Formula 1 | Alfa Romeo Sauber, Leclerc: “Risultato arrivato grazie al lavoro dell’intera squadra”

Ericsson: "Penalizzato dal traffico"

Formula 1 | Alfa Romeo Sauber, Leclerc: “Risultato arrivato grazie al lavoro dell’intera squadra”

Quattordicesima e diciottesima posizione per Charles Leclerc e Marcus Ericsson nelle qualifiche del Gran Premio d’Azerbaijan, quarto appuntamento del mondiale 2018 di Formula Uno. Dopo una prima parte di campionato al di sotto delle aspettative, il monegasco sembra aver trovato le giuste misure con a C37, centrando a Baku la prima Q2 della carriera. Discorso diverso invece per lo svedese, lontano dalla top quindici e in difficoltà nei confronti del proprio compagno di team.

Ecco le parole di Marcus Ericsson: “È stata una qualifica sfortunata per me, con molti fattori che hanno influenzato il risultato. C’era anche un bel po’ di traffico. Proprio per questo ho perso un giro buono nel Q1. Alla fine della prima manche ho fatto del mio meglio, ma purtroppo non è andata. Il lato positivo è che abbiamo mostrato un ottimo passo in pista e possiamo rimontare nella corsa di domani. Siamo stati abbastanza competitivi per tutto il week-end e dare di tutto per tornare all’interno della zona punti”.

Qui invece le impressioni di Charles Leclerc: “Sono molto contento delle mie qualifiche. Ho fatto un gran giro nel corso della Q1 e questo mi ha permesso di centrare il taglio. Essendo un esordiente è stato un gran risultato, soprattutto in una pista difficile come questa. Negli ultimi tre week-end ho imparato tantissimo e la squadra mi ha dato il giusto supporto per migliorare il feeling con la macchina. Abbiamo fatto alcuni passi positivi in termini di gestione dei pneumatici e il bilanciamento della vettura è buono. Attendo con impazienza la gara di domani: su questo circuito ci sono molti fattori che influenzeranno il risultato”.

Formula 1 | Alfa Romeo Sauber, Leclerc: “Risultato arrivato grazie al lavoro dell’intera squadra”
5 (100%) 2 votes
Leggi altri articoli in Alfa Romeo Sauber

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati