F1 | Russell: “Non devo farmi abbattere dai momenti difficili”

L'inglese ha parlato dell'importanza dell'aiuto psicologico

F1 | Russell: “Non devo farmi abbattere dai momenti difficili”

Lo scorso anno George Russell ha impressionato tutti quando si è messo al volante della Mercedes per sostituire Lewis Hamilton in Bahrain, risultato positivo al Covid-19. Se da un lato in molti lo danno come futuro pilota Mercedes, al momento resta Valtteri Bottas, probabilmente fino a quando Hamilton deciderà di correre. Nel finlandese, il sette volte campione del mondo ha trovato il giusto compagno di squadra che non gli crea problemi, né risulta una minaccia per il suo mondiale. Cosa che invece non farebbe assolutamente Russell se dovesse trovarsi nel team Mercedes.

E così il 23 enne, pur avendo dimostrato talento e maturità anche se si è trattato solo di un GP, si trova ora a lottare nelle retrovie con una Williams che non gli permette affatto di mostrare le sue abilità al volante. Intervistato da iNews, l’inglese ha ammesso l’importanza di restare concentrato e di non farsi abbattere dai momenti no e per questo motivo ha deciso di iniziare un percorso psicologico:

“Se voglio vincere gare e campionati, non posso lasciare che i momenti difficili prendano il sopravvento su di me. Mi sono qualificato secondo nel Gran Premio di Sakhir eppure sono rimasto deluso. La mia migliore posizione in qualifica fino a quel momento è stata la dodicesima posizione, di cui ero assolutamente estasiato, però appena mi sono qualificato secondo, non ero soddisfatto”.

Russell ha ammesso che per far fronte ai momenti negativi, si è rivolto ad uno psicologo:

“Penso che la salute mentale sia incredibilmente importante. Penso che così tante persone, gli uomini in particolare, vedano la psicologia come una debolezza, il che non è assolutamente vero. La tua mente è lo strumento più potente del tuo corpo. Se hai mal di denti, vai da un dentista. Se c’è qualcosa di sbagliato psicologicamente, devi parlarne con un professionista e loro ti aiuteranno in quei momenti, sia dal punto di vista degli affari che da quello personale. In definitiva, sono un atleta ad alte prestazioni e se vuoi raggiungere il tuo massimo potenziale, devi essere nel giusto stato d’animo. Mi sento sempre più forte su questo più passa il tempo e dal momento che ho avuto anche questi momenti difficili, ho imparato che parlarne con la persona giusta (ovviamente parlare con la tua famiglia e i tuoi amici va bene), ottenere una consulenza professionale è stato davvero importante. Questo mi ha permesso di tornare più forte, in forma, più sano che mai e potrò essere in grado di esibirmi senza problemi”.

“Non sono mai stato una di quelle persone che pensavano che la salute mentale non fosse così importante ma sia che tu sia mentalmente debole o forte, se hai un momento difficile devi superarlo. Cercare quel consiglio professionale è stato fantastico, mi è piaciuto molto ed è stato utile per me”.

Russell infine si è detto fiducioso sul recupero della Williams:

“La motivazione, lo spirito e il morale vengono stimolati. Penso che tutti possano vedere una luce alla fine del tunnel. Con l’arrivo di Jost, con i nuovi investitori, con l’accordo che Mercedes ha in essere per il 2022 e oltre, le cose stanno andando nella giusta direzione per il team. Quando guardi indietro di sei mesi, otto mesi o giù di lì, la squadra non avrebbe nemmeno dovuto essere in griglia. Quindi, sono personalmente entusiasta per la squadra ma ci vorrà un po’ di tempo per cambiare la rotta della nave”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Gran Premi

F1 | GP Imola: l’analisi delle qualifiche

Lewis Hamilton conquista la pole e scatterà davanti alle due Red Bull. Quarta la Ferrari di Leclerc
Per la novantanovesima volta in carriera, Lewis Hamilton prenderà il via di una gara dalla prima casella sulla griglia di