F1 | L’ammissione di Bottas: “A fine 2018 ho seriamente pensato di smettere”

"Dovevo ritrovarmi, ho sofferto parecchio in quel periodo", ha detto il finlandese

F1 | L’ammissione di Bottas: “A fine 2018 ho seriamente pensato di smettere”

E’ un Valtteri Bottas a tutto tondo quello che si è raccontato nel podcast di Motor Sport Magazine. Il pilota oggi all’Alfa Romeo ha esternato tutto quello che ha vissuto in Mercedes, focalizzandosi in particolar modo sulle stagioni 2018 e 2019 quando, per sua stessa ammissione, ha rischiato di smettere con la Formula 1, per una serie di motivi. Il finlandese adesso è felice di aver continuato, lo dimostrano anche i grandi risultati con l’Alfa Romeo.

“Alla fine del 2018 ho rischiato di smettere – ha ammesso Bottas. Non riuscivo a battere Lewis in quei due anni e non capivo perché. Verso la fine di quell’anno ho faticato davvero e non è stato affatto divertente: nelle ultime gare ho sofferto parecchio, perché la Formula 1 andrebbe goduta, ma per me non era così, quindi nella pausa invernale ho pensato a tante cose. La mente umana è strana, a volte va in luoghi oscuri: perdi la gioia nelle cose, e mi era successo questo con la Formula 1, non volevo correre più, ero quasi arrabbiato con questo mondo. Avevo bisogno di tempo libero e fare mente locale, e ho capito che in realtà avevo ancora tante opportunità davanti a me in questo sport, quindi sarei stato uno sciocco a mollare”.

“Ho deciso quindi di fare un pausa, sono andato in Sudamerica e cercare di non pensare alla Formula 1, dovevo ritrovare volontà, motivazione e gioia per questo sport. E’ stato come un clic, un qualcosa che è scattata dentro me, e a gennaio ho deciso di continuare ritrovando la gioia di guidare. I risultati sono stati molto positivi e il 2019 è stato l’anno migliore della mia carriera, specialmente contro Lewis: ho vinto tante gare e sono stato anche in testa al campionato, mi sentivo forte, ma la sua costanza di prestazioni era incredibile e io non potevo eguagliarlo. E’ dominante ed è difficile batterlo, non ho mai potuto davvero contrastarlo, era un tutt’uno con la squadra, e poi era Lewis, lo ammiravano tutti. La Mercedes, ripensandoci, è stata una grande scuola per me: ho imparato molto di me stesso, non sono più così duro, sono davvero felice di aver fatto questa grande esperienza”.

5/5 - (3 votes)
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Alfa Romeo Sauber

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati