Button: “Non avevo ritmo per andare a prendere Vettel”

Button: “Non avevo ritmo per andare a prendere Vettel”

Jenson Button ha ammesso che non aveva abbastanza ritmo per poter raggiungere Sebastian Vettel nel Gran Premio d’India.

“Nell’ultima gara ho veramente avuto problemi al primo giro e avevo perso molte posizioni, quindi volevo andare meglio qua e sono riuscito a stare abbastanza vicino a Seb” ha detto Button.

“Il suo ritmo era buono, non ha fatto errori. Le gomme erano buone e mi sentivo competitivo, ma non appena Seb ha iniziato ad andare veloce, non ho più potuto fare nulla”.

“Da un punto di vista della squadra abbiamo fatto un lavoro perfetto e non potevamo fare altro”.

“All’inizio, alla partenza, non avevo molto grip, poi sono riuscito a prendere Alonso alla prima curva. Dovevo cercare una buona uscita alla Curva 3 e Mark Webber mi ha chiuso la traiettoria interna, ma avevo abbastanza velocità per poterlo passare all’esterno”.

“E’ stata una parte entusiasmante della gara, ho tenuto dietro Mark per otto giri, facendomi girare molto forte. Abbiamo frenato entrambi molto tardi, ho mantenuto la posizione e sono stato in grado di distanziarlo”.

“E’ stata una gara divertente, un po’ frustrante il fatto che non abbia raggiunto Seb. Magari possiamo recuperare nelle prossime due gare”.

Le ultime parole sono state dedicate a Marco Simoncelli e Dan Wheldon.

“Come ha detto giustamente Seb, è stato un weekend difficile per tutti, gli ultimi due sono stati funestati da due tragiche fatalità. Dovremmo dedicare a Dan ed a Marco questa prima gara indiana”

Alessandra Leoni

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

23 commenti
  1. Charlie

    30 Ottobre 2011 at 14:49

    Button per quest’anno non può lamentarsi dei risultati, ha dimostrato di essere un buon pilota. Il secondo posto va bene

    • Chris (tifoso J. Button)

      31 Ottobre 2011 at 01:10

      Solo “buono”? L’unico che poteva dare grattacapi a Vettel merita solo un “buono”!? COME ON!!!

    • Armin

      31 Ottobre 2011 at 20:34

      Consideriamo pure 2 ritiri non per colpa sua …

  2. エマニュエル

    30 Ottobre 2011 at 14:54

    Pilota veramente concreto, ultimamente poi non sbaglia un colpo. Chapeaux.

  3. David

    30 Ottobre 2011 at 15:27

    grande Button il secondo posto in classifica è molto vicino
    Forza Mclaren

  4. elena (mclaren)

    30 Ottobre 2011 at 19:03

    ..jenson sei stato bravo comunque..vuol dire che si il primo dei “normali”..visto che vettel ha il suo missile..

    • Luca M

      30 Ottobre 2011 at 19:12

      Anche Webber ha il missile di Vettel…

      • Francesco

        30 Ottobre 2011 at 19:31

        non diciamo cazzate!!!

      • Francesco

        30 Ottobre 2011 at 19:34

        se non si è ancora capito che in RB vogliono Vettel e stop, magari il mondiale dell’anno scorso insegna qualcosa??? stavano vincendo il mondiale 2010 con webber e lo hanno fatto girare che quasi lo perdevano…
        in RB webbe rserve solo come controfigura, il resto è solo vettel… e tanti tanti milioni di bei dollaroni!!!

      • anonimo

        31 Ottobre 2011 at 17:09

        contate che l’anno scorso ha perso punti anche per l’inaffidabilità della macchina vettel… io lo ritengo più forte di webber..però e anche vero che è boicottato

      • Ale

        2 Novembre 2011 at 22:59

        si ma è possibile che nella prima parte del campionato il KERS non funzionava solo a Webber, ma caz…zo ve,o siete scordati, mi ricordo almeno 6-7 gare con questo problema

        è boicottato punto

  5. elena (mclaren)

    30 Ottobre 2011 at 19:23

    ..si ma si vede che o non sa guidarlo o (più probabile) gli dicono dai box come lo deve guidare..

  6. Lothar

    30 Ottobre 2011 at 21:17

    Grandissima gara Jenson! Anche se un giorno dovrai spiegare a tutti come fai a guadagnare almeno 2 secondi ad ogni pitstop!

    • artemio

      31 Ottobre 2011 at 15:54

      hai la memoria corta!!!!!
      ha provato personalmente il box della r,b, e da li la velocità!!!!!!!!!!!

  7. Chris (tifoso J. Button)

    31 Ottobre 2011 at 01:12

    Sei il mio eroe!!! Una partenza eccezionale e una battaglia altrettanto magistrale con Webber!!! L’unico che è riuscito a vedere per tutti i 60 giri la sagoma di Seb, che, ancora una volta, si è dimostrato imprendibile. Ottimo lavoro!!!

  8. Elena (Jenson's fan!)

    31 Ottobre 2011 at 08:33

    concordo con voi ragazzi! Jenson è stato fantastico e ha tenuto bene il passo di Seb…
    Va là che il prossimo anno puntiamo al gradino in mezzo anche nel mondiale… vero Jenson?! 😀

  9. Beppe (tifoso RedBull)

    31 Ottobre 2011 at 09:26

    E’ stato veramente grande Button, questo significa che il titolo conquistato nel 2009 non è stata una casualità dovuta ad una BrownGP superiore alla concorrenza.
    Servirebbe lui una vettura leggermente più performante per giocarsela ad armi pari con Vettel.
    Complimenti ancora.

    Beppe

    • Francesco

      31 Ottobre 2011 at 13:56

      Beppe, questo non significa nulla…
      Probabilemente Button oggi sulla RB farebbe le stesse scintille che fa il tedeschino, i paragoni tra la Brawn 2009 e la RB 2011 sono ancvhe troppo evidenti…
      Che poi chiunque sulla Brawn2009 e sulla RB2011 avrebbe vinto il mondiale è una certezza assoluta…

  10. Gerardo

    31 Ottobre 2011 at 18:50

    Si dovrebbe consigliare ad Hamilton (non ha proprio il tempo del sorpasso) di prendere qualche lezione da Janson che invece è il migliore sorpassatore della formula 1.

  11. tommaso

    31 Ottobre 2011 at 20:51

    Grande Jenson.

  12. Samuele

    1 Novembre 2011 at 03:12

    Button con la macchina si sentiva apposto, ha staccato Webber su RedBull.
    Questo mi porta a dire tranquillamente che al contrario di quel che si crede in giro, Vettel ha vinto il mondiale “spingendo” e non passeggiando.

  13. sam

    1 Novembre 2011 at 16:58

    grande button

  14. michele

    2 Novembre 2011 at 18:52

    Non avevi ritmo????beh esercitati….e tu sai come fare…per trovare il ritmo basta sc……………….!!!?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati