F1 | Alfa Romeo Sauber, Leclerc dopo il 7° posto: “E’ stato divertente, possiamo essere soddisfatti”

Ericsson: "Finale disastroso dopo un weekend così bello"

F1 | Alfa Romeo Sauber, Leclerc dopo il 7° posto: “E’ stato divertente, possiamo essere soddisfatti”

Gara dai due volti per l’Alfa Romeo Sauber a Interlagos. Leclerc ha confermato l’ottima prestazione della qualifica terminando al settimo posto, mentre Ericsson ha avuto subito dei problemi sulla sua C37 ancor prima della partenza, e dopo un contatto al via è stato costretto poco dopo a ritirarsi: la sua macchina non era affatto apposto, un peccato vista la sesta posizione in griglia. Adesso il team di Hinwil, oltre ad aver allungato sulla Toro Rosso ha messo nel mirino la Force India per il settimo posto nel mondiale costruttori.

“Sono molto contento per il risultato finale – ha detto Leclerc. Terminare in settima posizione è molto positivo, possiamo essere soddisfatti. E’ stato divertente guidare su questa pista, abbiamo aggiunto dei punti nel mondiale per consolidare il nostro ottavo posto. Non vedo l’ora di vedere cosa saremo in grado di fare ad Abu Dhabi”.

“Un finale disastroso dopo un weekend così bello – ha raccontato un rammaricato Ericsson. Ho avuto un problema con il fondo nel giro di allineamento in griglia e stiamo ancora analizzando cosa possa essere successo. Abbiamo provato a ripararlo in griglia, ma è difficile dire se ci siamo riusciti o meno. In partenza mi sono toccato con un’altra macchina, e così la mia è diventata difficile da guidare. Il bilanciamento era diverso dal resto del weekend e il danno è notevolmente peggiorato. Ci siamo dovuti ritirare, è stato un peccato, soprattutto dopo una qualifica fantastica, ma torneremo più forti di prima nell’ultima gara di Abu Dhabi”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. voicelap

    11 novembre 2018 at 23:32

    Sig. Marino, la macchina non era APPOSTO? Mi dica almeno che lavora gratis per questa redazione, sarebbe una buona spiegazione. Mi auguro almeno che abbia la decenza di non rispondere “giornalista” quando le chiedono che lavoro fa. Cordialmente

  2. Zac

    13 novembre 2018 at 18:28

    Nobody’s perfect.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati