F1 | Ferrari, Laurent Mekies: “La pole? Una bella ricompensa”

"Le nostre performance sono state superiori alle aspettative" ha commentato il direttore sportivo

F1 | Ferrari, Laurent Mekies: “La pole? Una bella ricompensa”

La Ferrari, e Charles Leclerc, segnano la seconda pole stagionale a Baku, dopo la bizzarra qualifica di Montecarlo. Nel Principato la scuderia di Maranello si era aggiudicata la pole con il regime di rossa e una macchina a muro da riparare: la storia si ripete, è ancora Leclerc il più veloce di tutti, ma stavolta la vettura danneggiata è quella di Carlos Sainz. Lo spagnolo, quinto, stava cercando di migliorarsi alla fine del Q3 quando ha visto, alla fine del rettilineo che porta a curva 15, del fumo: Sainz sperava fosse solo un bloccaggio, ma poi ha capito che il pilota davanti a lui era finito contro le barriere. Era troppo tardi per rallentare o proseguire senza toccare l’altro pilota, per cui Carlos ha frenato bruscamente, andando anche lui toccare il muro nella via di fuga. I danni riportati dalla sua SF21 non sembrano gravi. Storia a parte per Charles Leclerc, che si prende la rivincita su Monaco e segna la nona pole position in carriera: certo, il passo gara degli avversari è promettente e il monegasco dovrà faticare per cercare di restare in testa al gruppo alla fine del primo giro, ma questo risultato è incoraggiante quanto inaspettato per la Ferrari.

Ancora una pole di Charles, ancora più inaspettata di quella di due settimane fa a Monaco. Eravamo arrivati a Baku consapevoli che sarebbe stato un weekend molto più complicato rispetto a quello precedente invece il livello della nostra prestazione è stato superiore alle aspettative, sin dall’inizio del fine settimana, anche su una pista teoricamente dalle caratteristiche meno favorevoli alla nostra vettura – ha commentato il direttore sportivo Laurent Mekies – la squadra e i piloti hanno fatto un ottimo lavoro in questi due giorni, migliorando la vettura sessione dopo sessione: il risultato delle qualifiche, il migliore della giornata in termini di somma dei piazzamenti, rappresenta una bella ricompensa.

L’incidente di Carlos? È stato tratto in inganno dalla fumata provocata da Tsunoda davanti a lui: sono cose che succedono ma è stato comunque ininfluente sul suo risultato visto che, a causa delle bandiere gialle, avrebbe comunque dovuto rallentare in quel punto della pista – aggiunge Mekies – domani ci aspetta una gara molto dura. Qui la pole position non è così determinante come a Monaco visto che i sorpassi sono possibili. Abbiamo visto ieri che Red Bull e Mercedes sono molto veloci sulla distanza: il degrado degli pneumatici sarà un parametro molto importante, soprattutto nella prima fase della gara. Sarà fondamentale essere pronti a gestire ogni evenienza, visto che tradizionalmente questa è una gara piena di imprevisti e colpi di scena“.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati