Hermann Tilke: “Speriamo funzioni tutto nel circuito in India”

Hermann Tilke: “Speriamo funzioni tutto nel circuito in India”

Il disegnatore e progettista di circuiti Hermann Tilke ammette di provare un certo nervosismo per il prossimo Gran Premio d’India, dove si correrà per la prima volta questo weekend.

“Va tutto bene, il circuito è stato approvato senza problemi” ha dichiarato all’agenzia stampa dpa in un’intervista.

“Spero che funzioni il grosso delle cose nel circuito: la tecnologia – per i giornalisti, le squadre, per chi va al circuito, per i piloti, per tutti. E’ la mia prima preoccupazione”.

“Tutto si è svolto con così poco tempo da non poter provare tutto. Il fatto certo è che le piccole cose vanno storte nel primo gran premio. E senti sempre il nervosismo addosso, non è routine”.

Tilke ha provato a commentare il circuito e il comportamento delle gomme: “C’è una curva a destra lunga e molto impegnativa. Vedremo come si comporteranno le gomme, non penso ci siano problemi, ma si consumeranno parecchio”.

Alessandra Leoni

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

26 commenti
  1. Andrea Gardenal

    26 Ottobre 2011 at 18:12

    Mah, sinceramente un architetto che rilascia una simile dichiarazione alla vigilia dell’inaugurazione di un suo lavoro non mi lascia tranquillo, perchè mi dà l’idea di aver qualcosa da nascondere. Chissà non si ripeta una Corea-bis.

    • anonimo

      26 Ottobre 2011 at 20:19

      direi proprio di si visto che si esce da due curve lente

  2. Stu

    26 Ottobre 2011 at 22:15

    ma quando va in pensione questo qui?

  3. Andrea.

    26 Ottobre 2011 at 22:40

    Ma disegnare case di riposo no???

    • Federico Barone

      26 Ottobre 2011 at 22:58

      Ma non ti interessa il benessere degli anziani?

      • NR

        26 Ottobre 2011 at 23:02

        Bella questa …..grande Federico

      • frederick

        27 Ottobre 2011 at 15:11

        Grande XD

  4. Walter176

    26 Ottobre 2011 at 22:47

    Piuttosto mi son sempre chiesto perchè non incaricano anche altri e lui ha il monopolio?!

    • Federico Barone

      26 Ottobre 2011 at 22:57

      F1:

      monomotore
      monogomma
      monocambio
      monofreni
      monoposto 😉
      monoprogettista di circuiti (pessimi ed inutili)

      È chiaro?

      • Samuele

        26 Ottobre 2011 at 23:46

        Orrendamente chiato 🙂

      • Samuele

        26 Ottobre 2011 at 23:47

        ops.. chiaro non chiato.

    • Alex Atlantis

      27 Ottobre 2011 at 08:38

      monovecchiacciochesiintascalepatacche

      detto questo, mi sembra chiaro tutto

      • Filo

        27 Ottobre 2011 at 13:44

        monoBernie…

  5. Cosimo (tifoso Toro Rosso, simpatizzante Ferrari) [[ a tutela della F1 fuori: Mike Coughlan e Briatore]]

    27 Ottobre 2011 at 08:34

    la cosa più vergognosa è che hanno lasciato ilcompito ad un “Architetto”….l’insulto peggiore che si possa fare.

    Noi ingegneri abbiamo un esame che ha a che fare con queste cose, ma noooo meglio farlo fare ad un arhcitetto che ha studiato roba frivola.

    E si vede il risultato!

    • luca bacci(tifoso ferrari e schumacher)

      27 Ottobre 2011 at 09:23

      si io sono geometra e devo dire senza togliere al talento di alcuni architetti, che la maggior parte di loro perde il senso con la realtà e progetta di quelle cose da far spavento. a volte le soluzioni più semplici sono anche le migliori!

    • Federico Barone

      27 Ottobre 2011 at 10:10

      Anch’io sono del settore. Un buon architetto (e non sono pochi al mondo) fa la differenza ed è utile. Molti però non sono cooooosì buoni.

      E – PURTROPPO – il lavoro di un architetto viene onorato molto di più di quello, più invisibile ma non meno importante (aaaanzi) di un ingegnere. Anche economicamente… 🙁

  6. certom

    27 Ottobre 2011 at 10:24

    Correre alla sperindio… lo stai facendo male!

  7. DavideAlex

    27 Ottobre 2011 at 10:50

    Secondo me come architetto non è male, i circuiti e gli impianti adiacenti che ha progettato in fin dei conti sono molto belli. Il fatto è che prima di tutto gli vengono assegnate location tragicomiche come il porto di Valencia, Singapore e la più recente il New Jersey in cui sfido chiunque a fare un tracciato spettacolare e in secondo luogo deve sottostare agli ordini di Ecclestone (noi non lo sappiamo ma magari lo tira scemo, chi può dirlo!). Detto questo sarebbe ora di vedere qualche volto nuovo, Tilke sarà anche bravo ma alla lunga non può continuare a inventarsi soluzioni nuove, alla fine gli ultimi circuiti che ha progettato sono tutti molto simili tra loro.

    • Cosimo (tifoso Toro Rosso, simpatizzante Ferrari) [[ a tutela della F1 fuori: Mike Coughlan e Briatore]]

      27 Ottobre 2011 at 20:50

      ma chi se ne frega degli impianti adiacenti….qui si parla della pista… quante cagate ha partorito sto demente?

  8. LoL

    27 Ottobre 2011 at 10:54

    tilke sei un fallito! non la sai fare le piste digitalizzato con tuo pc ma vattene le piste lasciali ai ingegneri con mano e matita fallito!

  9. PaoloF

    27 Ottobre 2011 at 12:04

    Il problema del sig. Tilke, è che non ha ancora capito come si costruiscono degli autodromi in cui si possa sorpassare, lui pensa che inserendo un rettilineo di 1 km ciò avvenga sicuramente.

  10. Nicos

    27 Ottobre 2011 at 13:36

    “Spero che funzioni il grosso delle cose nel circuito: la tecnologia – per i giornalisti, le squadre, per chi va al circuito, per i piloti, per tutti. E’ la mia prima preoccupazione”.

    Una sola parola “VERGOGNA”

    • luca bacci(tifoso ferrari e schumacher)

      27 Ottobre 2011 at 14:05

      dopo una dichiarazione del genere andrebbe radiato dall’albo degli architetti. sarebbe come a dire “ho costruito una casa ma non l’ho collaudata! Speriamo che non crolli”
      a proposito di albi ma esisterà un albo apposta per progettare circuiti i qualsiasi architetto\ingegnere potrebbe farlo?

  11. Nik

    27 Ottobre 2011 at 14:21

    Ipotetico giornalista: “Hermann cosa ne pensi della formula 1?”

    Tilke (Probabile risposta): “formula che?”

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati