Mercato Piloti F1 2015: Marussia-Bianchi, futuro incerto

Bianchi tra Ferrari e Marussia? Tutto dipenderà dalla decisione di Alonso

Mercato Piloti F1 2015: Marussia-Bianchi, futuro incerto

In una recente intervista rilasciata all’edizione russa di Autosport, Jules Bianchi ha rivelato di non essere ancora sicuro se nel 2015 guiderà ancora per la Marussia o sarà costretto ad approdare in un’altra scuderia. Il 25enne francese, unico dei piloti del team russo ad essere andato a punti in un Gran Premio di Formula 1 a bordo della MR03, non ha ancora chiaro quello che può riservargli il futuro: “Il mio futuro è ancora nebuloso, vorrei che le cose potessero chiarirsi al più presto, ma al momento no so ancora nulla di certo – ha sottolineato Jules – Stiamo cercando di trovare la migliore soluzione per la prossima stagione, ma in questo momento voglio solo concentrarmi sulle restanti gare del campionato”.

Bianchi, che si trovava in Ungheria in occasione della gara di Formula Renault 3.5, potrebbe trovarsi in questa situazione anche a causa della situazione in Ferrari. Se la presenza in Rosso di Kimi Raikkonen anche per il 2015 sembra praticamente assicurata, a Maranello si sta ancora trattando il rinnovo di Fernando Alonso, corteggiato dalla McLaren-Honda e dalla Red Bull. Nel caso restasse in Marussia, il transalpino potrebbe fare coppia con Alexander Rossi, vicino a debuttare con la Marussia a Spa al posto di Max Chilton: “Siamo estremamente soddisfatti del lavoro effettuato fino ad ora da Jules, ci piacerebbe averlo ancora con noi, ma è chiaro che sela Ferrari ne avrà bisogno lo chiameranno – ha sottolineato John Booth, team principal della Marussia – Annunceremo la nostra lineup a dicembre”. Quindi per Bianchi tutto rinviato, forse in prospettiva della grande occasione della sua vita.

Eleonora Ottonello

Mercato Piloti F1 2015: Marussia-Bianchi, futuro incerto
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Mercato

Lascia un commento

9 commenti
  1. stefanoabbadia

    15 settembre 2014 at 13:37

    Pazzesco…a volte io ho delle opinioni personali davvero basse rispetto a certi articoli..e mi domando:

    ma questo Bianchi (che da sempre giudico scarso e a mio avviso nell’ambiente solo per spinte ma è mia opinione e non certo per le sue note non performance..a parere mio neh) è talmente bravo che la sua permanenza in F1 è legata ad un sedile della Marussa (Ferrari quindi) o della Ferrari…non fa gola a nessun altro…come mai?

    Eppoi si dice che la F1 non piace più…per forza….

    • Chau (tifoso Kimi, Hülkenberg e Mercedes)

      15 settembre 2014 at 14:58

      Io mi chiedo se Bianchi sarebbe comunque così osannato come un astro nascente, se non fosse pilota di riserva e giovane della Ferrari (e se fosse tutto questo anche se non avesse Todt Jr come manager). Anche se credo di sapere già la risposta; non vedo sinceramente cosa abbia di così speciale rispetto a tanti altri piloti in F1 e non. Per carità, scarsissimo non è, ma se avesse un compagno di squadra un po’ migliore di Chilton si potrebbero anche valutare meglio le sue prestazioni. Rimango dell’idea che se se ne andasse Alonso l’opzione migliore per la Ferrari sia Hülkenberg, e in alternativa sicuramente ce ne sono di meglio di Bianchi (Grosjean, Pérez, Kobayashi, Bird, Frijns…)

    • Davide Alex

      15 settembre 2014 at 16:10

      Scusate, ma che senso ha questo discorso? Anche Ricciardo era stato parcheggiato in HRT dalla Toro Rosso e i primi tempi prendeva paga perfino da Liuzzi … oggi batte regolarmente un quattro volte campione del mondo.
      Bianchi è riuscito a portare a punti una Marussia, in modo rocambolesco, ma intanto c’è riuscito. Non è già di per sè un buon biglietto da visita?

      • stefanoabbadia

        15 settembre 2014 at 17:57

        Il suo miglior biglietto da visita è quello del suo manager..il figlio di Jean todt…eddai…

      • Federico Barone

        15 settembre 2014 at 18:12

        Siccome Bianchi è gestito da Todt jr. e dalla Ferrari, qualsiasi cosa buona possa proporre (in Marussia ha fatto bene, meglio di quanto mi aspettassi da lui) non servirà a nulla: resterà un buono a nulla raccomandato.

        Purtroppo molta gente ragiona così. Come quando l’inesperienza di Mattiacci in F1 è un motivo sufficiente per dargli dell’incapace, dimenticando un altro italiano del recente passato, che nonostante avesse le stesse credenziali (forse anche peggiori direi ;-)) ha poi ottenuto 4 titoli mondiali piloti, senza team di punta (soprattutto come budget).

        Vabbè, è così, non possiamo farci nulla.

        Certo, chi scommetterebbe su Bianchi (o Mattiacci), in questo momento? Non lo farei nemmeno io, ma sinceramente non credo che abbiamo dati sufficienti per bocciarlo/i già ora…

      • CECCO

        15 settembre 2014 at 20:09

        Di sicuro è nettamente più bravo di tanti italiani che hanno varcato o hanno provato a varcare le porte della F1…… Da bruni a filippi a toccacelo……… Ecc ecc

      • Davide Alex

        15 settembre 2014 at 22:33

        Forse è finito sotto l’ala protettrice del figlio di Todt perché ha dimostrato di valere qualcosa … dopotutto chi può dirlo? Sarebbe diverso se invece al volante della Marussia avesse offerto prestazioni pietose, ma così non è stato.

  2. Marcocelli

    15 settembre 2014 at 23:05

    e brava Eleonora.
    Farai successo come giornalista, te lo meriti.

  3. dPace_01

    16 settembre 2014 at 21:04

    ma fateli mangiare il pane duro nelle categorie “minori” ai vari Baby piloti!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

Ufficiale, Rossi terzo pilota Manor

L'americano correrà in contemporanea in IndyCar
Non contento dell’impegno con l’Andretti Autosport in IndyCar Alexander Rossi ha accettato di raddoppiare e quindi di diventare il primo