F1 | McLaren, il messaggio di Sainz: “Un abbraccio a chi è rimasto in Australia”

"Mi annoio, ma dobbiamo resistere e rispettare tutti la quarantena", ha detto lo spagnolo

Un video di Sainz su Twitter rivolto al personale della McLaren rimasto a Melbourne per augurare a tutti il presto ritorno a casa e alla normalità. Parole anche per i tifosi e l'invito a rimanere in casa
F1 | McLaren, il messaggio di Sainz: “Un abbraccio a chi è rimasto in Australia”

La quarantena ha colpito anche coloro che fanno parte del mondo della Formula 1. La scelta di andare in Australia e tentare di disputare la prima gara dell’anno, alla fine dei conti, è risultata sbagliatissima, e alcuni componenti del paddock hanno purtroppo contratto il Coronavirus. Tra questi anche un dipendente della McLaren, adesso in isolamento a Melbourne, mentre le sue condizioni sembrano migliorare. Sono rimasti in Australia anche altre persone del team, ma al momento non ci sono altri casi nella scuderia di Woking. Carlos Sainz oggi pomeriggio ha voluto mandare un messaggio sia alla sua squadra che ai fans della Formula 1.

“Al momento mi sento benissimo, ma questo non significa che non sono infetto o che non posso sviluppare i sintomi nei prossimi giorni – ha detto Sainz sul suo profilo Twitter. Per il bene di tutti è molto importante essere responsabili e seguire le linee guida degli esperti. Sto cercando di organizzare la mia vita in questo periodo, ovviamente sono un po’ annoiato, ma immagino lo siano un po’ tutti coloro che stanno facendo la stessa cosa in questo momento. Allo stesso tempo sto provando a fare un po d’ sport, cerco di tenermi occupato e fare cose che non farei mai”.

Poi il messaggio alla McLaren: “Volevo mandare il mio sostegno a tutte le persone che sono rimaste lì in Australia, a loro un grande abbraccio, perché sono sicuro che usciremo da questa quarantena il più presto possibile, e non appena avremo finito, torneremo a lavoro. A virus sconfitto, ritorneremo a correre, non vedo l’ora e mi manca. Voglio tornare a viaggiare con la squadra, dobbiamo superare tutto questo il prima possibile, e per farlo bisogna stare a casa in quarantena”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati