F1 | Red Bull, Verstappen carico: “Spero di lottare per il mondiale, ma sarà difficile”

"Mercedes macchina da battere, Ferrari da tenere d'occhio", ha detto l'olandese

Le parole di Verstappen in vista del primo GP stagionale
F1 | Red Bull, Verstappen carico: “Spero di lottare per il mondiale, ma sarà difficile”

Per Max Verstappen il 2020 potrebbe essere l’anno della svolta. Il pilota della Red Bull sa di avere tra le mani una RB16 finalmente competitiva sin dall’inizio, e le due gare in Austria, ultimamente di conquista per l’olandese, potrebbero metterlo in una condizione favorevole all’inizio del mondiale. Di questo e molto, ma molto altro, si parla nell’anteprima pubblicata dal team austriaco in vista dell’appuntamento di casa.

“E’ strano non guidare per così tanto tempo, non mi era mai capitato da quando ho iniziato coi kart – ha dichiarato Verstappen sul sito della Red Bull. Fortunatamente a casa ho il mio simulatore, e come probabilmente avrete visto, l’ho usato molto durante la quarantena. Sono contento di poter tornare a correre, tante persone si sono impegnate per far sì che potesse succedere, non dobbiamo lamentarci di nulla. Sarà diverso senza fan, ma voglio tornare in macchina ed essere il più veloce possibile. Il mio allenamento è stato il migliore che abbia mai fatto, avendo così tanto tempo a disposizione: ho avuto sei settimane di preparazione completa, mi sento molto più in forma rispetto all’Australia. Senza la folla orange sarà diverso e strano: di solito ci sono tanti appassionati olandesi in Austria, laddove faremo addirittura due gare, è la nostra pista di casa. Ho molti bei ricordi in questo tracciato, è stato pazzesco negli ultimi due anni, specialmente nel 2019: avevo un sorriso ancora più grande dopo la vittoria, peccato non poterli vedere anche domenica, ma proveremo a dare uno spettacolo degno per tutti coloro che ci guarderanno in TV”.

“E’ passato tanto tempo dall’ultima volta che ho guidato la RB16, ma mi sentivo bene con la macchina – ha continuato Verstappen. C’è sempre margine per migliorare: il team ha lavorato duramente in vista della gara e ci saranno aggiornamenti sulla vettura, ma tutti i team faranno questo tipo di lavoro quindi non so a che punto siamo rispetto ai nostri avversari. Le condizioni meteorologiche possono cambiare rapidamente in Austria. Preferirei vincere il campionato piuttosto che assicurarmi le tre vittorie consecutive a Zeltweg: la cosa più importante per me è avere una vettura competitiva! Non mi considero mai il favorito, perché in realtà questo tipo di circuito non si adatta alla nostra macchina, ma l’anno scorso è andata benissimo, siamo stati bravi a tenere il motore in temperatura nonostante il caldo. C’è anche un punto interrogativo sulla Ferrari, chissà come saranno le loro prestazioni, quindi sarà una battaglia molto dura per vincere il GP, ma ci proveremo”.

“Le gare back to back nella stessa pista rende la vita più facile per tutti, visto che viaggeremo meno del solito in questo periodo. Tutti conoscono questo circuito, quindi le differenze saranno minime: sarà diverso tra i due weekend, perché nel secondo puoi mettere delle pezze agli errori del primo, quindi cambierà tutto e in un certo senso è utile per capire di più le vetture nelle prime gare. Spero che il 2020 sia la mia prima vera possibilità di vincere il mondiale, anche se è difficile! Di certo faremo il possibile per riuscirci: la Mercedes è ancora la macchina da battere, sono ancora molto forti, ma come squadra abbiamo imparato molto nell’ultimo anno e penso che siamo migliorati tanto. Cercheremo di colmare questo gap su qualche pista a noi favorevole e speriamo di rendere loro la vita difficile, sarà una bella sfida provare a batterli. La Honda – conclude Verstappen – ha sicuramente lavorato molto duramente durante l’inverno, nei test è sembrata molto affidabile, così come la velocità massima che sembra essere di alto livello, quindi sono contento del lavoro svolto. Sono motivati anche loro, vogliono lottare per vincere il mondiale così come lo siamo noi”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati