Formula 1 | Red Bull, Marko avverte Gasly: “Deve migliorare prima della pausa estiva”

Marko ha inoltre ammesso: "La nuova specifica dell'ala anteriore era montata sulla vettura di Verstappen"

Marko ha invitato il francese a migliorare, sottolineando come la Red Bull sia disposta ad aspettarlo fino alla prossima pausa estiva
Formula 1 | Red Bull, Marko avverte Gasly: “Deve migliorare prima della pausa estiva”

In un’intervista rilasciata alle colonne di Auto Bild, Helmut Marko ha parlato della situazione di Pierre Gasly, sottolineando come il francese debba migliorare le proprie performance prima dell’arriva della prossima pausa estiva.

Nonostante l’impegno messo in caso dalla Red Bull sul fronte tecnico, infatti, l’ex Toro Rosso non sta riuscendo a tenere le stesse prestazioni di Max Verstappen, aspetto che sta penalizzando la raccolta punti della squadra per la classifica costruttori.

Marko, proprio in tal senso, ha invitato il francese a svoltare, anche in tempi abbastanza rapidi, visto che la lotta con Ferrari per il secondo posto nel costruttori si fa sempre più calda.

“La differenza di prestazione tra Pierre e Max potrebbe essere dovuta alla nuova ala anteriore, la quale ci ha permesso un grosso step in avanti”, ha affermato il braccio destro di Dietrich Mateschitz. “Per il round di Spielberg avevamo una sola specifica del componente ed è andata a Verstappen”.

In ogni caso, Marko ha spinto Gasly a migliorare, vista la lotta con la Ferrari per la seconda piazza nel costruttori: “Tuttavia Gasly deve migliorare, soprattutto in fase di sorpasso. Deve farlo entro la prossima pausa estiva, ma sono certo che riuscirà a farlo”.

Formula 1 | Red Bull, Marko avverte Gasly: “Deve migliorare prima della pausa estiva”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. cevola

    5 luglio 2019 at 11:30

    Pensare che un’ala anteriore faccia la differenza tra vincere la gara, o arrivare doppiati è difficile da credere… Piuttosto Verstappen è un riferimento molto impegnativo e se non sei un campione non c’è storia… Ricciardo se la giocava invece…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati