Formula 1 | Alfa Romeo, Vasseur soddisfatto: “Abbiamo preso delle buone decisioni”

"Il centro gruppo è molto competitivo in questo campionato, ma siamo stati in Q3 con almeno una vettura nelle ultime sei gare", ha aggiunto

Vasseur ha promosso lo sviluppo Alfa Romeo, sottolineando come la squadra si stia pian piano avvicinando alle performance di McLaren e Renault
Formula 1 | Alfa Romeo, Vasseur soddisfatto: “Abbiamo preso delle buone decisioni”

In una chiacchierata concessa al quotidiano Auto Bild, Frederic Vasseur ha parlato della crescita portata avanti dal team Alfa Romeo nelle ultime settimane, sottolineando come le indicazioni in termini di sviluppo siano assolutamente positive, soprattutto dopo il pacchetto tecnico presentato poco prima dell’ultima pausa estiva.

Nonostante le occasioni sprecate in Belgio e in Italia, infatti, il Team Principal della scuderia italo-elvetica ha evidenziato l’ottima competitività della vettura, aspetto che ha permesso ai piloti di centrare spesso e volentieri il Q3. Un risultato importante che conferma la bontà del progetto tecnico, soprattutto se paragonato a quello della scorsa stagione.

L’obiettivo, proprio in tal senso, sarà quello di proseguire su questa strada, così da agganciare le performance di McLaren e Renault nel corso dei prossimi mesi.

“L’anno scorso eravamo in ritardo del 2.6%, mentre quest’anno il gap è sceso a 1.6%”, ha affermato Frederic Vasseur. “Tutto ciò dimostra che abbiamo preso le decisioni giuste. Il centro gruppo è molto competitivo in questo campionato, ma siamo stati in Q3 con almeno una vettura nelle ultime sei gare. Parliamo di un buon segno”.

Sugli obiettivi per il futuro ha aggiunto: “Ovviamente stiamo prendendo di mira la McLaren e la Renault. Il prossimo anno costruiremo una vettura con la base di quest’anno e se finiremo al meglio questa stagione, il grosso per il 2020 sarà già fatto”.

Formula 1 | Alfa Romeo, Vasseur soddisfatto: “Abbiamo preso delle buone decisioni”
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati