F1 | Mercedes, l’ammissione di Wolff: “Ferrari meglio di noi da Spa in poi”

"A Suzuka abbiamo sempre vinto con i motori ibridi", ha detto Toto

F1 | Mercedes, l’ammissione di Wolff: “Ferrari meglio di noi da Spa in poi”

L’inaspettata doppietta Mercedes di Sochi ha messo definitivamente una pietra tombale sui mondiali piloti e costruttori. Certo, avesse vinto la Ferrari, con elevatissima probabilità il team anglo/tedesco sarebbe comunque riuscito a portare a casa l’intera posta in palio, però la riscossa (tardiva) della Rossa nella seconda parte della stagione ha messo in evidenza alcuni limiti della squadra della Stella, la quale si sente particolarmente minacciata dal ritorno dei rivali, in grado di battere le Frecce d’Argento in tre delle ultime quattro gare.

“Una doppietta a Sochi dopo tre gare senza vittorie ci ha lasciato una bella sensazione – ha detto Toto Wolff. In Russia siamo andati bene, sfruttando al massimo le opportunità e sia Lewis che Valtteri hanno guidato in maniera impeccabile. Con 44 punti in tasca abbiamo allungato nuovamente in entrambi i campionati e siamo motivati, vogliamo tenere il piede sull’acceleratore nelle ultime cinque gare. Tuttavia, la vittoria di Sochi non cambia il fatto che la Ferrari sia andata meglio di noi nella seconda parte della stagione. In Giappone porteremo dei miglioramenti, speriamo possano aiutarci a fare un altro passo nella giusta direzione, ma sappiamo che dobbiamo estrarre il massimo da vettura e gomme se vogliamo lottare per la vittoria. La prossima gara ci porta a Suzuka, circuito iconico dove i fans sono molto calorosi. Lì abbiamo vinto tutti i Gran Premi da quando è arrivato l’ibrido in Formula 1, ma crediamo che quest’anno sarà una sfida vista la forza dei nostri avversari. Sarà una battaglia serrata, non vediamo l’ora! I nostri obiettivi per l’ultima parte del campionato sono chiari e sta a noi riuscire a raggiungerli”.

F1 | Mercedes, l’ammissione di Wolff: “Ferrari meglio di noi da Spa in poi”
1 (20%) 1 vote
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati