F1 | Ben Sulayem contro l’offerta di 20 miliardi dell’Arabia Saudita: “Serve buon senso”

"Dobbiamo essere cauti e non gonfiare i prezzi, bisogna considerare il bene superiore dello sport", ha aggiunto

F1 | Ben Sulayem contro l’offerta di 20 miliardi dell’Arabia Saudita: “Serve buon senso”

Nei giorni scorsi Bloomberg ha lanciato una notizia che ha fatto molto parlare. Stando al network statunitense, l’Arabia Saudita attraverso il fondo sovrano PIF avrebbe offerto 20 miliardi di dollari a Liberty Media per rilevare la Formula 1. Una mossa che a quanto pare Stefano Domenicali e compagnia hanno fermamente rifiutato. Il presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem, in un post su Twitter ha voluto commentare questa voce, affermando che i soldi non bastano, e che per poter avere tra le mani questo sport bisogna innanzitutto presentare un piano convincente e che sia in grado di far crescere la Formula 1, e che specialmente sia apprezzato e a favore degli appassionati che andranno in autodromo ogni settimana, ma non solo.

F1 | Liberty Media ha rifiutato 20 miliardi di dollari offerti dall’Arabia Saudita per avere la Formula 1

“In qualità di custode del motorsport e organizzazione senza scopo di lucro – si legge nella breve nota di Ben Sulayem – la FIA è cauta riguardo ai presunti prezzi gonfiati di 20 miliardi di dollari offerti alla Formula 1. Si consiglia a qualsiasi potenziale acquirente di applicare il buon senso, considerare il bene superiore dello sport e presentare un piano chiaro e sostenibile, non solo un sacco di soldi. E’ nostro dovere considerare quale sarà l’impatto futuro per i promotori in termini di aumento delle tariffe di hosting e altri costi commerciali, e più di ogni cosa qualsiasi impatto negativo che potrebbe avere sui fan”.

2/5 - (4 votes)
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati