GP d’Europa: Vettel conquista la pole davanti a Hamilton, Alonso solo 11°

Qualifiche thriller a Valencia: le Ferrari eliminate in Q2 con Schumacher

GP d’Europa: Vettel conquista la pole davanti a Hamilton, Alonso solo 11°

Sarà Sebastian Vettel a partire in pole position domnani al GP d’Europa, in una Qualifica che ha visto l’eliminazione a sopresa delle Ferrari in Q2 e quella di Mark Webber in Q1.

Sulla pista di Valencia il tedesco della Red Bull ha estratto dal cilindro un giro incredibile, girando in 1’38”086 e mettendo alle sue spalle Lewis Hamilton con la McLaren di 324 millesimi; terza piazza a sorpresa per la Williams di Pastor Maldonado, a 65 millesimi dall’inglese, poi Romain Grosjean con la Lotus a soli 30 millesimi dal venezuelano. Quinta piazza, a soli altri otto millesimi, per la vettura gemella guidata da Kimi Raikkonen, che ha preceduto Nico Rosberg con la Mercedes, a mezzo secondo da Vettel; Settima piazza per Kamui Kobayashi con la Sauber, che con un bellissimo giro ha messo dietro le due quest’oggi fortissime Force India di Nico Hulkenberg e Paul Di Resta, che hanno chiuso all’ottavo e al decimo posto e la McLaren di Jenson Button, che ha chiuso nono. Mancano dalla Top 10 molti big: Fernando Alonso è 11° con la prima Ferrari, seguito da Michael Schumacher con la Mercedes e da Felipe Massa con la seconda Rossa. A chi è andata peggio è Mark Webber, addirittura 18° con la Red Bull.

La prima notizia delle Qualifiche è il forfait di Timo Glock: il tedesco della Marussia soffre di un virus intestinale e nella FP3 ha avuto una ricaduta. Salterà le qualifiche e forse anche la gara: se dovesse recuperare per domani, chiederà alla Fia una dispensa per poter correre. Al via delle qualificazioni prendono dunque parte 23 vetture: la temperatura dell’asfalto è di 43°, mentre l’aria è più fresca, a 25°. La Q1 vede un duello per il primo posto tra Schumacher, Massa e Hamilton, con l’inglese che è il più veloce con il tempo di 1’39”169 davanti di due decimi rispetto al brasiliano della Ferrari. Tutti i top team montano le gomme Medium, mentre le Toro Rosso sono costrette a montare già in questa prima manche le Soft. Le Red Bull attendono moltissimo tempo ai box e Vettel esce in pista solo a sei minuti dalla fine della sessione, ottenendo il sesto tempo. Alonso sale in terza posizione, alle spalle tiene Schumacher, Button e appunto Vettel. Solo Mark Webber manca all’appello: l’australiano va in pista a soli quattro minuti dalla fine della Q1 e a sorpresa monta gomme Soft, anche se è in difficoltà già nei primi parziali e infatti chiude 17°. Nel finale anche le Force India e le Williams montano le Soft, al pari di Perez: la mossa è vincente e le vetture indiane con Di Resta e Hulkenberg ottengono il primo e secondo posto, con Rosberg alle loro spalle, prima che Maldonado conquisti a sua volta il miglior tempo. Le Morbide premiano anche la Caterham: Kovalainen riesce a conquistare il 16° tempo e manda all’inferno Webber, che viene dunque eliminato. Oltre al pilota della Red Bull escono di scena Jean-Eric Vergne con la Toro Rosso, Vitaly Petrov con l’altra Caterham, poi le due HRT di Pedro De La Rosa e Narain Karthikeyan e infine la Marussia superstite di Charles Pic.

La Q2 vede subito in pista le Ferrari che montano ancora le Medie: Alonso ottiene il miglior tempo ma viene battuto di tre decimi da Di Resta che monta le morbide. Tutti i piloti, ad eccezione di quelli del Cavallino, montano la mescola più soffice: infatti la lotta vede primeggiare Rosberg, seguito da Hulkenberg. La battaglia ferve; Hamilton risale al terzo posto, preceduto da Raikkonen, mentre le Rosse scendono in pista con i pneumatici Soft. Alonso agguanta la settima piazza, ma Massa non riesce a fare meglio del 12° posto. Di Resta si inserisce nel frattempo in seconda posizione, Maldonado è quinto: ci sono cinque piloti in 66 millesimi. La Q2 si avvia alla conclusione: Vettel evita l’eliminazione all’ultimo secondo e risale al terzo posto, pochi attimi prima che Grosjean ottenga un magnifico primo posto ed elimina in maniera shock entrambe le Ferrari e Schumacher. Incredibilmente la strategia della Rossa non ha funzionato: Alonso chiude 11° a 220 millesimi dalla vetta ed è preceduto da Kobayashi, che conquista dunque la Q3. Seguono Schumacher con la Mercedes e Felipe Massa con la seconda F2012, eliminati nonostante abbiano concluso a tre decimi scarsi da Grosjean. Vengono eliminati dalla Q3 anche Bruno Senna con la Williams, Sergio Perez con la Sauber, quindi Heikki Kovalainen con la Caterham e infine Daniel Ricciardo con la Toro Rosso.

La Q3 inizia con le Force India che montano gomme Medium per il loro primo tentativo, mentre sono due i set di gomme nuovi a disposizione delle McLaren. Rosberg ottiene il miglior tempo con 1’38’623 e mette dietro Button, Hamilton e Raikkonen. Grosjean però si dimostra ancora formidabile e ottiene il miglior tempo con 1’38”505, prima che Maldonado lo batta di 30 millesimi soltanto. Il finale è incandescente: Vettel mette in scena un tempo incredibile e abbassa di mezzo secondo il record della Q3, conquistando la pole. Hamilton risponde con un secondo posto comunque staccato di quattro decimi: per Maldonado è tuttavia un terzo posto che vale molto. Per Vettel è invece la 33ma pole della carriera: è sicuramente lui il favorito per la gara di domani.

Lorena Bianchi

Ecco i tempi delle qualifiche:

Pos  Pilota                Team                 Tempo        Divario   
 1.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault     1m38.086s
 2.  Lewis Hamilton        McLaren-Mercedes     1m38.410s  + 0.324
 3.  Pastor Maldonado      Williams-Renault     1m38.475s  + 0.389
 4.  Romain Grosjean       Lotus-Renault        1m38.505s  + 0.419
 5.  Kimi Raikkonen        Lotus-Renault        1m38.513s  + 0.427
 6.  Nico Rosberg          Mercedes             1m38.623s  + 0.537
 7.  Kamui Kobayashi       Sauber-Ferrari       1m38.741s  + 0.655
 8.  Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes 1m38.752s  + 0.666
 9.  Jenson Button         McLaren-Mercedes     1m38.801s  + 0.715
10.  Paul di Resta         Force India-Mercedes 1m38.992s  + 0.906
Tempo limite Q2: 1m38.703s                                   
11.  Fernando Alonso       Ferrari              1m38.707s  + 0.218
12.  Michael Schumacher    Mercedes             1m38.770s  + 0.281
13.  Felipe Massa          Ferrari              1m38.780s  + 0.291
14.  Bruno Senna           Williams-Renault     1m39.207s  + 0.718
15.  Sergio Perez          Sauber-Ferrari       1m39.358s  + 0.869
16.  Heikki Kovalainen     Caterham-Renault     1m40.295s  + 1.806
17.  Daniel Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari   1m40.358s  + 1.869
Tempo limite Q1 1m40.087s                                   
18.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Ferrari   1m40.203s  + 1.378
19.  Mark Webber           Red Bull-Renault     1m40.395s  + 1.570
20.  Vitaly Petrov         Caterham-Renault     1m40.457s  + 1.632
21.  Pedro de la Rosa      HRT-Cosworth         1m42.171s  + 3.346
22.  Narain Karthikeyan    HRT-Cosworth         1m42.527s  + 3.702
23.  Charles Pic           Marussia-Cosworth    1m42.675s  + 3.850

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

93 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

Valencia, addio alla F1?

Il circuito preso d'assalto dai ladri
Il futuro di Valencia in Formula 1 sarebbe ormai segnato e la città spagnola potrebbe non ospitare mai più un
Focus F1

La pazza idea di Ecclestone: un GP a Londra

Il patron della F1 sarebbe tentato dall'idea di una gara nel cuore della capitale britannica
Bernie Ecclestone a 81 anni pare immune dagli scandali finanziari che lo circondano e pensa a nuove gare sempre più
Focus F1

A Valencia spettacolo e 58 sorpassi

La bellissima gara di domenica scorsa fa crescere il rammarico per una pista che è a rischio eliminazione dal calendario
Descritto in anticipo come una corsa noiosa, il GP d’Europa di Valencia è stato uno dei gran premi più belli