F1 | Ferrari, Charles Leclerc: “Non possiamo perderci d’animo”

“Ho provato a battagliare, ma non siamo riusciti a difenderci” ha spiegato il monegasco, nono al traguardo

F1 | Ferrari, Charles Leclerc: “Non possiamo perderci d’animo”

Ci ha sperato Charles Leclerc, almeno per qualche giro, che il suo motore Ferrari potesse resistere alla potenza degli avversari, aiutandolo nella difesa della sua terza posizione, ma nulla da fare: il monegasco, dopo la prima red flag, si è ritrovato in terza posizione, ma è stato sfilato inesorabilmente dai suoi avversari, perdendo una posizione dopo l’altra. Ha cercato di tirare fuori le unghie, Charles, ma non è bastato: ancora una volta il monegasco cerca di lottare, dimostra la voglia e la frustrazione, ma deve purtroppo arrendersi alle lacune della SF1000. E’ nono al traguardo, ma guadagna una posizione grazie alla penalità di 5s inflitta a Kimi Raikkonen.

La mia partenza è stata ottima, al punto che sono riuscito a salire in terza posizione, sfortunatamente però non avevamo il passo per tenere quel piazzamento e così abbiamo concluso all’ottavo posto – ha spiegato il monegasco – ho provato a battagliare il più possibile ma non è stato sufficiente a difenderci. In questa gara sono successe moltissime cose, ma anche oggi è risultato evidente che abbiamo molto lavoro da fare per migliorare la nostra performance.
La gara in sé e per sé è stata divertente. Sono stato contento di avere avuto la partenza da fermo dopo ogni interruzione perché mi offriva la possibilità di lottare per migliorare la mia posizione.
La vettura oggi è stata piuttosto difficile da guidare, specialmente con le gomme Hard. Verso la fine, invece, con le Soft, la situazione è migliorata ma nel complesso è inutile nascondersi che la nostra situazione al momento è complicata. Non per questo tuttavia dobbiamo perderci d’animo ma, anzi, ora più che mai dobbiamo rimanere motivati. È molto importante. Sono fiducioso che arriveranno presto tempi migliori
”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati