GP d’Europa: Vettel conquista la pole davanti a Hamilton, Alonso solo 11°

Qualifiche thriller a Valencia: le Ferrari eliminate in Q2 con Schumacher

GP d’Europa: Vettel conquista la pole davanti a Hamilton, Alonso solo 11°

Sarà Sebastian Vettel a partire in pole position domnani al GP d’Europa, in una Qualifica che ha visto l’eliminazione a sopresa delle Ferrari in Q2 e quella di Mark Webber in Q1.

Sulla pista di Valencia il tedesco della Red Bull ha estratto dal cilindro un giro incredibile, girando in 1’38”086 e mettendo alle sue spalle Lewis Hamilton con la McLaren di 324 millesimi; terza piazza a sorpresa per la Williams di Pastor Maldonado, a 65 millesimi dall’inglese, poi Romain Grosjean con la Lotus a soli 30 millesimi dal venezuelano. Quinta piazza, a soli altri otto millesimi, per la vettura gemella guidata da Kimi Raikkonen, che ha preceduto Nico Rosberg con la Mercedes, a mezzo secondo da Vettel; Settima piazza per Kamui Kobayashi con la Sauber, che con un bellissimo giro ha messo dietro le due quest’oggi fortissime Force India di Nico Hulkenberg e Paul Di Resta, che hanno chiuso all’ottavo e al decimo posto e la McLaren di Jenson Button, che ha chiuso nono. Mancano dalla Top 10 molti big: Fernando Alonso è 11° con la prima Ferrari, seguito da Michael Schumacher con la Mercedes e da Felipe Massa con la seconda Rossa. A chi è andata peggio è Mark Webber, addirittura 18° con la Red Bull.

La prima notizia delle Qualifiche è il forfait di Timo Glock: il tedesco della Marussia soffre di un virus intestinale e nella FP3 ha avuto una ricaduta. Salterà le qualifiche e forse anche la gara: se dovesse recuperare per domani, chiederà alla Fia una dispensa per poter correre. Al via delle qualificazioni prendono dunque parte 23 vetture: la temperatura dell’asfalto è di 43°, mentre l’aria è più fresca, a 25°. La Q1 vede un duello per il primo posto tra Schumacher, Massa e Hamilton, con l’inglese che è il più veloce con il tempo di 1’39”169 davanti di due decimi rispetto al brasiliano della Ferrari. Tutti i top team montano le gomme Medium, mentre le Toro Rosso sono costrette a montare già in questa prima manche le Soft. Le Red Bull attendono moltissimo tempo ai box e Vettel esce in pista solo a sei minuti dalla fine della sessione, ottenendo il sesto tempo. Alonso sale in terza posizione, alle spalle tiene Schumacher, Button e appunto Vettel. Solo Mark Webber manca all’appello: l’australiano va in pista a soli quattro minuti dalla fine della Q1 e a sorpresa monta gomme Soft, anche se è in difficoltà già nei primi parziali e infatti chiude 17°. Nel finale anche le Force India e le Williams montano le Soft, al pari di Perez: la mossa è vincente e le vetture indiane con Di Resta e Hulkenberg ottengono il primo e secondo posto, con Rosberg alle loro spalle, prima che Maldonado conquisti a sua volta il miglior tempo. Le Morbide premiano anche la Caterham: Kovalainen riesce a conquistare il 16° tempo e manda all’inferno Webber, che viene dunque eliminato. Oltre al pilota della Red Bull escono di scena Jean-Eric Vergne con la Toro Rosso, Vitaly Petrov con l’altra Caterham, poi le due HRT di Pedro De La Rosa e Narain Karthikeyan e infine la Marussia superstite di Charles Pic.

La Q2 vede subito in pista le Ferrari che montano ancora le Medie: Alonso ottiene il miglior tempo ma viene battuto di tre decimi da Di Resta che monta le morbide. Tutti i piloti, ad eccezione di quelli del Cavallino, montano la mescola più soffice: infatti la lotta vede primeggiare Rosberg, seguito da Hulkenberg. La battaglia ferve; Hamilton risale al terzo posto, preceduto da Raikkonen, mentre le Rosse scendono in pista con i pneumatici Soft. Alonso agguanta la settima piazza, ma Massa non riesce a fare meglio del 12° posto. Di Resta si inserisce nel frattempo in seconda posizione, Maldonado è quinto: ci sono cinque piloti in 66 millesimi. La Q2 si avvia alla conclusione: Vettel evita l’eliminazione all’ultimo secondo e risale al terzo posto, pochi attimi prima che Grosjean ottenga un magnifico primo posto ed elimina in maniera shock entrambe le Ferrari e Schumacher. Incredibilmente la strategia della Rossa non ha funzionato: Alonso chiude 11° a 220 millesimi dalla vetta ed è preceduto da Kobayashi, che conquista dunque la Q3. Seguono Schumacher con la Mercedes e Felipe Massa con la seconda F2012, eliminati nonostante abbiano concluso a tre decimi scarsi da Grosjean. Vengono eliminati dalla Q3 anche Bruno Senna con la Williams, Sergio Perez con la Sauber, quindi Heikki Kovalainen con la Caterham e infine Daniel Ricciardo con la Toro Rosso.

La Q3 inizia con le Force India che montano gomme Medium per il loro primo tentativo, mentre sono due i set di gomme nuovi a disposizione delle McLaren. Rosberg ottiene il miglior tempo con 1’38’623 e mette dietro Button, Hamilton e Raikkonen. Grosjean però si dimostra ancora formidabile e ottiene il miglior tempo con 1’38”505, prima che Maldonado lo batta di 30 millesimi soltanto. Il finale è incandescente: Vettel mette in scena un tempo incredibile e abbassa di mezzo secondo il record della Q3, conquistando la pole. Hamilton risponde con un secondo posto comunque staccato di quattro decimi: per Maldonado è tuttavia un terzo posto che vale molto. Per Vettel è invece la 33ma pole della carriera: è sicuramente lui il favorito per la gara di domani.

Lorena Bianchi

Ecco i tempi delle qualifiche:

Pos  Pilota                Team                 Tempo        Divario   
 1.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault     1m38.086s
 2.  Lewis Hamilton        McLaren-Mercedes     1m38.410s  + 0.324
 3.  Pastor Maldonado      Williams-Renault     1m38.475s  + 0.389
 4.  Romain Grosjean       Lotus-Renault        1m38.505s  + 0.419
 5.  Kimi Raikkonen        Lotus-Renault        1m38.513s  + 0.427
 6.  Nico Rosberg          Mercedes             1m38.623s  + 0.537
 7.  Kamui Kobayashi       Sauber-Ferrari       1m38.741s  + 0.655
 8.  Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes 1m38.752s  + 0.666
 9.  Jenson Button         McLaren-Mercedes     1m38.801s  + 0.715
10.  Paul di Resta         Force India-Mercedes 1m38.992s  + 0.906
Tempo limite Q2: 1m38.703s                                   
11.  Fernando Alonso       Ferrari              1m38.707s  + 0.218
12.  Michael Schumacher    Mercedes             1m38.770s  + 0.281
13.  Felipe Massa          Ferrari              1m38.780s  + 0.291
14.  Bruno Senna           Williams-Renault     1m39.207s  + 0.718
15.  Sergio Perez          Sauber-Ferrari       1m39.358s  + 0.869
16.  Heikki Kovalainen     Caterham-Renault     1m40.295s  + 1.806
17.  Daniel Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari   1m40.358s  + 1.869
Tempo limite Q1 1m40.087s                                   
18.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Ferrari   1m40.203s  + 1.378
19.  Mark Webber           Red Bull-Renault     1m40.395s  + 1.570
20.  Vitaly Petrov         Caterham-Renault     1m40.457s  + 1.632
21.  Pedro de la Rosa      HRT-Cosworth         1m42.171s  + 3.346
22.  Narain Karthikeyan    HRT-Cosworth         1m42.527s  + 3.702
23.  Charles Pic           Marussia-Cosworth    1m42.675s  + 3.850

GP d’Europa: Vettel conquista la pole davanti a Hamilton, Alonso solo 11°
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

93 commenti
  1. cont

    23 giugno 2012 at 15:18

    la pochezza della Ferrari e’ impressionante.

    • frederick

      23 giugno 2012 at 15:20

      Il primo che dice che Massa oggi ha fatto schifo lo vengo a cercare per portarlo al manicomio. Per 73 millesimi è rimasto dietro ad Alonso, praticamente nulla, così come nulla è il distacco per cui è uscita fuori la Ferrari.

      • frederick

        23 giugno 2012 at 15:23

        Peccato…Montezemolo aveva accarezzato Fernando…Ha portato male 😉
        Io domani col caldo vedo sia Maldonado che le due Lotus sul podio, mentre trovo assurdo il modo in cui le Force India hanno buttato via l’occasione di andare in prima o seconda fila. Attenzione perchè 14 piloti in 3 decimi come in Q2 non si erano mai visti, domani pure Schumacher può risalire, dipenderà molto dalla velocità in gara di Vettel che dovrebbe comunque essere elevata come si è visto nelle libere. Non è un caso che solo lui ha dato 3 decimi a tutti…

      • LEWIS

        23 giugno 2012 at 15:27

        Dai lewis,fai illudere come in canada a tutta a sta gente…domani li sbranerai di nuovo daje lewisss

      • MAAXXX (tifoso Ferrari moderato)

        23 giugno 2012 at 15:34

        questi distacchi sono ridicoli.. a parte Vettel che nell’ultimo giro ha fatto una mezza impresa, tutti gli altri sono praticamente tutti in 3 decimi.. io fino a quest’anno solo nei simulatori di guida vedevo di queste cose..
        ma sono macchine reali o stiamo guardando un videogioco?

      • frederick

        23 giugno 2012 at 15:41

        Si in pratica è come se stessimo guardando una serie monomarca, tipo GP2 o Indycar, dove sono tutti sullo stesso piano e più o meno solo le piccole sbavature nelle curve fanno il tempo. A me piace…finchè dura poco però.

      • frederick

        23 giugno 2012 at 15:43

        Anche perchè andiamo sempre a peggiorare. Non guardate le posizioni, ma oggi a lottare c’erano Red Bull, McLaren, Ferrari, Mercedes, Lotus, Williams, Force India e Sauber…

      • Simone Ippoliti

        23 giugno 2012 at 17:24

        Poteva arrivare pure a 0″001 da Schumacher e a 0″002 da Alonso, fatto sta che sempre dietro è arrivato, e non solo a Michael e Fernando, ma anche a tutti quelli che sono poi passati in Q3!
        E ora viemme pure a pià x portamme ar manicomio! Me trovi a Via Flaminia 91 Roma, t’aspetto 🙂

    • Luca

      23 giugno 2012 at 16:18

      come la tua ignoranza !!!

    • MicroIce (Tifoso RedBull Racing)

      23 giugno 2012 at 23:12

      Ma che diavolo è successo a Webber ?? Oggi era senza grinta e senza slancio, speriamo per lui che domani si dia una mossa.

      • Uenj87

        24 giugno 2012 at 12:47

        La vettura ha avuto problemi….

  2. frederick

    23 giugno 2012 at 15:18

    Potete dire quello che volete, ma solo Vettel ha fatto la differenza nel gruppone oggi!

    • Francesco

      23 giugno 2012 at 15:21

      i punti si assegnano domani e sul gradino più alto del podio ci sarà ICEMAN !!!

      • frederick

        23 giugno 2012 at 15:26

        Quindi tu pensi che possa succedere con temperature analoghe la stessa situazione del Bahrain? Io vedrei più Grosjean che Kimi in palla…Poi si vedrà.

      • Francesco

        23 giugno 2012 at 15:28

        non uguale a quella del barhein perchè vettel gli arriverà dietro ..
        la lotus ha il miglior passo gara e miglior degrado gomme ..

    • AleMans

      23 giugno 2012 at 15:28

      É vero devo darti ragione, oggi Vettel e Newey hanno fatto la differenza.

      • frederick

        23 giugno 2012 at 15:36

        Guarda…A meno di grandi sconvolgimenti le posizioni maggiormente in discussione sono quelle di Hamilton che dovrebbe avere un passo gara inferiore alle Lotus, ma da quello che ho visto Vettel pare imbattibile anche in gara.

      • Tuki

        23 giugno 2012 at 15:58

        Ridicola la politica in casa Red Bull e continuo a sostenerlo..quando Vettel è stratosferico Webber è miseramente nei casini(e anche l’anno scorso la storia si ripeteva)..nelle libere 3 anche crofty di sky sport continuava a indicare come Newey non si interessava minimamente dei problemi di Webber che ha perso tutta la sessione è stato tutta l’ora intorno alla vettura del cocco….ridicoli poi quelli che esaltano vettel per questa pole..cacchio la macchina incollata al suolo dico io…manco fosse sui binari..vorrei davvero vedere Lewis su una vettura così cavolo!!! sarebbe il mio sogno!!
        L’unico cavaliere che con il suo talento può andare oltre ad una mclaren che non arriva mai al livello della lattina sui circuiti stradali è sempre lui..il grande Lewis!

      • frederick

        23 giugno 2012 at 16:03

        Tuki…è la stessa politica della Ferrari.

    • Uenj87

      23 giugno 2012 at 18:23

      Sono sempre stato scettico nei suoi confronti, ma oggi la pole è escusivamente merito suo…

  3. Fernando

    23 giugno 2012 at 15:19

    Che strano, quando il Kaiser disse che le gomme erano troppo influenti e danneggiavano lo sviluppo delle vetture e le qualità velocistiche dei piloti, tutti a dargli contro, oggi se ne accorge anche Montezemolo che le gomme stanno rovinando la F1…
    Complimenti a Vettel ed Hamilton, al solito i più bravi, certo che quel tempo di Vettel…

    • AleMans

      23 giugno 2012 at 15:32

      Fino alla fine del campionato le gomme faranno scontenti un po’ tutti, chi piú chi meno.

      E ora che lo dice anche Monteprezzolo vedrete che l’anno prossimo le cose cambieranno.

    • quickest

      23 giugno 2012 at 16:22

      io invece penso che quest’anno le gomme abbiano salvato la faccia in Ferrari, perche’ con gomme piu’ competitive il distacco sarebbe molto piu’ pesante

  4. Francesco

    23 giugno 2012 at 15:20

    come avevo pronosticato .. vettel in pole di 3 decimi .. le lotus tra la quinta e la sesta posizione, la ferrari è in difficoltà ecc..
    domani ribadisco vittoria a raikkonen ..

  5. AleMans

    23 giugno 2012 at 15:21

    Ormai la RedBull é tornata quella di prima, anzi ancora piú forte… 4 decimi ad Hamilton.
    Soprattutto nei tilkodromi, perfetti per la RedBull.

    Ritorneremo alle solite gare con Vettel che parte, stacca tutti e pista libera.

  6. Rpg

    23 giugno 2012 at 15:22

    Schumacher scandaloso..spero nell’ottava sfortuna dell’anno cosi evitiamo figuracce.

    • frederick

      23 giugno 2012 at 15:30

      Ma come fai a dirlo per 2 decimi e mezzo? Mah.

      • Rpg

        23 giugno 2012 at 15:35

        guarda io sono tifosissimo di Schumacher e tendo sempre a dargli fiducia ma a un certo punto le scuse finiscono..le 2 auto sono gemelle, che ci fa lui dodicesimo?

      • MAAXXX (tifoso Ferrari moderato)

        23 giugno 2012 at 15:41

        quoto in pieno Frederick.. non bisogna guardare il risultato finale ma il tempo ottenuto..

        anni fa se Schumacher avesse preso quel distacco dalla pole sarebbe partito comunque al massimo in seconda fila..

        di questo passo a parte la prima fila è più conveniente assegnare le restanti posizioni con un sorteggio.. almeno si risparmiano gomme, benzina e vetture..

    • Pitoni88

      23 giugno 2012 at 16:07

      Purtroppo oggi Schumacher non può campare scuse , quello che è peggio non il non essersi qualificato in Q3 ma il fatto che Rosberg se è qualificato per il Q3 Senza problemi per poi toppare il giro finale.Se fossi nei capi Mercedes sostituerei entrambi , farei di tutto per avere Vettel o Hamilton con questi si vince…con quelli che hanno fanno solo fumo(chiacchiere) e niente arrosto(mondiale)

  7. polemiche gratuite online

    23 giugno 2012 at 15:23

    ma CHI li fa le strategie alla ferrari?
    abbiamo assistito solo due settimane fa alla magnifica pagliacciata della strategia canadese, ed oggi come se non bastasse un’altra pillola:a cosa diavolo serve uscire in q2 con le medie e perdere 10 minuti a zonzo, e poi fare i veri tentativi nell’ultimo minuto con le soft??
    chi è causa del suo male pianga se stesso!

    • manu91

      23 giugno 2012 at 15:27

      Visto i distacchi di oggi, penso non sia stato poi così determinante

  8. Albe

    23 giugno 2012 at 15:27

    @kimi87

    La tua frase ha portato più sf1ga che fortuna…meglio non ripeterla più!!E come al solito la Mercedez furba che fa fare un solo giro a Schumi con tutti in pista che cercano l’ultimo tempo..

    Certo che però sia Alo che Msc che Mas con il loro tempo in Q2 sarebbero davanti a diversi piloti della Q3.

    • kimi87

      23 giugno 2012 at 16:11

      scusa ma non sembra che si ci sia rotto qualcosa. quindi. a poco poco a funzionato noi abbiamo benedetto la macchina no schumi

      • Albe

        23 giugno 2012 at 16:20

        Speriamo bene per domani..

  9. luciano n

    23 giugno 2012 at 15:28

    bella paga abbiamo preso,speriamo domani sia un po meglio

  10. naico

    23 giugno 2012 at 15:28

    Fantastico Vettel!

  11. lettore

    23 giugno 2012 at 15:29

    vettel ha buone probabilità di vincere
    se fossi lew starei attento a pastor che sembra forte

  12. Daniele

    23 giugno 2012 at 15:30

    Secondo me dovevano subito entrare in Q2 con gomme morbide e se il loro tempo non era decente avevo sempre tutto il tempo per un nuovo treno di morbide…

  13. Turez

    23 giugno 2012 at 15:31

    Ferrari fuori per pochissimo..certo..fa strano vedere prestazioni tutte ravvicinite..ma le gomme stanno condizionando troppo questo sport.Praticamente le Ferrari con gomme medie sono tra le più veloci..e vanno in difficoltà con le morbide..cmq tutti questi circuiti cittadini penalizzano un pò la vettura di Maranello..già da Silverstone (circuiti di F1 no strettoie) si potra valutare in effetti se la Ferrari sarà in grado di dire la sua in questo mondiale.Però con questi tilktrodomi mi sono un pò rotto..che schifo di pista..domani meglio mare che vedere un trenino di macchine sfilare fino alla fine…Complimenti a Vettel ed Hamilton..gli unici due in grado di fare la differenza in questo Gp..gli altri devono ringraziari i regolamentie le gomme..(Maldonado cos’era fino l’anno passato..??macchine da metà-basso schieramento tra i primissimi..mah).

    • anonima

      23 giugno 2012 at 15:50

      Scusami se mi intrometto(e ti premetto che ci capisco poco se non niente)ma non trovi che hanno sbagliato far uscire Alonso Massa sulle gomme Medie?Hanno peccato un po’di presunzione,in piu’parli di curcuiti cittadini ma sbaglio o questi circuiti dovevono giocare a favore della Ferrari? Non e’una critica ma semplice curiosita’..ps queste gomme servono solo a umiliare i piloti

      • Turez

        23 giugno 2012 at 17:47

        Al contrario..all’inizio del campionato la Ferrari pagava un pò tutto..compresa la velocità di punta..manca ancora la trazione,e quindi all’uscita delle curve scaricare tutto il potenziale e uscirne veloci..manca questo..i cicuiti cittadini la penalizzano.Sicuramente hanno azzardato,ma in effetti è molto strano che con gomme medie la Ferarri è molto competitiva,rispetto le gomme soft (gomme che vediamo soprattutto in circuiti cittadini..)..di fatto non c’è stata tanta differenza rispetto le due mescole..cosa che invece alla RB e gli altri (Force India..bene in qualifica..così in gara..) funziona diversamente..certo..fosse successo in Canada sarebbe stato meglio ch erispetto a Valncia..dove per sorpassare o hai delle gomme sulla tela oppure ci sbatti contro.Detto questo è stato un piccolo passo indietro..dato che si corre più su questi tipi di tracciato..ormai tanto vale salire sui Kart.In risposta alle prestazioni degli altri piloti..non è una critica..ma non mi potetet dire che la Force India o la Williams o la Sauber siano auto che sulla distanza possono competere per un mondiale..la classifica infatti parla chiaro..sono sempre gli stessi i primi..è solo un gioco di pneumatici..che serve a mescolare le carte..e non so se è un bene o un male..perchè chi merita (le prestazioni di Massa,Button,Webber a ruota..e di alcuni..adesso si capisce cosa succede) non sta avendo tantissimo beneficio.E’ formula gomme..e incomincia a non piacere moltissimo.

    • Luca RB

      23 giugno 2012 at 15:55

      Grande Vettel,che giro fenomenale.Sul giro veloce non lo batte nessuno

      • anonima

        23 giugno 2012 at 16:03

        Si e’ stato un giro bellissimo,non me lo aspettavo dal momento che nella q2 tutta questa velocita’non c’era.Grande il leoncino 😉

    • delo

      23 giugno 2012 at 16:01

      Perche’ se Vettel e’ davanti e’ forte lui e se Maldonado e’ li a giocarsela e’ merito delle gomme??? La F1 e’ questo ed altro, si vince in pista ai box e in fabbrica…da quest’ anno anche al muretto. Il famoso miglior “pacchetto” non e’ piu’ solo macchina/pilota ma macchina/pilota/team/ingegnere di pista. Si corre con regole uguali per tutti, ci sono quelli piu’ bravi ad interpretarle e finche’ non vanno oltre infrangendole sposano lo spirito di estremizzazione della F1. Che vinca il migliore dunque sia esso vestito di rosso, con un nome famoso con una macchina storica o perfetto outsider!

  14. F1&Rally

    23 giugno 2012 at 15:31

    Newey è veramente un grande, non c’ è che dire, tutti gli aggiornamenti portati li ha montati tutti e con ottimi risultati, per la Ferrari tutti gli aggiornamenti sono stati smontati…
    A Vettel farei guidare una macchina progettata da Tombasis…
    E ad Alonso e ad Hamilton una macchina di Newey…

    • 7

      23 giugno 2012 at 17:10

      la rb8 è stata guidata in maniera eccellente, non una sbavatura, un incertezza, una imprecisione. perchè sminuire così il lavoro del pilota, tra l’ altro con le solite frasette di circostanza che tanto fanno felici quelli che non sanno accettare la sconfitta? (fosse una sconfitta poi, stiamo parlando di qualifiche…)

      e per onor di cronaca, Alonso sulla rb8 non sarebbe neanche entrato in Q3, vista l’ idea geniale di girare 20 minuti con le medie

  15. max

    23 giugno 2012 at 15:33

    La Ferrari sempre meglio!!! un capolavoro!!! hanno un team creato apposta per le strategie……certo può capitare,ma chissà perchè capita spesso e volentieri alla Ferrari……..

  16. francesco

    23 giugno 2012 at 15:36

    IO penso ke hamilton vincerà domani..SONO STRAFELICE X JENSON BUTTON KE E TORNATO…W MCLAREN SEMPRE!!!

  17. ringhio

    23 giugno 2012 at 15:42

    E finito il teatrino!Webber al suo posto e le rosse in fondo al pozzo..felice campionato a Tutti!Unica nota positiva il presidente schiaffeggiato senza essere rimasto nell’ombra!

  18. amico di Frederick

    23 giugno 2012 at 15:46

    EBBENE SI’! SIORI E SIORI il campionato dopo le prime sette gare strane si propone con solo due contendenti al titolo cioe’ Vettel e Hamilton: infatti la farsa fin qui di 7 vincitori in sette gare era ora che finisse.E la Ferrari? dimostra che i problemi della vettura non sono meccanici ma gravi e di aerodinamica poiche’ montare gomme medie o morbide non le fa alcuna differenza poiche’ se non ha il carico esse non servono a nulla!diciamo che il paragone e’ una fiat panda con gomme racing rende quasi uguale alla sua sorella con gomme omologate ah ah ah

  19. MikeCTF (tifoso Ferrari)

    23 giugno 2012 at 15:51

    A me oramai questa F1 sembra proprio un monomarca. Gomme, motori congelati, aereodinamica troppo importante… Alla fine tutti si sono adeguati e basta fare la piu’ piccola sbavatura per partire indietrissimo.
    Una volta restare 2 decimi dietro al primo significava andare molto forte, ora parti in 5a o 6a fila!
    Assurdo.

    • delo

      23 giugno 2012 at 15:53

      questo in realta’, e in qualsiasi sport, dovrebbe essere di buon auspicio per gare combattute!

      • MikeCTF (tifoso Ferrari)

        23 giugno 2012 at 16:11

        un monomarca o i distacchi ravvicinati??? Avere 14 piloti in 2 decimi in Q2 non e’ piu’ F1, ma Indy Car o GP2 per me. La F1 e’ (o meglio era) eccellenza motoristica, mica un gruppone di macchine fotocopia che si distinguono tra loro solo per i colori della carrozzeria e per dettagli aereodinamici minuscoli.

      • delo

        23 giugno 2012 at 16:20

        Mike ma non siamo pu’ negli anni 70 dove vedevi di tutto e di piu’.. quando ti avvicini al limite serve piu’ scienza e meno fantascienza. L’aerodinamica e’ appunto una scienza e per questo motivo le soluzioni si somigliano un po’ tutte… e poi ci sono dei regolamenti sempre piu’ ferrei. Certo, sono daccordo con te che si e’ persa la poesia di quella F1 fantascientifica,ma meglio oggi con distacchi ravvicinati e 5/6 scuderie a giocarsi la pole che le stagioni in cui c’erano piste good year per la scontata pole Mclaren o piste bridgestone per l’altrettanto scontata pole Ferrari!

      • MikeCTF (tifoso Ferrari)

        23 giugno 2012 at 16:26

        Uhmmm forse confondi le goodyear con le michelin, ma non e’ di questo che vorrei discutere. I regolamenti ferrei hanno ucciso quella F1 che abbiamo evocato. l’obbiettivo era di ridurre i costi, ma hanno invece decuplicato le spese delle scuderie. L’unico punto che per conto mio deve essere ferreo e’ quello della sicurezza, unico valore imprescindibile. Se poi vogliono ridurre i costi la soluzione e’ molto semplice: tetto alla spesa massima, stipendi dei piloti dimezzati (non credo che un ragazzo come Alonso o Vettel si lamenterebbe se il suo ingaggio fosse ridotto da 20 milioni di euro a 5 milioni…) e meno gare extraeuropee / tilkodromi inutili. Troppo semplice? Forse, ma intanto perche’ non ci provano? Inoltre, l’abolizione dei test ha castrato il debutto di tanti giovani piloti che nel frattempo si sono persi per strada o sono andati a correre in DTM / America.
        Un po piu’ di liberta’ per i motoristi e per i progettisti non guasterebbe affatto, anzi!

      • quickest

        23 giugno 2012 at 16:27

        Ciao Mike come stai. Delo’s got a good point

      • quickest

        23 giugno 2012 at 16:30

        Anch’io comunque ribadisco che le gomme hanno abbassato la barra. Adesso stiamo discutendo se si preferisca la vera prestazione o lo spettacolo. Siamo andati avanti per anni con una formula 1 monotona ma vera, adesso ne abbiamo una spettacolare ma falsa. Grattacapo non da poco

      • MikeCTF (tifoso Ferrari)

        23 giugno 2012 at 16:40

        Buondi!! 😉 io, e parlo da ricercatore (ooops, conflitto di interessi?? 🙂 ) preferisco sempre le cose vere e, sinceramente, non trovavo la F1 degli anni 95-2008 monotona, forse un po estrema, ma il talento dei singoli veniva sempre a galla. I bottoni magici proprio non li digerisco e nemmeno le gomme di pastafrolla. Se ci fate caso, dopo i commenti del Kaiser sulle coperture, sono aumentati quelli che si lamentano del loro effetto sul risultato finale delle gare.
        Preferirei una F1 piu’ genuina sinceramente, cosi’ e’ proprio un circo gestito dal master of puppets fratello dei Beatles Ecclestone…

      • delo

        23 giugno 2012 at 16:49

        quickest si, forse questo e’ il vero bivio, ma il circo sta in piedi grazie agli spettatori che gradiscono lo spettacolo e non solo grazie a noi 4 sciamannati che ne parliamo sui siti specializzati ricordandoci Digione o Citta’ del Messico! 😉

      • quickest

        23 giugno 2012 at 16:56

        Mike, Delo, mi trovo tra due fuochi. Ed in questa posizione di arbitraggio e’ difficile una sentenza perentoria, perche’ personalmente trovo che entrambe le posizioni siano valide. Il mio cuore di pilota e’ vicino alla posizione di Mike, quello di spettatore a Delo. Commercialmente – e questo alla fine, volente o nolente sara’ probabilmente il fattore che avra’ la meglio – la F1 di oggi ha piu’ potenziale di allargare il mercato. E’ anche vero che una parte di me ha perso la voglia di seguirla…

      • MikeCTF (tifoso Ferrari)

        23 giugno 2012 at 20:40

        Io e’ proprio di questo che ho paura: di perdere la passione per questo sport per colpa di tutti questi non sense regolamentari.
        Non voglio vedere un videogame! Ma una gara tra l’eccellenza dell’automobilismo.

  20. delo

    23 giugno 2012 at 15:51

    Non trovo “sorprendente” la qualifica di Maldonado, cosi’ come non lo e’ la pole di Vettel. Piuttosto la ferrari che aveva deluso in P3 con le dure ha fatto molto bene in Q1 mentre con le soft un disastro e dire che mancavano solo 4 illesimi per andare in Q3 non basta.. bisogna menare sempre le danze! Domani possibile remontada visto come viaggiano con il pieno e con le gomme medium, pero’ non si puo’ solo sperare in san DRS! Peccato le Force India. Vedo bene Kimi domani!

    • Matteo

      23 giugno 2012 at 15:59

      Se non trovi sorprendente la Pole Position di Vettel,un giro spettacolare senza una sbavatura sfruttando tutto il possibile ragazzo [senza offesa] cambia sport.

      • delo

        23 giugno 2012 at 16:04

        Sempre senza offesa, chiariamoci sui significati degli aggettivi. Non e’ sorprendente perche’ era attesa e molto probabile visti i tempi delle free practice, rimane strepitosa per come ha guidato!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

Valencia, addio alla F1?

Il circuito preso d'assalto dai ladri
Il futuro di Valencia in Formula 1 sarebbe ormai segnato e la città spagnola potrebbe non ospitare mai più un
Focus F1

La pazza idea di Ecclestone: un GP a Londra

Il patron della F1 sarebbe tentato dall'idea di una gara nel cuore della capitale britannica
Bernie Ecclestone a 81 anni pare immune dagli scandali finanziari che lo circondano e pensa a nuove gare sempre più
Focus F1

A Valencia spettacolo e 58 sorpassi

La bellissima gara di domenica scorsa fa crescere il rammarico per una pista che è a rischio eliminazione dal calendario
Descritto in anticipo come una corsa noiosa, il GP d’Europa di Valencia è stato uno dei gran premi più belli