F1 | Red Bull, Christian Horner: “Abbiamo chiesto ai piloti di lottare correttamente”

"Peccato per i tifosi che si sono persi un grande spettacolo di strategie" aggiunge il team principal, che lascia Baku con una doppietta

F1 | Red Bull, Christian Horner: “Abbiamo chiesto ai piloti di lottare correttamente”

Starà gongolando sotto i baffi Christian Horner e checché ne dica, avrà sicuramente gioito dentro quando ha visto entrambe le Ferrari soccombere una dietro l’altra. La Red Bull era già partita alla grande con Checo Perez, che in partenza ha superato il poleman Charles Leclerc mettendosi al comando del gruppo. Una volta fuori il monegasco, l’affare per la vittoria si è spostato in casa Red Bull, dove un velato team radio “no fighting”, non lottare, ha suggerito a Sergio Perez di lasciar passare il campione del mondo Max Verstappen. Una bella rivincita sull’edizione 2021, senza dubbio. Ordini di scuderia a parte, la Red Bull ora è davanti a tutti: Verstappen è in testa con trentaquattro punti di vantaggio su Leclerc, terzo – e ventuno su Perez – mentre nel mondiale costruttori la squadra anglo-austriaca può dormire sogni tranquilli: sono ottanta le lunghezze di vantaggio sulla Ferrari.

E’ un risultato fantastico per la squadra su una pista che non smette mai di stupirci. Credo sia un peccato per i tifosi essersi perso lo show che le strategie avrebbero regalato, ma la Ferrari si è fermata molto in anticipo con la Virtual Safety Car mentre noi abbiamo allungato con le hard, credo che avremmo comunque avuto un vantaggio nella seconda parte di gara – ha spiegato il team principal Christian Horner – ma siamo riusciti a sfruttare gli eventi ed entrambi i piloti hanno guidato in maniera fantastica. Abbiamo chiesto loro di giocare pulito e correre correttamente ed è ciò che hanno fatto. Stanno facendo un grande lavoro per la squadra e siamo molto orgogliosi del risultato raggiunto dal team oggi“.


5/5 - (1 vote)
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati