F1 | Vettel: “Non mi pento di aver lasciato Red Bull nel 2014”

"La Ferrari era il mio sogno, il fascino della macchina rossa mi ha sempre colpito", ha detto il tedesco

Le parole di Sebastian Vettel rilasciate su Sky Sport DE
F1 | Vettel: “Non mi pento di aver lasciato Red Bull nel 2014”

Sebastian Vettel non ha ancora comunicato nulla in merito al suo futuro. Al termine della stagione, il campione tedesco lascerà la Ferrari, e le strade che lo porterebbero a una nuova sfida in Formula 1 sono sostanzialmente due. Quella più probabile porta all’Aston Martin, quella che oggi è la Racing Point, ma negli ultimi giorni si è fatta sempre più frequente l’ipotesi Red Bull, con il patron Mateschitz voglioso, a quanto pare, di riavere il suo pupillo su una delle sue macchine. Nel frattempo, intervistato da Sky Sport DE (Germania) nel weekend di Budapest, Vettel ripercorre il divorzio con il team austriaco, affascinato dal richiamo della Ferrari, suo sogno da sempre.

“Non mi pento di aver lasciato la Red Bull, per me la Ferrari è sempre stata un sogno – ha detto Vettel. Il fascino di Michael sulla macchina rossa mi ha sempre colpito, un po’ come se fossi stato attratto dalla donna dai capelli rossi per le giuste ragioni. Ciò di cui mi pento un po’ è il modo in cui si è concluso il rapporto con la Red Bull: non abbiamo finito al massimo, ma nello sport questo succede. E’ stato strano con la questione contratti, cosa mi era permesso dire e cosa no. E’ stato un po’ scomodo, quindi ripensandoci, mi dispiace. Ci siamo trovati benissimo insieme, abbiamo vinto tanto e ci siamo divertiti”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

3 commenti

Articoli correlati