F1 | Schumacher: “Williams e Haas sono a rischio”

"Se la stagione non inizia, non so come faranno a sopravvivere"

Il tedesco crede che anche i top team saranno in difficoltà
F1 | Schumacher: “Williams e Haas sono a rischio”

Questo è il punto di vista dell’ex pilota di Formula 1, che con la scuderia britannica ha vinto sei Gran Premi. Intervistato dal quotidiano Bild, Ralf Schumacher ha parlato della situazione difficile che stanno affrontando i team di Formula 1, con personale in cassa integrazione e taglio agli stipendi dei piloti a causa della pandemia di coronavirus.

“Se la stagione non inizia, non so come farà a sopravvivere la Williams, oppure la Haas, visto che gli americani tendono a lavorare secondo il principio ‘assumi e licenzia’. Potrebbero decidere di lasciare la Formula 1. Comunque non vedo problemi solo per i team minori”.

Secondo il 44 enne, la proposta fatta dai team principal di Red Bull e Ferrari, Chris Horner e Mattia Binotto sulle vetture clienti:

“E’ un’idea geniale, una squadra come la Williams sarebbe molto più avanti se acquistassero una Red Bull invece di provare a costruire la propria auto. Inoltre costerebbe loro meno soldi”.

Schumacher sostiene che anche le squadre più grandi, e persino i campioni del mondo in carica, Mercedes, potrebbero essere nei guai:

“Credo che ci sia la possibilità che possano lasciare la Formula 1 a causa della crisi alla fine dell’anno. E’ accaduto alla BMW circa 10 anni fa. La possibilità è sempre presente, anche se penso che, a causa dei successi della Mercedes negli ultimi anni, non credo che lasciare la Formula 1 sarà il primo passo”. 

Ralf ha ammesso di essere interessato alle ultime mosse del team principal della scuderia tedesca, Toto Wolff, il quale ha acquistato delle azioni di Aston Martin e ha dichiarato che non potrà essere sempre presente in pista, non appena inizierà la stagione:

“Trovo la situazione intorno a lui interessante. Vediamo se tornerà in pitwall dopo questo investimento. Se la Mercedes dovesse avere dei problemi interni, sono curioso di vedere cosa accadrà alla loro performance”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati