Hamilton, la responsabilità del campione: dalla rimonta “vintage” all’allarme sui tre motori del 2018…

Le parole del campione del mondo devono far riflettere. La F1 non va snaturata...

Hamilton, la responsabilità del campione: dalla rimonta “vintage” all’allarme sui tre motori del 2018…

Bravo Luigino! Stavolta il quattro volte campione del mondo inglese merita applausi bipartisan per il messaggio sincero, schietto, che rivela un’infatuazione ancora fortissima per lo sport di cui è ormai una vera e propria bandiera. Rispetto al “ragazzino” (cit.) viziato di dieci anni fa, Lewis è ormai maturato, e probabilmente il quarto iride lo ha per certi versi responsabilizzato.

Le parole pronunciate all’indomani della splendida gara di Interlagos segnano quasi una rottura con l’idea del campione dal carattere controverso, eccentrico nei modi e poco incline a socializzare con i colleghi. Ma andiamo con ordine. Il campione britannico in Brasile ha infilato a destra e manca mezzo schieramento, divertendo e divertendosi. Merito della sua guida eccezionale, ma anche, come ammesso in modo sincero, di un motore tutto nuovo, che gli ha dato la possibilità di spingere sull’acceleratore come se non ci fosse un domani, senza essere costretto a “gestire” la complessa power unit.

Mai come stavolta, però, Hamilton ha voluto mandare un messaggio ai vertici FIA, trasformando gli onori ricevuti negli oneri che spettano ad un campione del suo calibro. Più o meno questo il concetto: “Era da tempo che non mi divertivo così, ho potuto sfruttare tutta la potenza del motore. Mi piacerebbe andare al limite ogni singolo giro, mentre l’anno prossimo con soli tre motori dovremo fare ancora più attenzione. Non è stata una grande scelta secondo me. Guardate questa gara, i piloti nelle prime posizioni non potevano spingere come me, quando si parla di futuro si deve anche pensare a situazioni del genere”.

Le ultime parole suonano come una condanna senza appello alla FIA, con Liberty Media che vuole rilanciare la F1 senza però comprendere l’importanza e la necessità di un passo indietro, di un ritorno alle origini. Ecco perché la rimonta di Hamilton acquista un sapore “vintage”, ci riporta ad una Formula 1 che avevamo dimenticato, pronti a impressionarci facilmente per “il ritmo da qualifica tenuto per 71 giri“, dimenticando che gare così tirate hanno rappresentato la norma fino a poco tempo fa, segnando destini e vittorie di fuoriclasse, ma anche di driver meno bravi, perché più la gara è veloce e più si fa selezione. Tre power unit a stagione dal 2018. Già immaginiamo il telecomando dai muretti e le mappature introvabili da settare (povero Kimi che sta ancora cercando C71!), i giri nelle libere centellinati, i casini con le componenti ibride e le griglie di partenze scritte a tavolino con le penalità. Mai la F1 s’era inginocchiata tanto vigliaccamente al progresso tecnologico da arrivare ad abiurare se stessa, alla propria essenza, alla propria missione, che è quella di incantare platee per essere l’emblema della velocità pura.

A farci riflettere, magari a far riflettere chi di competenza, c’ha pensato un simbolo della massima categoria, un pilota che divide le masse, ma che in ogni caso sa come far parlare di sé. Ebbene mai come stavolta Lewis Hamilton ha incarnato il sentimento di tutti e l’ha espresso in poche e appassionate parole. E bisognerà pur dare peso al pensiero di questo figlio del vento stanco di correre con il freno a mano tirato.

Antonino Rendina


Hamilton, la responsabilità del campione: dalla rimonta “vintage” all’allarme sui tre motori del 2018…
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

6 commenti
  1. ooJEANoo

    15 novembre 2017 at 07:37

    Bravo Lewis hai perfettamente ragione, rimane però il complesso e non facile problema della riduzione dei costi, ma ha te che ti frega? Guadagni più te di quello che spende la Sauber in tutta la stagione ;-P
    Ahahahah
    Scherzi apparte Hamilton ha ragione da vendere, con soli 3 motori le case costruttrici dovranno investire ancora più $ per fare motori tanto affidabili
    E si parla di riduzione dei costi…..

  2. Pingback: F1 | Hamilton: “Le vetture 2018 saranno degli autobus” - Arcobaleno Sport

  3. -Leon-

    15 novembre 2017 at 08:43

    ha ragione da vendere, e spero tanto che altri piloti si uniscano a lui per far sentire il disappunto per questa regola assurda.

    che non è la sola regola assurda, xchè oltre a poter spingere come un matto sull’accelleratore, ce un altro fattore determinante x la sua rimonta “bellissima”.

    cioè avere una vettura perfettamente settata x la gara, e no una figlia del compromesso tra settaggio qualifica e gara.

    quindi oltre a eliminare questa cosa oscena dei 3 motori per un intero campionato, prima cosa da fare è abolire il parco chiuso, e ripristinare il warm up.

    sempre forza FERRARI

  4. IcePack

    15 novembre 2017 at 10:33

    Parlare di riduzione costi in F1 è un controsenso , se però vogliono trasformarla in qualcosa d’altro stile Indy allora i marchi storici dovrebbero salutare e andarsene senza appello. Le restrizioni dovrebbero essere studiate più al badget globale che restrizioni specifiche , poi ogni squadra si gestisce al meglio anche pagando meno i piloti !

  5. Raphael

    15 novembre 2017 at 11:26

    Concetto giusto, idee sbagliate.
    Cosa vuol dire “Mai la F1 s’era inginocchiata tanto vigliaccamente al progresso tecnologico…” di quale progresso tecnologico si parla? quello di far durare di più i motori? Mi sembra alquanto “limitativo”, la tecnologia è qualcosa di più.
    Bravo Hamilton ad ammettere che le sue belle prestazioni nell’ultima gara non sono tutte frutto dal suo talento, e a dare il campanello di allarme su una F1 snaturata, ma ci vorrebbe ben di più per salvare la F1 che ormai da anni è letteralmente distrutta.
    Qui gli spettatori vogliono rumore, ruotate, piloti super star, e il problema dei tre soli motori va in questa direzione, della F1 vera non importa a nessuno.

  6. Ringo

    15 novembre 2017 at 17:52

    Resta il fatto che la rimonta è stata possibile perché aveva a disposizione un motore più potente degli avversari. Se gli altri avessero avuto pari possibilità la gara sarebbe andata diversamente. Con tre motori per stagione non credo lo spettacolo cambi di molto perché tutti andranno al massimo del possibile in modo uguale a meno che qualcuno non accetti penalità per usare piu motori più potenti che probabilmente converrà.. sarà solo ulteriore denaro speso inutilmente

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Le “pinne di squalo” potrebbero ritornare nel 2019

Dopo essere state abolite quest'anno, insieme alla T-wing e con altre modifiche alle monoposto, sembra esserci una nuova speranza per le "pinne" delle Formula 1
Le “pinne di squalo” potrebbero tornare in Formula 1 in un futuro molto vicino, addirittura l’anno prossimo. Nonostante la loro