F1 | Red Bull, Christian Horner: “Oggi un passo avanti nella lotta alle Mercedes”

"Max è stato spettacolare, peccato per Alex" ha commentato il team principal

F1 | Red Bull, Christian Horner: “Oggi un passo avanti nella lotta alle Mercedes”

La Red Bull e la Honda collezionano un altro podio grazie alla performance di Max Verstappen, che termina la gara sul circuito del Nurburgring in seconda posizione. Destino diverso invece per Alex Albon che, dopo una buona qualifica, è costretto al ritiro.

E’ fantastico rivedere Max sul secondo gradino del podio, ha guidato in modo spettacolare e sembra siamo un passo avanti nella lotta contro Mercedes – ha commentato il team principal Christian Horner – Max è riuscito a restare entro un certo margine da Lewis per l’intera gara, e la cosa si è fatta più interessante quando il resto del gruppo si è avvicinato con la safety car al quarantaquattresimo giro. La safety car è rimasta fuori troppo a lungo e le temperature delle gomme sono precipitate, problema che Lewis è riuscito a gestire meglio di noi, grazie al DAS. Max è riuscito a gestire la ripartenza e da li è stata una gara in discesa fino al secondo posto. La gara di Alex invece è stata tutt’altro che semplice, con un grande bloccaggio in curva tre al giro iniziale, causando un pit-stop anticipato per via delle eccessive vibrazioni. Stava facendo buoni progressi in griglia, ma per sfortuna alcuni detriti hanno bucato il suo radiatore, causando un surriscaldamento della Power Unit che lo ha costretto al ritiro“.

Christian Horner ha dedicato alcune parole anche al suo ex pilota Daniel Ricciardo, ma anche all’ex partner (e chissà, magari i due si ricongiungeranno dopo l’addio di Honda) Renault.

Le nostre congratulazioni vanno anche alla Renault, Daniel e Cyril per il podio di oggi, e credo che siamo tutti in attesa di scoprire quale tatuaggio Daniel sceglierà per Cyril“.

 

 

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

1 commento
  1. Pingback: F1 | GP Eifel, le classifiche mondiali dopo il round al Nurburgring

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati