Alonso: “Sono soddisfatto di questo weekend”

"Siamo stati competitivi fino alla fine"

Alonso: “Sono soddisfatto di questo weekend”

Quarto posto per Fernando Alonso nel GP Singapore 2014.
Il pilota della Ferrari ha lottato fino allo scadere delle due ore di gara a disposizione per cercare di agguantare l’ultimo gradino del podio ma alla fine ha dovuto arrendersi alla Red Bull e mollare la presa nei confronti di Ricciardo, terzo davanti a lui.
Al volante della sua rossa Alonso è stato costante per tutto il weekend, riuscendo a guadagnarsi il quinto posto sulla griglia di partenza nelle Qualifiche del sabato.
Ma una partenza troppo aggressiva che lo ha costretto ad andare lungo alla prima curva, unitamente a una strategia non proprio azzeccata per l’ultimo pit stop dello spagnolo, non gli hanno permesso di chiudere in bellezza. La Ferrari però punta ovviamente a portare in pista una vettura più competitiva e nel weekend asiatico la rossa se non altro ha mostrato un buon ritmo.

“Con il senno di poi è facile chiedersi come sarebbe andata se non avessi commesso l’errore in partenza e se la
Safety Car non fosse entrata in quel preciso momento, ma nel complesso mi sento soddisfatto di questo weekend, perché siamo stati competitivi e abbiamo potuto lottare con le vetture di testa. L’ingresso della Safety Car a volte può aiutare, ma credo che in questo senso oggi abbiamo avuto un po’ di sfortuna, perché in quel momento stavamo cercando di assicurarci la seconda posizione e la strategia era buona”, ha commentato Alonso a fine gara.

“Per noi non c’erano molte alternative, perché se fossimo rimasti fuori con ogni probabilità la sosta per le Soft ci sarebbe costata più posizioni. Anche se sul finale non sono riuscito a superare, il fatto di essere stati competitivi fino alla fine conferma che è stato fatto un passo avanti. Adesso a Suzuka – un circuito vero – avremo un quadro più chiaro di dove siamo”, ha quindi concluso il pilota della Ferrari.

Nina Stefenelli

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

10 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati