F1 | Analisi libere a Baku: la Red Bull vola anche con Perez, Ferrari da rivedere sul passo gara

Leclerc a muro durante il giro veloce, Mercedes dispersa ma ottimo long run di Hamilton

F1 | Analisi libere a Baku: la Red Bull vola anche con Perez, Ferrari da rivedere sul passo gara

La prima giornata di prove libere in Azerbaijan si è conclusa con le due Red Bull davanti a tutti. La particolarità sta nel fatto che questa volta è Perez il più veloce di tutti, con il tempo di 1:42.115, staccando di appena un decimo il compagno di squadra Max Verstappen, con Carlos Sainz subito alle spalle del pilota olandese. Gli austriaci sembrano decisamente a proprio agio a Baku, così come anche la Ferrari, ma attenzione a sottovalutare la McLaren, che come al solito al venerdì non mostra mai il suo potenziale. Sembra invece un po’ dispersa la Mercedes, con Hamilton undicesimo e Bottas addirittura sedicesimo. Prestazioni fin troppo anomale per essere vere, tant’é che pare che i due alfieri della Stella abbiano girato nella prima parte delle FP2 con una modalità talmente al risparmio da non considerare affatto i tempi sul giro veloce. Altro discorso per quanto riguarda la simulazione passo gara, ma andiamo con ordine.

© Motorionline

La Pirelli ha portato anche a Baku le tre mescole più morbide della sua gamma 2021, con la hard mai utilizzata nei long run, quantomeno dai piloti che abbiamo inserito nella tabella qua in alto. Notiamo subito come la Red Bull, specialmente con Checo sia stata molto costante, oltre che veloce, per tutta la durata del long run, fatto interamente con le soft da entrambi i piloti, che hanno provato dunque soltanto la prima parte di gara, a meno che non abbiano intenzione di partire con le medie e sfruttare le rosse solo nell’ultima parte del Gran Premio di domenica, ma sembra improbabile come soluzione. Hamilton ha girato solo con le C4, anche lui con una costanza da sottolineare, anche perché i tempi sembrano davvero buoni. Le Ferrari sembrano convincere sul giro veloce, nonostante Leclerc non abbia completato l’ultimo tentativo, andando a sbattere (!) al muro al termine del settore centrale. Sul ritmo gara, a parte un 45 con le medie di Sainz nel finale, il ritmo non sembra essere così eccelso. Occhio quindi ad AlphaTauri e Alpine, che appaiono in forma, mentre non bisogna mai sottovalutare la McLaren, sempre giù di motore con le prestazioni da quando è iniziata la stagione.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati