La pazza idea di Ecclestone: un GP a Londra

Il patron della F1 sarebbe tentato dall'idea di una gara nel cuore della capitale britannica

La pazza idea di Ecclestone: un GP a Londra

Bernie Ecclestone a 81 anni pare immune dagli scandali finanziari che lo circondano e pensa a nuove gare sempre più spettacolari. Oggi il patron della F1 presenterà la proposta per un Gran Premio sulle strade del centro di Londra.

Il progetto nasce da un evento organizzato da uno sponsor della McLaren che ipotizzava un tracciato fittizio nella capitale britannica, seguendo un percorso che portava le vetture di F1 vicino allo Stadio Olimpico: ma la cosa è piaciuta al miliardario Ecclestone a tal punto che il prestigioso quotidiano The Times rivela che il boss del Circus sarebbe pronto a investire quasi 55 milioni di dollari di organizzare una gara attraverso i monumenti londinesi più famosi come Buckingham Palace, Trafalgar Square, il Big Ben e la Colonna di Nelson a Piccadilly Circus.

Ecclestone non è nuovo a gare di questo tipo, “alla Montecarlo”: basti pensare alla recente Valencia, costruita attorno al porto della città spagnola, o all’arrivo del GP di New York tra due anni; per tacere del GP di Roma da corrersi all’Eur, che tante polemiche aveva suscitato. I media britannici dicono che i progetti per la gara londinese saranno svelati nella giornata di oggi. “Pensate che cosa sarebbe per il turismo”, ha detto Ecclestone. “Sarebbe fantastico, buono per Londra, buono per l’Inghilterra, molto meglio delle Olimpiadi” . L’Ufficio del Sindaco di Londra Boris Johnson non ha voluto commentare la proposta di Ecclestone e l’organizzatore del campionato di F1 ha continuato: “Se le cose stanno così, forse noi dovremmo affrontare i problemi e proporre il finanziamento per risolverli. Se noi prenderemo l’okay e tutto andrà bene, io penso che lo potremo fare”, ha concluso Ecclestone.

Lorena Bianchi

La pazza idea di Ecclestone: un GP a Londra
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

44 commenti
  1. Davide77

    28 giugno 2012 at 17:36

    L’INGHILTERRA OLTRE SILVERSTONE HA LO SPLENDIDO CIRCUITO DI BRANDS HATCH PERCHE’ NON RIUTILIZZARLO?

  2. Mike 90

    28 giugno 2012 at 19:17

    Superfluo pure commentare. E’ da ospizio permanente.

  3. mikeleke

    28 giugno 2012 at 20:22

    “”””e pensa a nuove gare sempre più spettacolari. “””

    MA CHI BERNIE??? NON MI PARE:

    a) sottovaluta, annulla e alterna il circuito dei circuiti,ovvero “” SPA “”

    b) introduce e approva regole sempre piu’ idiote

    c) guarda al ” futuro “, mentre se si pensa ai bellissimi duelli degli anni 70 e 80, conviene guardare al “” passato “”.

  4. gliarrabbiatirestano

    29 giugno 2012 at 01:32

    Ok, a sto punto propongo anche un bel GP a Potenza, ho già una mezza idea del tracciato: un tratto veloce alcuni tratti lenti, dislivelli paurosi e un paio di curve della morte. Forse i sorpassi non sarebbero semplicissimi,ma studiando bene i tratti veloci forse si riesce a tirare fuori qualcosa, ma vi assicuro che le curve della morte sarebbero qualcosa di veramente spettacolare

  5. MC-Nicky69

    29 giugno 2012 at 12:29

    Bastaaaa!!!) Hanno rotto questi circuiti cittadini!!! Noiosi stretti e lenti vogliamo i circuiti veri con i curvino veloci le staccate basta con queste piste come Montecarlo anti Formula 1 teniamoci Monaco e poi solo veri circuiti!

    • controaltare

      29 giugno 2012 at 14:00

      Perfettamente d’accordo: Montecarlo più che una corsa è una processione in fila indiana, ma si corre lì per la storia che ha, gli altri circuiti cittadini senza storia li eliminerei, rivalutiamo piuttosto gli autodromi storici dimenticati!

      • MC-Nicky69

        29 giugno 2012 at 18:53

        Non capisce niente Ecclestone ci sono tante piste stupende che sono state tolte per far posto a queste piste indecenti perché non rimettono a tutti gli effetti in calendario circuiti come Imola,Nurburing,Magny cuorse ecc tra un pó ci saranno solo circuiti cittadini perché fanno tanti soldi ma le gare sono davvero noiose ma essendo pieno di vip sui loro yacht o tra i monumenti delle città hanno diritto ad esserci piú di una vera e propria pista!

  6. Marko

    30 giugno 2012 at 15:49

    Correre un Gp con la cornice di una citta’ suggestiva come Londra potrebbe a prima vista essere una cosa fantastica, poi riflettendoci bene mi e’ sembrata una cosa veramente assurda.
    Ecclestone vuole avvicinare televisioni, sponsor, giornali e pubblico alla F1 puntando su cornici del Gp piene di storia e di suggestione mi sembra che si stia ispirando ai videogame e al Red Bull X fight.
    La F1 non dovrebbe avere bisogno di queste cose.
    Negli anni passati si e’ parlato tanto di sicurezza, si sono chiusi (almeno alla F1) o modificati tracciati storici per garantire una maggiore sicurezza a piloti e pubblico poi adesso si organizzano GP in cui si corre tra muretti senza reali vie di fuga e senza che vi siano organizzatori con una reale preparazione per far fronte ad eventuali incidenti vedi macchina di Grosjean spinta sul traccatiato intanto che le altre F1 sfrecciacano a pochi metri dai commissari.
    Di GP cittadino ne basta uno, Montecarlo, vuoi perche’ e ‘ storico, per le velocita’ medie relativamente basse e perche’ l’organizzazione ha raggiunto standard soddisfacenti.
    Una volta i videogame si ispiravano alla F1 ora siamo arrivati a vedere l’opposto. La f1 dovrebbe offrire spettacolo grazie alla competizione tra piloti e macchine non grazie a scenari suggestivi.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati