F1 | Perez: “Non mandano via Stroll”

"Sono un padre e non caccerei mai mio figlio"

F1 | Perez: “Non mandano via Stroll”

Il pilota messicano ne è consapevole: nel caso in cui l’accordo tra Racing Point e Sebastian Vettel vada a buon fine, sarà lui a dover lasciare il posto al tedesco.

“E’ ovvio – ha commentato Sergio Perez a Movistar- se qualcuno deve andare… Sono un padre e non caccerei mai mio figlio, non c’è altro che posso aggiungere”.

Il 30 enne ha un contratto che lo lega alla Racing Point fino al 2021 ma l’arrivo di Vettel potrebbe capovolgere tutto:

“So solo che io ho ancora il mio contratto. Stanno accadendo molte cose ma da parte mia, tutto rimane lo stesso e credo ancora nel progetto. Ovviamente ci sono discussioni interne ma fino ad oggi tutto è ancora valido. In ogni contratto ci sono sempre delle clausole. È un po’ correlato al problema delle sponsorizzazioni, in questo caso la clausola può essere aperta, viene svolto molto lavoro in modo che questo non succeda da parte dei miei sponsor”.

Carlos Sainz, in merito alle ultime voci di mercato, ha dichiarato:

(Perez, ndr) è un grande pilota che merita di continuare in Formula 1. Penso che queste siano solo voci, ma mi piacerebbe anche vedere Vettel in Formula 1 il prossimo anno. Mi piacerebbe vederli entrambi perché sono due grandi piloti. Non vorrei che Checo perdesse un’ auto competitiva come la Racing Point”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

Articoli correlati