felipe sarà pure fuori, ma con questo distacco, è stato un azzardo!
    Ricordate la gufata di Mazzoni? Massa a Valencia si è sempre qualificato tra i primi 5. Risultato? Fuori! Che gufo!!!!

  2. Gianluca RB

    23 giugno 2012 at 16:07

    domani ci sarà di nuovo quel brutto cliente di Hamilton al lato, vedremo, oggi mazzoni le ha tentate tutte per gufare Seb

    Kimi sembra ritrovata la sua lotus, domani spero faccia una grande gara

    • Luca RB

      23 giugno 2012 at 16:26

      Tranquillo Gianluca RB la MACUMBA contro Vettel gli ha portato solo fortuna non solo per la Pole ma anche con Mazzoni.Grazie all’utente “nn ricordo il nome” peccato che ti si e’ girata contro il tuo pupillo Alonsito non e’neanche entrato in Q3 ((((( 😛 )))))

      • Gianluca RB

        23 giugno 2012 at 21:46

        è un lurido, però con sky sarà peggio

  3. theboss

    23 giugno 2012 at 16:16

    E MANCATO ALONSO NON CERTO LA FERRARI…..LO DIMOSTRA IL FATTO CHE MASSA è RIMASTO A 70 MILLESIMI DA ALONSO E SAREBBE BASTATO SOLO 1 DECIMI MEGLIO E SI SAREBBE QUALIFICATO IN Q3 CON IL 2/3 TEMPO…

  4. Fabio

    23 giugno 2012 at 16:22

    Complimenti vivissimi a Vettel, oggi ha fatto un giro pazzesco.E complimenti a Kovalainen che è entrato in Q2 ed è riuscito a mettersi dietro entrambe le Toro Rosso!

  5. f1racers

    23 giugno 2012 at 16:34

    Che Schifo Di Qualifiche. 15 Auto In 1 Secondo Cosa Mai Vista In F1, Auto Che Fino All’ Anno Scorso Lottavano Per Gli Ultimi Posti Adesso Si Ritrovano Ad Essere Nei Primi Posti.In Quanto Alla Ferrari Sono Veramente Deluso Alonso Poteva Fare Di Piu’ Resoconto Un Altra Gara Buttata Al Vento Salvo Sorprese Comunque Forza Ferrari SEMPRE.

    • samu

      23 giugno 2012 at 16:59

      Alonso poteva fare di più? Dai, non fare il pagliaccio! Piuttosto dovrebbero cominciare a farsi molte domande a Maranello … non ha senso sprecare mezza Q2 con le medie!

      • f1racers

        23 giugno 2012 at 17:58

        Caro Samu Visto Il Talento Di Alonso Miglior Pilota In Circolazione Insieme Ad Hamilton, Non Dico Che Avrebbe Dovuta Fare La Pole Ma Almeno Nei Primi Cinque Posti.

      • samu

        23 giugno 2012 at 18:03

        Ribadisco: abbiamo visto che con le soft le Ferrari erano più veloci e quindi, secondo me (e magari mi sbaglio) se fossero uscite subito con la mescola più morbida avrebbero fatto molto meglio …

      • f1racers

        23 giugno 2012 at 18:23

        Allora La Colpa E Solo Della Ferrari,Come Al Solito Con Le Strategie Dai Box

  6. luciano

    23 giugno 2012 at 17:05

    no è solo questione di gomme… le auto di equivalgono… le gomme fanno la differenza se non sono portate in temperatura(in qualifica) e se si consumano presto (in gara)

  7. alberto

    23 giugno 2012 at 17:08

    non capisco, son gia due volte che da 3 decimi a tutti in qualifica e poi in gara si perde, hanno trovato una nuova “furbata” per le qualifiche?

    • Bob Gray

      23 giugno 2012 at 17:19

      Semplice: in gara ci sono molte varianti usura gomme, strategie, traffico, ecc. che portano ad emergere le macchine ed i team che meglio gestiscono queste situazioni (Lotus, Sauber, Ferrari). In qualifica le vetture sono molto vicine ed in prestazione pura conta chi posa il c–o sul sedile. Per cui la Red Bull è una macchina non vincente ma dispone di un fenomeno alla guida che in qualifica fa la differenza perchè li il pilota la può ancora fare.

      • Francesco

        23 giugno 2012 at 17:44

        Beh, che dire, il tuo discorso non fa una piega, eccetto per l’affrettata conclusione finale: è proprio in gara che il piota fa la differenza e invece sul giro secco si deve tutto alle prestazioni del binomio vettura/gomme, oggi soprattutto le gomme…
        Oramai nelle qualifiche in un sec ci sono 15 piloti, le vetture sono molto competitive e le gomme fanno la minima differenza…
        Ergo, il tuo pilotino fenomenale in gara si squaglia come neve al sole e i risultati, rispetto allo scorso anno, lo dimostrano…

      • Bob Gray

        23 giugno 2012 at 18:06

        In gara conta molto di più la macchina nel complesso, in qualifica con poca benzina e gomme nuove sono tutti allo stesso punto di partenza ed emerge il pilota, in gara c’è chi ha le gomme nuove, chi ha problemi ai pit, il traffico, c’è chi con 1 set di gomme può fare 80 giri chi ne può fare 10 indipendentemente dal suo talento…

  8. stefano

    23 giugno 2012 at 17:17

    L’andamento delle qualifiche ha dimostrato la spocchia del team Ferrari che nel Q2 ha girato fino all’ultimo con le gomme piu dure,sicuro di tirare giu dagli otto decimi al secondo con le soft.Fare subito un tentativo all’inizio della Q2 avrebbe forse permesso ai piloti ed al team di avere un quadro piu chiaro della situazione e con molta probabilita’ Alonso avrebbe limato quei centesimi che mancavano per entrare nella top ten.Ridicolo poi il presidente Monteprezzemolo che ha dichiarato che questo mondiale e’ deciso dalle gomme a scapito di tutti gli investimenti che si fanno negli altri settori,Perche’ quando vinceva Schumacher da cosa era deciso il livello di competitivita?Dal fatto che la Bridgestone lavorava sulle indicazioni della Ferrari che dalla mattina alla sera girava a Fiorano.Un po di obbiettivita’ ogni tanto non guasterebbe.

  9. tommaso

    23 giugno 2012 at 17:38

    Alonso e’ scemo!!!non capisce come si usano le gomme

  10. Francesco

    23 giugno 2012 at 17:50

    mmmmmmmmmmmmmmm…

    comunque a me puzza qualcosa…

    vedremo domani in gara tra strategia, consumi gomme, gomme nuove, ecc…

    ma oggi nelle qualifiche ho visto una ferrari in Q1 al massimo, RB e un webber che non ci azzeccano e poi di colpo ferrari giù dalla top ten, vettel che fa un giro strepitoso e tutti gli altri a girare con il pepe al culo???

    mmmmmmmmmmmmmmmmmmmm…

    che c’era di così magico dentro al cilindro di newey & co da aspettare la Q3???

  11. best

    23 giugno 2012 at 17:55

    nn so se voi date un occhio anche nelle retrovie ..
    Ma vedere Kovalainen davanti alle toro rosso e De La rosa girare a 3 secondi dai primi .. mi viene da dire che forse sbagliamo a criticare un pò troppo i nuovi team..
    è vero che sia Kovalainen che De La Rosa ci hanno messo del suo.. però non possiamo negare che questi team sono migliorati tantissimo in queste ultime 3 gare..

  12. V-Ryven

    23 giugno 2012 at 20:14

    Contentissimo per Vettel, alla fine nella mediocrità e nell’incertezza di questo anno il suo numero 1 è sempre davanti a tutti.. complimenti!! anche Kimi ottima prestazioni, per me rimane cmq il favorito domani. Da schumi mi aspettavo qualcosina in + ma sicuramente domani tirerà fuori qualcosa di buono. per il resto, fa impressione vedere la ferrari fuori dalla Q3 e scuderie come Force india e williams dentro…

  13. Alessio

    23 giugno 2012 at 22:05

    Due commenti a freddo: 1) Schumacher – o il box Mercedes – la devono finire di fargli tentare il tutto per tutto all’ultimo decimo di secondo. Può funzionare (Montecarlo) come può non funzionare (oggi). Anche se a pesare, secondo me, è anche il terzo settore, dove anche nelle libere mi è sembrato più lento degli altri (con i risultati del primo e del secondo rientrava tranquillamente tra i primi dieci), a cui si aggiunge anche l’errore.
    2) L’unico che si è avvantaggiato dell’entrata all’ultimo decimo di secondo è stato Kovalainen che, zitto zitto, ha aspettato che Ricciardo scendesse dalla macchina e si è preso la quindicesima posizione. E bravo il finnico.

  14. Alessio Sandrini

    23 giugno 2012 at 23:15

    faccio notare a chi stra parla sul miracolo Newey.. che di REDBULL ce ne sono 2 e come accade nel 80% dei casi c è ne una sola che va e che fa pole, vince i gp e i mondiali. Quella del SEBA.
    MA come 1 mese fa tutti a dire, VETTEL è senza macchinona e non va piu?? e ora che va è tornata la macchina?? Banderuole ferrarico-italiote… FAte le piadine è meglio.

    • Pitoni88

      23 giugno 2012 at 23:53

      e devi ancora vedere cosa accadrà quanto verrà in Ferrari Vettel lo faranno diventare un fenomeno superiore anche ad Alonso ed Schumacher ……

      • Alessio Sandrini

        24 giugno 2012 at 11:34

        Si hai perfettamente ragione. Il tifoso ferrari è così.. Ricordo i fischi a JEAN ALESI a monza nel 1997, come se alla Benetton ci fosse finito per sua volontà… Poi mandano via un fenomeno come KIMI e fanno santo un grande campione come ALONSO che però , va detto chiaro, è era nelal Spy Story.. e nell’affare Piquet… non cose da poco… Quando ci sarà il SEBA, cambieranno atteggiamento, ma sopratutto torneranno a fare le cose che facevano quadno c’era il KAISER…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

Valencia, addio alla F1?

Il circuito preso d'assalto dai ladri
Il futuro di Valencia in Formula 1 sarebbe ormai segnato e la città spagnola potrebbe non ospitare mai più un
Focus F1

La pazza idea di Ecclestone: un GP a Londra

Il patron della F1 sarebbe tentato dall'idea di una gara nel cuore della capitale britannica
Bernie Ecclestone a 81 anni pare immune dagli scandali finanziari che lo circondano e pensa a nuove gare sempre più
Focus F1

A Valencia spettacolo e 58 sorpassi

La bellissima gara di domenica scorsa fa crescere il rammarico per una pista che è a rischio eliminazione dal calendario
Descritto in anticipo come una corsa noiosa, il GP d’Europa di Valencia è stato uno dei gran premi più belli