F1 | Red Bull, Horner: “Buona strategia in Cina, Pierre si sta abituando alla nostra macchina”

"Gara molto solida di Max, ma non aveva il ritmo per conquistare il podio", ha aggiunto

F1 | Red Bull, Horner: “Buona strategia in Cina, Pierre si sta abituando alla nostra macchina”

Chris Horner è soddisfatto della prestazione della Red Bull in Cina. Verstappen ha concluso al quarto posto e ha anche lottato per il podio con Vettel, mentre Gasly sta piano piano adattandosi alla macchina, concludendo al sesto posto (a un’eternità dal compagno di squadra al netto del pit-stop extra) e conquistando anche il giro più veloce della gara.

“La quarta e la sesta posizione rappresentano un buon lavoro di squadra – ha detto Horner. Abbiamo fatto una buona strategia, siamo stati i primi a optare per i due pit-stop e Max ci ha permesso di battere Leclerc oggi. Ha lottato duramente anche per superare Vettel ma non avevamo il ritmo per riuscirci. E’ bello anche vedere Pierre continuare ad abituarsi alla macchina, stavolta ha fatto una buona gara finendo in sesta posizione e ottenendo anche il punto extra del giro più veloce, è stato un successo che gli porterà certamente più confidenza”.

F1 | Red Bull, Horner: “Buona strategia in Cina, Pierre si sta abituando alla nostra macchina”
5 (100%) 3 votes
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. cevola

    16 aprile 2019 at 22:02

    E’ dai tempi di Berger e Alesi che i test invernali vengono ribaltati sistematicamente dopo le prime tre gare e sarebbe ora che i giornalisti e sognatori la smettessero di fantasticare sui record fatti a febbraio. Detto questo io il ragionamento lo imposto così: tra le macchine del 2018 e 2019 è cambiato poco a livello regolamentare, di conseguenza le macchine del 2019 vanno forte sulle stesse piste del 2018. Il problema quest’anno è che la Ferrari ha mancato dove gli anni precedenti vinceva, di conseguenza il dramma per lo sportivo in genere, è che la Mercedes, se non cambia nulla, vincerà nel 2019 con sei gare di anticipo e non tre…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati