F1 | Red Bull, Verstappen: “Mercedes vuole metterci pressione”

"I favoriti sono loro, con sette mondiali di seguito è impossibile pensare il contrario", ha aggiunto

F1 | Red Bull, Verstappen: “Mercedes vuole metterci pressione”

Finalmente siamo nella settimana di gara, la prima della stagione. In Bahrain nel prossimo weekend partirà il mondiale 2021 di Formula 1, e la Red Bull è certamente da tenere in considerazione per la vittoria del Gran Premio, così come Max Verstappen. I test della scorsa settimana ci hanno consegnato una RB16B sicuramente competitiva e meno “nervosa” della W12 partorita dalla Mercedes. Questo però, come dichiarato dall’olandese nella preview non deve distogliere l’attenzione dai veri favoriti per la conquista del mondiale.

“Era importante fare chilometri e verificare che i set-up provati durante i test funzionassero – ha detto Verstappen. Su ogni pista il comportamento della macchina è diverso, quindi non possiamo ancora dire a che punto siamo rispetto agli altri, ha ho un buon feeling con la vettura: era stabile, mi sentivo a mio agio ma ci sono ancora delle cose da sistemare. I test sono andati bene, abbiamo fatto tanti giri e siamo riusciti a capire molte cose della macchina, ma non dicono nulla sulla prestazione pura. La Mercedes è ancora favorita, è impossibile che non lo sia avendo vinto sette mondiali di fila, e sono sicuro che loro vogliano che la gente pensi che noi siamo i favoriti per metterci pressione”.

“In Red Bull e in Honda stanno spingendo tutti per batterli, ogni stagione la vedo come una buona opportunità per batterli, ma saremmo stupidi a pensare di essere in vantaggio. Non vedo l’ora di arrivare in Q3 per spingere al massimo e vedere i limiti degli altri team. Adesso dobbiamo provare a mantenere viva la lotta per il titolo: tutti in Honda ed ExxonMobil hanno spinto al massimo durante l’inverno per avere il miglior pacchetto possibile per la RB16B. Mi piace la pista del Bahrain, sono curioso di vedere la nostra prestazione”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati