F1 | Alfa Romeo, Giovinazzi: “Gli obiettivi si raggiungono lavorando duramente”

Sul Trofeo Bandini 2019: "Trasformerò l'affetto dei tifosi in una spinta ulteriore"

F1 | Alfa Romeo, Giovinazzi: “Gli obiettivi si raggiungono lavorando duramente”

Settimana intensa per Antonio Giovinazzi. Il pilota dell’Alfa Romeo Racing, dopo la prova non positiva di Montreal è tornato di fretta e furia in Italia per ricevere il Trofeo Bandini 2019, prestigioso riconoscimento datogli per il suo percorso iniziato dai karting fino alla Formula 1. Il pilota di Martina Franca è già in Francia per dare una svolta netta alla sua stagione, ancora a zero punti, unico insieme ai due piloti Williams, e dopo gare sfortunate e con qualche errore, Antonio è determinato a invertire la rotta dopo essere stato travolto dall’affetto dei tifosi la scorsa settimana.

“Raggiungere i campioni che hanno ricevuto questo premio è un onore per me, ma anche una grande responsabilità – ha detto Giovinazzi sul sito dell’Alfa Romeo Racing. E’ una grande spinta per fare meglio e dimostrare che merito questo riconoscimento. Credo che il duro lavoro sia l’unico modo per ottenere grandi risultati, e la Formula 1 non fa eccezione. Sono concentrato sul mio obiettivo, non importa quanto sia difficile arrivarci, voglio essere sicuro di ricevere i frutti del duro lavoro, ricompense che al momento ci sono sfuggite. Non sto perdendo la fiducia, so che possiamo farcela come squadra: solo quelli che non combattono hanno già perso, non ci arrenderemo mai”.

Sulla giornata trascorsa tra Faenza e Brisighella, laddove gli è stato consegnato il Trofeo Bandini 2019, riconoscimento dato negli anni, tra gli altri, a Fernando Alonso e Sebastian Vettel, Antonio ha commentato: “E’ stato incredibile essere supportato da così tanti tifosi. Cercherò di trasformare il loro affetto in una forza capace di darmi una spinta ulteriore”.

F1 | Alfa Romeo, Giovinazzi: “Gli obiettivi si raggiungono lavorando duramente”
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Alfa Romeo Sauber

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati