Whitmarsh: “Hamilton avrebbe dovuto avere un approccio diverso con Maldonado”

Il capo della McLaren dà la colpa dell'incidente al venezuelano

Whitmarsh: “Hamilton avrebbe dovuto avere un approccio diverso con Maldonado”

Martin Whitmarsh, team principal della McLaren, difende Lewis Hamilton dopo l’incidente con Pastor Maldonado che l’ha costretto al ritiro a due giri dalla fine del GP d’Europa.

Per il dirigente inglese se lo scontro era essenzialmente colpa del venezuelano, è anche vero che Hamilton avrebbe potuto lasciare più spazio, conoscendo l’eccessiva grinta del pilota della Williams. L’incidente è avvenuto alla curva 13 della pista di Valencia. Hamilton in forte crisi era stato passato da poco da Kimi Raikkonen e Maldonado voleva arpionare il terzo posto, approfittando dei guai delle gomme ormai distrutte del pilota della McLaren. Il venezuelano si è affiancato all’esterno a Hamilton, che ha resistito spingendo il rivale sul cordolo: inevitabile il successivo contatto tra i due, anche se è difficile stabilire chi abbia la responsabilità. Infatti Hamilton è stato vittima della sua solita mancanza di lucidità nei momenti più caldi, in quanto non avrebbe fatto molta differenza finire terzo o quarto, a differenza di quanto fatto da Fernando Alonso in Canada quando si trovò in una situazione analoga e si fece passare senza quasi lottare e senza rischiare dagli avversari più veloci. Dall’altra Maldonado è sicuramente un buon pilota ma che nel finale di gara, quando c’è da rimanere freddi, si lascia prendere dall’irruenza più distruttiva. Accadde qualche mese fa in Australia e anche in Cina rischiò moltissimo con sorpassi al limite sempre nel finale.

“Ovviamente no, non era necessario difendersi in modo così duro da parte di Lewis a Valencia, ma mi state trascinando nelle polemiche”, ha spiegato Whitmarsh al periodico inglese Autosport. “Avete visto come si è difeso con Grosjean e con Raikkonen e lui non ha fatto nulla di diverso con Maldonado. E’ stato un esito diverso del duello, ma non ha fatto nulla di differente rispetto al suo solito comportamento in pista. La mia opinione è che la colpa sia di Maldonado ed è profondamente frustrante, ma è un pilota da corsa e questo succede. Sono sicuro che col senno di poi si potrebbe dire che quando si deve lottare con una persona del genere si deve adottare un approccio diverso, ma non lo si può pensare in anticipo”, ha concluso il capo della McLaren. Hamilton per via di questo ritiro ha perso la leadership del Campionato del Mondo Piloti e si trova ora terzo e 23 punti dietro Fernando Alonso.

Lorena Bianchi

Whitmarsh: “Hamilton avrebbe dovuto avere un approccio diverso con Maldonado”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

85 commenti
  1. strige

    26 giugno 2012 at 16:48

    Maldonato era fuori dalla sede stradale? Se si (io non mi ricordo bene la scena), allora maldonato doveva rendere la posizione e non attaccare lewis. Per me la penalità ci sta tutta.

  2. theboss

    26 giugno 2012 at 17:42

    TACI CAPRONE CHE NON SEI ALTRO…PENSA A SVILUPPARE QUEL CATORCIO E PENSA A SISTEMARE I PIT STOP CHE FATE RIDERE I POLLI E RINGRAZIA LEWIS SE HAI QUALCHE CHANCE DI VINCERE IL MONDIALE….!!!!!!!!

  3. montis

    26 giugno 2012 at 19:35

    lo doveva fare passare tanto oramai la posizione era persa comunque,e se vuole essere in lotta fino alla fine del mondiale che cominci a prendere qualche lezione di matematica da alonso che in certi momenti riescea calcolare tutto

  4. michele

    27 giugno 2012 at 09:54

    Mio genero come mi vede:

    E’ colpa di Hamilton!!!
    E’ colpa di Hamilton!!!
    E’ colpa di Hamilton!!!

    Pure lo spread è colpa di Hamilton!!!!!

    E anche se non avesse colpa,
    cmq sarebbe sua la colpa!!!

    colpa di esistere e di essere Hamilton!!!!!!!!!

  5. mario

    27 giugno 2012 at 10:29

    ringraziamo, vettel, maldonado e hammilton per averci dato il terzo posto. forza schumy

  6. Elena (mclaren)

    27 giugno 2012 at 11:25

    in un primo momento ho dato la colpa dell’incidente a Lewis ma riguardandomelo registrato più di una volta…non ne sono più convinta..anzi penso che la penalità sia giusta..pratacamente Maldonado si è trovato fuori pista nel duello..(sulla sx) e per rientrare in battaglia e anche sull’asfalto ha speronato Hamilton che stava tenendo la traiettoria…quindi penalità sacrosanta..questo non toglie che Lewis poteva alzare il piede ma visto che mancava mezzo giro non poteva immaginare come sarebbe andata a finire..;-)

  7. mardy

    27 giugno 2012 at 19:18

    fuori maldonado dalla f1 e fuori whtmarsh dalla mclaren fuori massa dalla ferrari

  8. prost

    28 giugno 2012 at 00:04

    o MARDY cappero c’entra Button LA COLPA è DI MALDONADO
    MA HAMILTON HA PERSO UN SACCO DI PUNTI BUTTON QUELLE MINCHIATE LI NON LE Fà E NEANCHE è AVANTAGGIATO DALLA SCUADRA ANZI CASOMAI è IL CONTRARIO.
    AGGIUNGO CHE SUL BAGNATO NON LO BATTE NESSUNO A BUTTON

  9. frederick

    28 giugno 2012 at 00:21

    ora siamo in 6

  10. frederick

    28 giugno 2012 at 00:22

    w la FERRARI

  11. frederick

    28 giugno 2012 at 00:22

    vettel? e chi e’.

  12. frederick

    28 giugno 2012 at 00:24

    hahahahahahahah

  13. mardy

    28 giugno 2012 at 15:26

    questi messaggi vengono letti da whimarsh ? spero cosi vede cosa pensiamo da lui button e i mecanici

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

Valencia, addio alla F1?

Il circuito preso d'assalto dai ladri
Il futuro di Valencia in Formula 1 sarebbe ormai segnato e la città spagnola potrebbe non ospitare mai più un
Focus F1

La pazza idea di Ecclestone: un GP a Londra

Il patron della F1 sarebbe tentato dall'idea di una gara nel cuore della capitale britannica
Bernie Ecclestone a 81 anni pare immune dagli scandali finanziari che lo circondano e pensa a nuove gare sempre più
Focus F1

A Valencia spettacolo e 58 sorpassi

La bellissima gara di domenica scorsa fa crescere il rammarico per una pista che è a rischio eliminazione dal calendario
Descritto in anticipo come una corsa noiosa, il GP d’Europa di Valencia è stato uno dei gran premi più belli