F1 | Raikkonen torna su Melbourne: “Non saremmo dovuti partire”

"La decisione non è stata nostra", ha aggiunto il finlandese

Raikkonen è tornato ad analizzare la questione relativa al GP d'Australia
F1 | Raikkonen torna su Melbourne: “Non saremmo dovuti partire”

Intervistato da Auto Hebdo, Kimi Raikkonen è tornato sulla scelta di Liberty Media di portare l’intero circus della Formula 1 in Australia, sottolineando come la mossa sia stata estremamente rischiosa, visto il pericolo Coronavirus ben presente non solo negli aeroporti, ma in tutte le zone di assembramento (pullman, paddock, aerei e mezzi di trasporto).

Secondo il finlandese, FIA e Liberty Media avrebbero dovuto annullare il fine settimane parecchi giorni prima, così da evitare qualunque rischio di contagio non solo all’interno del paddock, ma anche tra i tifosi stessi (il GP d’Australia, ricordiamo, era previsto regolarmente a porte aperte).

“Non saremmo dovuti partire per Melbourne, ma non è stata una nostra decisione”, ha affermato Kim Raikkonen. “Noi piloti seguiamo ciò che decidono la FIA e la F1. Se c’è una gara, andiamo. In quella fase è stato meglio annullare piuttosto che correre rischi per lo staff e gli spettatori di F1, anche se la decisione andava presa prima”.

Tutte le persone nel paddock, e sono molte, viaggiano dall’Europa e c’erano buone probabilità che qualcuno fosse stato contagiato in un aeroporto, in aereo o altro”, ha aggiunto. “Alla fine si è rivelata una situazione estremamente a rischio per tutti”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti

Articoli correlati