F1 | Alfa Romeo, weekend da dimenticare per Bottas e Zhou

"Non c'era chance di entrare in zona punti, ma ho fiducia in questa squadra" ha dichiarato il cinese

F1 | Alfa Romeo, weekend da dimenticare per Bottas e Zhou

GP Azerbaijan – Un ritiro e una diciottesima posizione: è questo il bilancio della Alfa Romeo a Baku. Il team di Hinwil sta attraversando una crisi, e di certo le performance azere non aiutano il morale. Valtteri Bottas e Zhou Guanyu sono stati in difficoltà per tutto il weekend; il finlandese ha subito dei danni alla partenza, ma di certo la sua C43 non aveva il potenziale per lottare per la top 10.

“Non è stata una grande gara per noi e non siamo mai stati in lotta per i punti: dobbiamo capire cosa è successo e, sopratutto, come tornare competitivi. La mia gara è stata difficile dall’inizio: c’è stato un contatto in curva due, ero all’esterno e mi hanno colpito a sinistra, causando dei danni – ha raccontato Valtteri – è stata una gara lunga: abbiamo tentato di rimetterci in gioco, perché tutto può sempre accadere, ma non ci sono state opportunità. Di sicuro, dobbiamo cercare di migliorare il nostro passo e fare tutto il possibile per andare avanti. Ora guardiamo a Miami: è una pista molto diversa da questa, restiamo motivati”.

E’ stato invece un problema di surriscaldamento a forzare il ritiro di Zhou, che continua però ad avere fiducia nella squadra per le gare a venire.

“E’ un weekend da dimenticare: non è mai bello ritirarsi, ma realisticamente non c’era alcuna chance di segnare punti oggi. Abbiamo dovuto ritirare la vettura per precauzione a causa delle alte temperature. In generale, è stato un weekend difficile. Ho fiducia nella squadra, la vedo nei volti di chi lavora qui in pista e in fabbrica. Faremo tutto il possibile per tornare dove dovremmo essere e continuare a migliorarci”.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati