Pirelli annuncia la scelta degli pneumatici per le prime tre gare

Per ogni gran premio Pirelli sceglierà due delle quattro mescole da asciutto

Pirelli annuncia la scelta degli pneumatici per le prime tre gare

Per l’avvio del Campionato Mondiale di Formula Uno 2012 Pirelli ha comunicato la scelta degli pneumatici slick P Zero per le prime tre gare in Australia, Malesia e Cina.

In Australia e in Cina i Team avranno a disposizione gli pneumatici P Zero White Medium e P Zero Yellow Soft. In Malesia sarà adottata la combinazione P Zero Silver Hard e P Zero White Medium.

Come nel 2011, per ogni gran premio Pirelli sceglierà due delle quattro mescole da asciutto disponibili – Red Supersoft, Yellow Soft, White Medium e Silver Hard – in base alle temperature previste, alle caratteristiche del pneumatico e a quelle del tracciato.

Il regolamento stabilisce che in circostanze normali ogni Team avrà a disposizione per il weekend di gara sei set della mescola più dura e cinque set della mescola più morbida.

Pirelli porterà anche il suo nuovo pneumatico Cinturato Green Intermediate per le condizioni di pista umida (quattro set per pilota) e il nuovo Cinturato Blue Rain (tre set per pilota), per gare in cui, come in Malesia, è elevato il rischio di acquazzoni tropicali.

Le scelte degli pneumatici Per la Stagione 2012:

Australia: P Zero Yellow (soft), P Zero White (medium)

Malesia: P Zero White (medium), P Zero Silver (hard)

Cina: P Zero Yellow (soft), P Zero White (medium)

Pirelli annuncia la scelta degli pneumatici per le prime tre gare
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

15 commenti
  1. alonso98

    15 febbraio 2012 at 17:38

    Ma in Malesia come fanno a mettere le Medie e le Hard? è un punto in meno per la Ferrari!

    • luca

      15 febbraio 2012 at 18:04

      eh no, proprio no. alonso ha dichiarato che l’unica cosa buona e che hanno capito dopo il test di jerez è che la vettura manda il temperatura il pneumatico già al primo giro… ergo il problema di mandare in temperatura le mescole più dure dovrebbe essere risolto

      • alonso98

        16 febbraio 2012 at 15:08

        No, mi sembra che abbiano dichiarato che ancora qualche problemino c’era sull’aderenza con le dure ma questo penso che ce l’avranno tutti… scusami errore mio

    • frederick

      15 febbraio 2012 at 20:39

      Beh a questo punto spero non scelgano le super soft in Bahrain per dare un pò di spettacolo, o oltre gli spari della gente in rivolta ci saranno pure gli spari dei meccanici stufi di fare cambi gomme ad ogni giro XD

  2. manny

    15 febbraio 2012 at 18:29

    se ha detto cosi’ fernando ce da credegli,meglio perche’ si puo’ sperare in una buona qualifica….ma io resto dell idea che le mescole da asciutto sono 4 giusto? lasciamo 4 treni di gomma per mescola per ogni team poi fanno loro le decisioni allora si che si vede lo spettacolo anche senza DRS

    • luciano

      15 febbraio 2012 at 18:53

      il problema è portare tutte le gomme…. si parla di raddoppiare i costi di trasporto… e di produzione.. visto che devono fare 4 gomme di 4 set, di 4 mescole diverse, per 24 macchine… i team dovrebbero provare tutte le mescole ad ogni gara, e conseguenti assetti diversi… non pè cosi facile come dirlo… la pirelli l’ anno scorso si dichiarò diposnibile ad una cosa del genere, ma poi non si è saputo piu nulla… di certo aumenterebbe lo spettacolo, e tutti correrebbero al meglio delle loro possibilità..a nceh a me piacerebbe una cosa del genere solo ceh per il momento è inattuabile

      • F1fan

        15 febbraio 2012 at 20:47

        vero, ma con solo 4 ore di prove libere (L1,L2,L3) provare assetti con ben 4 mescole è impossibile, anzi, probabilmente non riescono a provare tutte le regolazioni dei vari assetti con 2 mescole dato il poco tempo a disposizione

        tranne che poi qualche mago della Fia vieti anche di provare le regolazioni della vettura, e allora certo che sarà possibile provare le 4 mescole!

        la formula uno al momento è troppo soggetta a limitazioni, niente test privati liberi, prove libere ridottissime, e regolamento troppo restrittivo!

        speriamo che le gomme assicurino uno spettacolo per lo meno adeguato

  3. Federico Barone

    15 febbraio 2012 at 18:32

    La Ferrari quest’anno avrà il problema opposto rispetto agli ultimi anni. Consumerà le gomme peggio della Mercedes W02 del 2011. Nemmeno le P Zero Silver (hard) saranno al sicuro dalla Ferrari F2012 mangiagomme.

    Del resto, avendo lo scorso anno push rod sia anteriormente che posteriormente ed avendo praticamente rivoltato la vettura (sottosopra) per creare una geometria delle sospensioni opposta (pull rod su entrambi gli assi), il risultato finale non potrà che essere opposto: lo scorso anno troppo “gentile” con le gomme, quest’anno “troppo aggressiva”.

    Ma dai, scherzavo… 😉 wait and see. Vedremo se a Barcellona si potrà avere un quadro chiaro e possibilmente confortante della situazione in casa Ferrari.

    • Benni Lo Sicco

      15 febbraio 2012 at 19:34

      😀

    • gliarrabbiatirestano

      15 febbraio 2012 at 19:53

      Wait and see: la frase preferita di Raikkonen! Sarei mica uno sporco traditore tifoso della Lotus e del Pilota Muto? 🙂

      PS Ovviamente il tono è ironico!

      • Federico Barone

        15 febbraio 2012 at 22:20

        Sono ferrarista. Ma Räikkönen è uno dei miei piloti preferiti. Probabilmente anche per le poche parole che pronuncia.

    • Y3ll0W C4b

      15 febbraio 2012 at 21:32

      Lo scorso anno la Ferrari aveva la sospensione di tipo “pull rod” solo nel retrotreno mentre all’anteriore aveva quella di tipo “push rod”, come tutte le altre squadre del resto.
      L’usura dei pneumatici NON dipende dal tipo di sospensione utilizzata ma da COME essa “lavora”.

      • gianluca46

        16 febbraio 2012 at 12:00

        no…la ferrari era l’unico top team ad avere ancora push rod. dietro..

      • gianluca46

        16 febbraio 2012 at 12:06

        per essere chiaro sia avanti (come tutti i team) sia dietro..

      • Federico Barone

        16 febbraio 2012 at 12:09

        A parte il fatto che ti sbagli (non è importante…) ma “Ma dai, scherzavo… ;-)” non l’hai proprio letto, vero?

        Ma tanto è uguale. 🙂

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati