F1 | Mercedes, Lewis Hamilton: “Nemmeno nei miei sogni più grandi avrei pensato di eguagliare Michael”

Il sei volte campione del mondo, visibilmente emozionato, riceve da Mick Schumacher uno dei caschi originali di Michael: "Difficile esprimere ciò che sento"

F1 | Mercedes, Lewis Hamilton: “Nemmeno nei miei sogni più grandi avrei pensato di eguagliare Michael”

Era una conquista che tutti ci saremmo aspettati in Russia, e invece questo record è stato infranto proprio qui, in Germania, a casa di Michael, grande pilota che ha scritto la storia e che sembrava, per tutti, inarrivabile. E invece Hamilton ci è arrivato, li, dove Schumacher aveva tracciato il limite, quella linea invalicabile che sembrava così lontano. E lontano guarda, invece, Hamilton, che sembra avere ancora tanti, troppi record da scrivere davanti a lui. Oggi si è scritta un’altra pagina di storia di questo sport, con Mick Schumacher, figlio del grande Michael, che ha consegnato un casco originale proprio di Schumi a Lewis, in onore della sua novantunesima vittoria. novantuno, come quelle di suo padre.

E’ difficile esprimere ciò che sento a parole. Ricordo che guardavo Michael vincere tutte quelle gare quando ero bambino, giocavo ai videogames con mio fratello e sceglievo sempre lui. Sognavo di essere li, ma non avrei mai immaginato nessuno, specialmente io, arrivare quantomeno vicino ai suoi record – ha raccontato il sei volte campione del mondo visibilmente emozionato sotto al podio – nemmeno nei miei sogni più grandi avrei pensato di eguagliare il suo record di vittorie, e questo dimostra che i sogni possono diventare realtà. E’ in onore incredibile, ci vorrà un po’ per rendersene conto. Non sarei mai riuscito nell’impresa, però, senza questo team incredibile, tutti lavorano davvero sodo e danno il 100%. Un grandissimo grazie a tutti i ragazzi in fabbrica, e tanto rispetto per Michael, mi sento grato oggi.

Riguardo la gara, è stata dura – ha continuato Hamilton – la partenza era buona e Valtteri è stato bravo a difendersi in curva due, non mi sarei aspettato diversamente. Ho cercato di trovare un modo per batterlo, per cui ho preservato la vita delle gomme e allo stesso tempo restargli alle calcagna. Vedevo che era in difficoltà, sapevo che ci sarebbe stata l’opportunità e poi ha avuto un bloccaggio. Sono riuscito a prendermi un buon margine dopo averlo superato, poi è entrata la safety car. Max era dietro di me e sapevo che avrei dovuto fare una buona ripartenza per tenerlo dietro. Sono riuscito a tenerlo dietro, ma era evidente il buon passo della Red Bull verso la fine, per cui mi aspetto una bella battaglia con loro“.

 

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

2 commenti
  1. Pingback: F1 | GP Eifel, le classifiche mondiali dopo il round al Nurburgring

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati