Mercedes contro il ritardo nell’introduzione di Halo

Hamilton e Rosberg non capiscono perché aspettare

Mercedes contro il ritardo nell’introduzione di Halo

Negli ultimi giorni si è parlato insistentemente della possibile introduzione del sistema di sicurezza in Formula 1, in particolar modo a partire dalla prossima stagione. Dopo la riunione tenutasi giovedì a Ginevra, lo Strategy Group ha deciso di rinviare l’introduzione di un sistema di protezione della testa del pilota al 2018, lasciando tutto inalterato per il prossimo anno.

Per capire la reazione dei piloti è stato Bernie Ecclestone stesso, nella giornata di venerdì, ad incontrare i piloti durante il loro meeting. Tra i più contrari alla scelta presa dallo Strategy Group ci sarebbero i due piloti della Mercedes, Lewis Hamilton e Nico Rosberg.

L’inglese è rimasto molto deluso, sperando che non ci siano problemi nel prossimo anno che facciano rimpiangere la scelta di posticipare l’introduzione di Halo: “Veramente non capisco perché non ci sarà l’anno prossimo. Ho chiesto cosa succederebbe se fossimo così sfortunati da avere un incidente nel prossimo anno e mezzo, sapendo che avevamo una soluzione che poteva giocare un ruolo importante nell’aiutare i piloti” – ha detto Lewis a Motorsport.com -. “La FIA ha una soluzione che può aiutare. La FIA ha fatto un fantastico lavoro negli ultimi vent’anni per migliorare la sicurezza e anche se non sembra bellissimo, va bene”.

Durante una conferenza del venerdì, Charlie Whiting, il direttore di corsa della Formula 1, ha spiegato come Halo potrebbe proteggere i pilota da oggetti di grosse dimensioni, come ad esempio una gomma, ma potrebbe anche aiutare, nel 17% dei casi, con piccoli detriti. Hamilton a riguardo ha detto che “non si può ignorare quel 17%”. Il rischio rimane, ma il campione del mondo spera che durante il 2017 si continui a lavorare per migliorare questo sistema di sicurezza: “Nel frattempo continueranno a svilupparlo e, si spera, nel prossimo anno e mezzo la probabilità andrà via via migliorando fino a diventare il 30 o il 40%. Spero solo che in questo spazio di tempo nessuno si faccia male, incluso me stesso“.

Anche il suo compagno di squadra, Nico Rosberg, si è espresso sulla mancata introduzione “dell’anello” a partire dal prossimo anno: “Sicuramente tutti lo vogliamo e lo vogliamo sulla vettura al più presto possibile. Sono molto deluso” ha commentato laconicamente il tedesco.

Gianluca D’Alessandro

 

Mercedes contro il ritardo nell’introduzione di Halo
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. michele

    1 agosto 2016 at 09:21

    Non capisco.

    Hamilton si è sempre mostrato contrario all’Halo, sostenendo che le vetture erano già sicure così come stavano.

    La cosa mi preoccupa.

    Di solito è sempre sincero. Evidentemente si tratta di ordini di scuderia.

    Personalmente credo che l’Halo sia un danno per la F1, già costretta a limitare lo spettacolo da continue norme sulla sicurezza, e che le vetture siano già molto sicure.

    Qualcuno in FIA ha riflettuto su ciò, evidentemente, ma ormai troppo tardi,

    l’Halo arriverà a deturpare ancora una volta questa formula che è già solo un ricordo di quella vera.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati