Briatore dispiaciuto per l’errore che è costato ad Alonso il terzo mondiale

Briatore dispiaciuto per l’errore che è costato ad Alonso il terzo mondiale

Flavio Briatore si è detto veramente dispiaciuto per l’errore di strategia, compiuto dalla Ferrari, che è costato al suo pilota Fernando Alonso il terzo titolo mondiale, domenica scorsa ad Abu Dhabi.

La Scuderia ha riconosciuto l’errore di strategia nell’aver seguito Mark Webber per un pit stop anticipato durante la recente corsa di Abu Dhabi.
“Per Fernando avrebbe dovuto essere tutta un’altra gara”, ha riferito Briatore, ancora manager di Alonso, al quotidiano La Repubblica.
“Non si sarebbero dovuti preoccupare di Mark Webber, perchè Fernando era veloce in quel momento”, ha aggiunto l’italiano, la cui agenza cura anche gli interessi di Webber.

Quindi, perchè la Ferrari ha commesso un errore tanto fondamentale? “Difficile dirlo”, ha risposto Briatore. “Forse hanno male interpretato il momento in cui Webber ha colpito il muro. Mark non si è fermato ai box perchè quella era la sua strategia, bensì perchè ha urtato il muro con la sua posteriore destra”.
Briatore si è rifiutato di dire che Alonso ora sarebbe campione se ci fosse stato lui seduto al muretto Ferrari.

“Il giorno dopo una gara, tutti sono più saggi”, ha commentato. “Il giorno prima di una corsa o durante la stessa è tutto più difficile, poichè vanno prese delle decisioni in pochi secondi correndo il rischio di sbagliare”.

Briatore ha poi criticato il disegno del tracciato di Abu Dhabi che non ha consentito ad Alonso di rimediare all’errore sorpassando Petrov: “E’ uno scandalo che una gara così importante si svolga su una pista che non permette alcun sorpasso”, ha detto. “A Monaco va bene, ma Abu Dhabi è in mezzo al deserto, e potevano ben costruire una successione di curve e rettilinei ideale. Mi dispiace per Fernando. E’ un pilota fantastico protagonista di una stagione brillante”, ha concluso Briatore.

Filippo Ronchetti

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

17 commenti
  1. Max

    18 Novembre 2010 at 14:41

    volendo ironizzare: a questo giro Briatore non avrebbe dovuto neanche scomodarsi a far schiantare il secondo pilota per far entrare la safety car. Ci hanno pensato Tonio e Schumacher 🙂

  2. Nick the Quick

    18 Novembre 2010 at 15:45

    E’ un modo gentile e pacato per dire: “se ci fossi stato io al muretto non sarebbe successo” e per guardare verso un futuro in rosso.

  3. cosimo

    18 Novembre 2010 at 16:33

    Zitto evasore! stattene lontano dalla F1 tu e lo sport non centrate una cippa.

  4. Walter176

    18 Novembre 2010 at 17:47

    Flavio sarà quello che sarà: i risultati parlano per lui…

  5. Fernando

    18 Novembre 2010 at 18:04

    … Flavio, ma dato il potere e sensibilità che ha, Alonso avrebbe anche potuto avvisare (lo ha già fatto in passato!) che la vettura andava bene e le gomme erano ok per continuare a spingere!
    Diciamola tutta… il mondiale non lo ha perso solo la Ferrari con i suoi errori… Spa, Montecarlo, Silverstone, non dicono proprio nulla???

  6. paovox

    18 Novembre 2010 at 18:27

    Con Briatore al muretto, tutto questo NON sarebbe successo.

  7. Bond

    18 Novembre 2010 at 19:53

    A gara conclusa son tutti profeti…

  8. Sascha Granato

    18 Novembre 2010 at 20:12

    Briatore in ferrari sarebbe un gran colpo! è uno stratega vincente, c’è poco da dire.

  9. Frigole

    18 Novembre 2010 at 20:29

    Anche se non mi piace come persona, potrebbe fare molto per la Ferrari

  10. Francesco

    18 Novembre 2010 at 21:05

    Ma come fate ad osannare personaggi come questo?
    Ci vuole gente nuova, non questi vecchi e truffaldini dinosauri della F1!
    Avanti il nuovo, via il vecchio!

  11. Luneberg

    18 Novembre 2010 at 23:28

    Mi viene da dire che anche mio nonno se avesse avuto tre palle sarebbe stato un flipper… Metafora per registrare che anche Briatore pontifica dietrologia…
    Personalmente ritengo che se ci fosse stato Briatore sul muretto Ferrari a YasMarina avremmo avuto tante possibilità di vincere tante quante sono quelle che nevichi a ferragosto..( come lo stesso muretto Domenicali evidentemente )… Ma dai, Flavio Briatore da come parla non mi sembra affatto uno stratega sottile dotato di raffinata visione tecnica… e’ un ottimo leader di palazzo e uomo di comunicazione, peraltro non c’è dubbio che abbia ottenuto risultati eccellenti in carriera ma era anche circondato da uomini di rara affinità verso la disciplina della formula uno ( shumy, brown, byrne ) come dire…
    Loro ci mettevano le varianti tecniche, tattiche, tecniche e lui ci metteva il culo ( inteso come fortuna)!
    🙂

  12. Salvatore Mastroluisi

    19 Novembre 2010 at 00:21

    Cambiamole queste piste antisorpasso. Comunque Fernado parla troppo alla a vanvera via radio. Ha deviato lui la strategia. E’ stata sua decisione di marcare webber e di rientrare.

  13. giacomo

    19 Novembre 2010 at 05:26

    voglio dire un cosa si parla tanto che la ferrari, ha commesso un errore nella strategia, pero’ perchè non parla degli errori di fernando, quando colpisce il muretto a monaco nelle prove liberi, o il gp del belgio, o australia?, ehh stato 65 punti inutilizzato, ora vediamo, la ferrari è colpevole o fernando??

  14. Markinoooo

    19 Novembre 2010 at 08:07

    Io più che lui preferisco sua moglie……….

  15. dani

    19 Novembre 2010 at 09:10

    ancora che parla questo radiato

  16. Federico Barone

    19 Novembre 2010 at 09:48

    Briatore ha parlato bene (e ne ha pure il diritto, anche se a molti giustamente non piace).

    E sta continuamente parlando bene. Ho la sensazione che stia preparando il terreno per il suo rientro, non necessariamente subito e non necessariamente come sostituto di Ecclestone… 😉

  17. Misteriusman

    19 Novembre 2010 at 13:52

    Ma vai a ca***e tu e Culonso, 40 giri dietro a Petrov ha fatto il tuo pilota brillante!!!!!!!! La fortuna qualche volta gira dal verso contrario caro Briatore!!!!

    Saluti a tutti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati