F1 | Ferrari, Vettel spegne ogni discorso sul mancato team order rispettato da Leclerc in Bahrain: “Era più veloce di me”

"Ho avuto l'opportunità e l'ho sfruttata, avevo un vantaggio piuttosto importante", ha detto il monegasco

F1 | Ferrari, Vettel spegne ogni discorso sul mancato team order rispettato da Leclerc in Bahrain: “Era più veloce di me”

A Shanghai, dove in questo weekend andrà in scena il Gran Premio di Cina, Sebastian Vettel e Charles Leclerc hanno avuto modo di esternare i rispettivi punti di vista sul mancato rispetto del team radio che ha visto protagonista il monegasco nelle prime battute del Gran Premio del Bahrain.

A Sakhir Leclerc, nonostante il muretto box della Rossa gli avesse chiesto di aspettare qualche giro prima di operare il sorpasso sulla SF90 gemella numero 5, aveva invece deciso di sopravanzare prontamente il compagno di squadra sul rettifilo principale ritornando così in testa alla gara dopo una partenza non entusiasmante.

Non sono sorpreso, è abbastanza chiaro da capire che in quel frangente era più veloce di me. Avrei potuto passarlo nuovamente al prossimo rettilineo, ma ho pensato che avremmo perso solo tempo. Quella domenica non è andata bene per il sottoscritto e non volevo condizionare la giornata di Charles”, ha sottolineato Vettel.

Sull’episodio in questione Leclerc ha dichiarato: “Ho avuto l’opportunità e l’ho sfruttata. Penso di aver dimostrato in Australia che l’interesse della squadra è estremamente importante (all’Albert Park il monegasco rimase alle spalle di Vettel, nonostante un ritmo migliore. ndr),  ma in questa particolare situazione penso avevo un vantaggio piuttosto grande. Ero più veloce sul rettilineo e non ho voluto rimanere dietro. Era una manovra sicura e l’ho fatta”.

Il monegasco ha poi aggiunto: “In ogni squadra è normale che i piloti vogliano battersi fin dall’inizio”.

F1 | Ferrari, Vettel spegne ogni discorso sul mancato team order rispettato da Leclerc in Bahrain: “Era più veloce di me”
4.3 (86.67%) 6 votes
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati