Alonso: “A Montreal mi aspetto un altro passo avanti della Ferrari”

Alonso: “A Montreal mi aspetto un altro passo avanti della Ferrari”

Dopo un breve ciclo di gare in Europa eccoci di nuovo ad una lunga trasferta intercontinentale, stavolta verso Occidente. La gara di Montreal è una delle più popolari fra i piloti e le squadre: la città è molto accogliente e la gente dimostra un grande interesse per la Formula 1, tanto è vero che le tribune sono affollate già al venerdì.

Sono arrivato ieri sera e oggi pomeriggio ho fatto un salto in pista per salutare la squadra. Ho trovato i ragazzi di buon umore, vogliosi di dimostrare anche qui che quello di Monte Carlo non è stato un fuoco di paglia e penso che ci siano le premesse perché ciò accada. Pur avendo dei tratti molto veloci, sul tracciato canadese vanno bene le macchine che salgono sui cordoli senza scomporsi troppo e che sono in grado di avere una buona trazione in uscita dalle curve lente, caratteristiche che fanno parte dei punti di forza della 150° Italia. Qui l’efficienza aerodinamica, al momento il nostro tallone d’Achille, è meno rilevante e quindi pensiamo di poter avere più chance di lottare per le prime posizioni. Anche i freni sono un elemento fondamentale su questo circuito: bisognerà lavorare bene durante le prove libere per capire quale sia il giusto livello di raffreddamento in modo da evitare il rischio di trovarsi in difficoltà in gara.

Anche a Montreal disporremo delle due gomme più morbide preparate dalla Pirelli, la Soft e la Supersoft. L’anno scorso questa fu una delle poche gare in cui si videro più pit-stop rispetto alla tradizionale sosta unica perché il degrado degli pneumatici è piuttosto alto. Anche se le Pirelli sono diverse dalle Bridgestone, non credo che assisteremo a qualcuno che riuscirà ad arrivare fino in fondo con un solo cambio gomme, com’è successo a Monaco. Come abbiamo visto quest’anno, sarà importante individuare il momento giusto per fare il pit-stop in modo da non perdere troppo tempo rispetto all’avversario diretto. Per la prima volta quest’anno avremo due punti in cui la domenica sarà possibile usare il DRS: il primo dopo il tornante della curva 10, il secondo sul rettilineo dei box. Sono curioso di vedere cosa accadrà: sulla carta chi sarà riuscito a superare già nella prima zona avrà poi un bel vantaggio perché potrà riutilizzare l’ala mobile anche sul rettilineo principale, pur essendo già davanti all’avversario diretto. L’anno scorso sono riuscito a salire sul podio ma lasciammo Montreal con la precisa sensazione di meritare di più del terzo posto finale. Ci furono un paio di episodi sfavorevoli che ci impedirono di cogliere quel successo che era alla nostra portata. Anche a Monaco, dieci giorni fa, avevamo la possibilità di vincere e sarebbe bello poterci riuscire qui perché la vittoria ci manca da troppo tempo ormai. Sarà molto difficile perché mi aspetto una McLaren ed una Red Bull molto forti ma non dobbiamo dare nulla per scontato.

Comincia il secondo terzo della stagione e la situazione in classifica non è certo favorevole. E’ vero che mancano ancora tanti Gran Premi ma è chiaro che dobbiamo cercare di dare una sterzata in termini di punti a questo Campionato. Vediamo di cominciare subito, su una pista che porta il nome di uno dei piloti più amati dai tifosi della Ferrari, Gilles Villeneuve.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

14 commenti
  1. Faber

    9 Giugno 2011 at 11:05

    forza fernando, forza felipe, forza ragazzi, non molliamo qualcosa di buono si può ancora combinare

  2. marco

    9 Giugno 2011 at 12:18

    Bravo fernando almeno tu ce la metti tutta peccato che la ferrari ha solo un pilota,che sei tu mentre il tuo compagno non esiste

  3. giacomo

    9 Giugno 2011 at 12:31

    …..e la situazione in classifica non è certo favorevole.
    maddai, cosa dici mai…
    ma non era quello che ad inizio stagione diceva: siamo al 100%, la squadra è al massimo, siamo competitivi, spezzeremo le reni alla Grecia etc etc

  4. francesco (tifoso alonso)

    9 Giugno 2011 at 13:22

    dai ferrari fate uno step decisivo che poi fernando ci mette del suo.
    in canada dobbiamo veramente fare questo definitivo salto perchè se lo si mette sotto pressione Vettel può fare degli errori però serve una grande ferrari

  5. maxfunkel

    9 Giugno 2011 at 13:42

    CREDERCI SEMPRE ARRENDERSI MAI!!!!!
    Alla faccia di tutti quelli che continuano a gettare fango sulla Ferrari…le lattine passano, IL MITO RESTA!!!
    FORZA FERRARI ORA E SEMPRE!!!

  6. Interceptor

    9 Giugno 2011 at 13:43

    Fernando siamo tutti con te, sei il miglior pilota della galassia, lo hai già dimostrato. Se quest’anno non sarà possibile vincere il lavoro che stai facendo e l’imprint che stai dando alla squadra darà i suoi frutti, ne sono certo. FORZA FERNANDO.

  7. Faber

    9 Giugno 2011 at 14:13

    @kaiser
    appena visto il link che bei tempi e che pilota! una tigre. quello attuale è la pallida ombra. spero migliori un pò.

  8. Turez

    9 Giugno 2011 at 14:21

    @ kaiser
    Sembra passata un eternità..e gurdando la formula uno di questi ultimi 2 anni..rimpiango ancora quella “noiosa” di fine anni ’90 e degli anni 2000..bei duelli e spettacolo in pista..almeno 2-3 giri in più li potevi fare con le gomme..si passava ai box spesso,ma le gomme non erano da toccare…o mettere kers e DRS (altre cagate!).

  9. Cobra

    9 Giugno 2011 at 15:23

    Spero solo che la Ferrari ritorni a fare la Ferrari!!!

    http://it-it.facebook.com/pages/Kamui-Kobayashi-in-Ferrari/161308723931986

  10. Dekracap

    9 Giugno 2011 at 16:07

    Bello il riferimento fatto da Fernando alla figura di Villeneuve, raramente i piloti di oggi parlano dei miti del passato che possono oscurarli, dimostra cultura motoristica e attaccamento alla Ferrari, poi magari gliel’hanno scritta però comunque ci stà bene a fine intervista 😉

  11. sergio

    9 Giugno 2011 at 16:42

    svegliati.

  12. Samuele

    9 Giugno 2011 at 23:37

    Hanno sostituito Don Quixote de la Mancha con Jimmy Morrison.

  13. Devil

    10 Giugno 2011 at 16:19

    Alonso è l’unico pilota a tenere testa alla red-bull con una vettura decisamente inferiore (anche se come dite voi è un mito ed io lo confermo pienamente),
    Detto questo spero continui a brillare come sempre, ci mette del suo ogni volta che entra in macchina e si cala la visiera, e ve lo dice chi vive le stesse emozioni facendo lo stesso anche se su serie minori ovviamente….
    Fernando sei il pilota più forte del mondo la differenza puoi farla solo tu.
    Un omaggio al più grande pilota di tutti i tempi FORZA FERRARI,come dicesti tu via radio dopo il gp di korea , AVANTI FER, AVANTIIIIIIIIII.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati