Le 10 Pillole del GP della Turchia 2011

Le 10 Pillole del GP della Turchia 2011

Quarto appuntamento con le Pillole 2011 Post GP della Turchia. Si registrano tendiniti per i meccanici delle scuderie, dopo l’odierna fila di pit stop. Circa 80 soste, più di una al giro (58).

Foto di copertina dedicata alle protagoniste di giornata.
Premessa: le posizioni delle Pillole sono rigorosamente CASUALI.

1 – Sebastian Vettel
Siamo arrivati alle bamboline Voodoo. Migliaia di tifosi avversari che, sparsi per il globo, punzecchiano la loro bambolina nel tentativo di creare qualche problema al biondino di casa Red Bull. Lui, per prenderli in giro, si schianta al venerdì e poi si prende Pole (4a su 4) e Vittoria (3a su 4).

2 – FerNando Alonso
La Pasqua è periodo di resurrezione, ed ecco che la sosta ci ha riconsegnato un Nando combattivo, attento e concreto. Dopo il miracolo della partenza senza problemi e posizioni perse, arriva una gara nel terzetto di testa con una Rossa che viaggia, mentre gli altri arrancano a distanze siderali. E niente più Petrov all’orizzonte. Avanti, Fer.

3 – Lewis Hamilton
Dagli involtini primavera al kebab la strada è tanta, e non vorremmo che in Mclaren si fossero persi qualche pezzo nel tragitto. Oltre ad una strategia sbagliata, una pistola probabilmente riciclata da uno sfasciacarrozze di zona non funziona e gli fa perdere un sacco di secondi. Dalle stelle alle stalle, ma quanto meno arriva sul gradino di legno!

4 – Felipe Massa
Non si contano le soste ai box 2011 in cui c’è stato almeno un problema. Anche oggi due soste gli hanno fatto perdere secondi preziosi. A Barcellona non ci sorprenderemmo di vederlo scendere e provvedere autonomamente al cambio gomme. Perderà tempo, certo, ma almeno sarà colpa sua.

5 – Mark Webber
Il Canguro, dopo la Remuntada cinese, vive una giornata più tranquilla e arriva addirittura secondo. Per divertirsi un po’ fa passare il Biondino in Mercedes in partenza, visto che di andare a prendere Seb non se ne parla. Nel finale sorpassa Nando a fatica, visto che il Kers sulla sua Red Bull si aggancia alla retromarcia. Così, per gioco.

6 – Michael Schumacher
Sbeffeggiato ormai, oltre che dai giornalisti dalla corta memoria, anche dai magazzinieri del circuito (si mettessero loro in macchina, ci verrebbe da dire), il Kaiser vive una domenica di Passione colma di sorpassi subiti, effettuati, e per non farsi mancare niente qualche ruotata con Petrov e il suo amicissimo Barrichello.

7 – Le interviste a Paul Hembery
Alla quarta gara il Capo tecnico Pirelli ne ha già piene le scatole di sentirsi chiedere quanto dureranno le gomme. E dire che sapevano a cosa andavano in contro, quando gli è stato chiesto di costruire gomme appositamente di pastafrolla. Vuoi vedere che a metà anno costruiranno gomme dalla durata di 5 GP?

8 – Il DRS
Siamo curiosi di sapere quale sarebbe la soddisfazione personale di un attuale pilota nel superare qualcuno davanti con un Handicap di 20/25 km/h di differenza. Visto che oggi è l’8 Maggio, ci viene da dire una cosa: Gilles sorpassava senza DRS, senza KERS, senza giochetti artificiosi. Semplicemente, ci metteva due ‘ruote’ così.

9 – Le sportellate tra Heidfeld e Petrov
Uno dei piatti forti della giornata è stato il ripetuto tentativo del duo Renault di farsi fuori a vicenda. Dopo i tentativi cinesi, anche oggi Heidi e Petrov se le sono date di santa ragione, con reciproci inviti ad andare a ‘quel’ paese. Per la gioia di Boullier. Robert, torna presto per favore.

10 – Le HRT
Incredibile ma vero, anche oggi le Hrt sono arrivate entrambe al traguardo. Certo, con rispettivamente 25 e 50 giri di distacco. Chi va piano, va sano e va lontano. Come? In F1 non funziona così? Ma questa non è F1, è un Campionato di Regolarità..

Fuori Concorso – Bernd Maylander
Parte oggi l’iniziativa ‘Una pista per Bernd’. Donando 2, 5 o 10€ da telefono fisso o cellulare, potrete aiutare il Nostro nella costruzione di una pista portatile, perennemente bagnata, sulla quale girare quando e come crede. Brutta cosa, la depressione.

MENZIONI SPECIALI
Il braccino corto in qualifica
Andando avanti di questo passo, vedremo la Q3 con piloti che, invece di mirare alla Pole, penseranno a tenere le gomme buone per la domenica. Ieri è stato il turno di Massa, più avanti chi lo sa. Magari qualcuno si porterà le gomme da casa. E quelle durano tantissimo.

Arrivederci al GP di Spagna!

Alessandro Secchi
F1Grandprix.it

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

35 commenti
  1. Vittorio

    8 Maggio 2011 at 23:37

    Da notare che a fine gara Paul Hembery ha detto che Vettel ha fatto 3 soste perchè aveva 24 secondi di vantaggio!!! Cioè ha confermato la sua ipotesi (poi rimasta tale) fatta in gara circa la possibilità di Seb di fare una sosta in meno
    Resta il fatto che gli chiedono sempre le stesse cose 😛

  2. Summit

    8 Maggio 2011 at 23:47

    Paul Hembery oggi era fuori di testa perchè si è reso conto che la sua amata Mclaren quest’anno le prenderà nuovamente da Alonso come nel 2010, ahaha!!

  3. giuseppe (tif. ferrari)

    9 Maggio 2011 at 10:56

    Fuori Concorso – Bernd Maylander

    In mattinata si è visto nella gara 2 (non sò se fosse una replica) per 3 giri.

  4. giuseppe (tif. ferrari)

    9 Maggio 2011 at 10:56

    (ops)…della gp2

  5. FabrizioC

    9 Maggio 2011 at 10:57

    Il tono dell’articolo direi che riassume bene il trend della Formula 1: sempre più barzelletta, di competitivo c’è sempre e l’importante è lo spettacolo! (poi se è comico poco importa).

  6. FabrizioC

    9 Maggio 2011 at 10:58

    Il tono dell’articolo direi che riassume bene il trend della Formula 1: sempre più barzelletta, di competitivo c’è sempre meno e l’importante è lo spettacolo! (poi se è comico poco importa).

  7. MikeCTF

    9 Maggio 2011 at 11:08

    Gran bell’articolo!! Insisto che a Maranello dovrebbero leggerli sti pezzi! 😀

    Non so quanti alibi abbia ormai Massa… gliene capiteranno anche tante ai box, ma in pista ci mette del suo a farsi sverniciare dal primo che passa!
    Unica nota positiva: il secondo sorpasso su Hamilton in due gare… peccato che poi sia rientrato ai pits… boh…

    @Sale avevo notato una cosa del genere, ma non sapevo se era consentito o meno dal regolamento… C’è qualche replay in giro??

  8. r.strauss

    9 Maggio 2011 at 11:14

    4 – Felipe Massa
    Non si contano le soste ai box 2011 in cui c’è stato almeno un problema. Anche oggi due soste gli hanno fatto perdere secondi preziosi. A Barcellona non ci sorprenderemmo di vederlo scendere e provvedere autonomamente al cambio gomme. Perderà tempo, certo, ma almeno sarà colpa sua.

    per piacere siamo precisi e diciamo che Massa doveva tenere giù il freno durante il pit stop … si è visto chiaramente il mozzo che girava e in quel caso nemmeno il mago Zurlì sarebbe riuscito a cambiare quella gomma.

    A parte questo complimenti per l’articolo/satira che si adatta perfettamente alla barzelletta F1.

  9. fedele

    9 Maggio 2011 at 11:42

    scusate ma non capisco la pillola su schumacher.. qui si crocefigge massa ma schumacher ???
    altro che memoria corta qui si parla di un sette volte campione del mondo che guida come
    una nonnina nel traffico.. non ci sono alibi che tengano e anche l’affermazione
    “che guidino loro” mi sembra fuori luogo anche perche il pilota e lui e da lui ci si
    aspetta ben altro. chi lo sbefeggia non sono gli addetti ai lavori o noi con i nostri
    commenti ma bensi i suoi colleghi in pista compresi piloti con macchine nettamente
    inferiori. la durezza dei commenti e perciò subordinata al blasone del pilota.

  10. schummyy

    9 Maggio 2011 at 12:23

    ok proviamo a dimenticare quello che ha fatto, secondo voi non merita di correre per quello che stà facendo adesso? è comunque davanti a tanti giovani arrembanti o sbaglio!( guardate i tempi sui giri più veloce di Rosberg)
    In più nel bene e nel male si continua a parlare di lui quindi ben venga schummy.
    Lo rivedremo presto sul podio

  11. Randy

    9 Maggio 2011 at 13:49

    Tutti quelli che criticano Vettel perchè vince facile nessuno di loro ricorda le vittorie del calzolaio pazzo così deprimenti senza nessun avversario senza nemmeno volersi preoccupare del compagno di squadra (il quale doveve essere un paracarro per contratto!) Adesso che tutti vedono il reale valore dell’idiota da leggenda in confronto a Nico ancora c’è qualcuno che lo difende! A mio avviso è stato la più grande disgrazia della F1 vedere detenere il record di vittorie da un elemento simile!

  12. Antonio

    9 Maggio 2011 at 16:06

    Mi dispiace,ma dopo l’addio di Prost e la morte di Senna,siamo passati ad una formula uno che fa pena,nn ci sono stati più campionati interessanti ne campioni veri…. Forse si era chiusa un epoca,ma da allora la formula uno è diventata una barzelletta continua,con dei regolamenti che fanno schifo,con la scusa dello spettacolo e della sicurezza…ma andate a quel paese,tanto vale metterci delle scimmie al volante… Via tutte queste regole e torniamo a far guidare dei veri piloti con i “maroni” no sta gente…
    Scusate lo sfogo,ma veramente è diventata ridicola cosí….

  13. Paolo93

    9 Maggio 2011 at 18:53

    Posso fare una donazione per il circuito portatile del Nostro Bernd di 100 euro?? Anche voialtri che avete scritto dei commenti fate una donazione, Bernd ne ha proprio bisogno.
    Sale io me ne sono accorto ed era una Virgin

  14. gabriele

    9 Maggio 2011 at 19:11

    Grande articolo!!..
    io comunque aprirei una discussione sul DRS.
    gare con più sorpassi si,ma che sorpassi?
    vediamo macchine accodate che a un certo punto hanno una spinta,che lo scarto sembra fatto non per sorpassare me per evitare di centrare,l’avversario e fare il volo di Webber.
    Sta diventando Formula 1 tutta di facciata.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati