F1 | Mercedes, Toto Wolff: “A Baku soffriremo”

"Il tracciato non si adatta alle caratteristiche della W12, Red Bull sarà forte", ha aggiunto

F1 | Mercedes, Toto Wolff: “A Baku soffriremo”

La batosta subita a Montecarlo non è andata giù alla Mercedes, che con il ritiro di Bottas e la brutta prestazione di Hamilton, settimo al traguardo, ha certamente portato al termine una delle gare peggiori degli ultimi sette anni di dominio della squadra anglo/tedesca. Toto Wolff, team principal dei campioni in carica però non si perde d’animo, anzi è convinto che dopo la rovinosa caduta del Principato la sua squadra saprà rialzarsi, anche se, a detta sua, il tracciato di Baku non si addice alle caratterische della W12.

“I fine settimana come quelli di Monaco sono quelli che ti fanno pensare di più – ha detto Toto Wolff. Niente è facile in questo sport, ed è uno dei motivi che ti spingono ad amarlo sempre di più. Sappiamo che se non sei al 100% allora qualcosa accadrà. Lunedì mattina ho visto la stessa energia di quando siamo tornati dai test in Bahrain, e questo mi fa piacere. Abbiamo analizzato il weekend, ci siamo posti delle domande e imparato alcune lezioni importanti, vorrei tanto poter correre di nuovo a Montecarlo dopo queste giornate di confronto”.

“Baku è anch’esso un circuito cittadino, ma è molto diverso da Monaco: ci aspettiamo di essere in difficoltà anche qui, non è particolarmente adatto alle caratteristiche della W12. La Red Bull sarà nuovamente molto forte, e anche Ferrari e McLaren hanno fatto dei progressi importante negli ultimi tempi. L’obiettivo sarà quello di sfruttare le opportunità a nostra disposizione su piste che non si adattano alla nostra macchina, dobbiamo prendere più punti possibili quando sarà possibile. Questa battaglia è entusiasmante per il nostro sport e per noi stessi, ci saranno alti e bassi. Avremo un’altra lotta cittadina, siamo più determinati che mai dopo quanto accaduto a Monaco a riprendere ciò che è nostro a Baku”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati