Ferrari, Marchionne ancora critico col passato: “Ora è un’altra storia, eravamo impresentabili”

Marchionne ancora duro verso il recente passato della Rossa, poi torna a parlare di Alfa Romeo in Formula 1

Ferrari, Marchionne ancora critico col passato: “Ora è un’altra storia, eravamo impresentabili”

Delle power unit V6 ibride la Ferrari non aveva capito niente, il team nel 2014 era a pezzi e lui e Maurizio Arrivabene hanno messo le cose a posto. E’ questo il tenore delle dichiarazioni rilasciate dal presidente del Cavallino Sergio Marchionne in una intervista a La Gazzetta dello Sport. Marchionne a Montezemolo proprio non suole mandarle a dire, dimostrandosi ancora una volta estremamente critico e duro nei confronti del recente passato della Rossa.

L’attuale numero uno di Maranello dice di non voler entrare nel merito dei problemi dell’ultima Ferrari targata Montezemolo, anche se poi dà una sua lettura dei fatti senza risparmiare le ennesime critiche all’organizzazione interna del Cavallino come trovata al suo arrivo.

“Quando sono arrivato io ho dovuto fare pulizia, eravamo impresentabili questo il tenore delle parole che si leggono sulla roseaAdesso la Ferrari è molto cambiata. Il momento più difficile è stato il primo mese, quando fui costretto a capire dove eravamo veramente nel panorama della F1. La prima cosa da fare è stata ripulire i ranghi, eliminando le ingerenze e concentrando gli sforzi del team su quelle che erano davvero le cose importanti. L’arrivo di Maurizio Arrivabene è stato molto importante in questo, ma non fatemi criticare il passato…”

La critica invece arriva puntuale: “Da quanto ho capito io, qui in Ferrari non avevano capito niente delle regole sui motori ibridi, eravamo davvero troppo indietro. E anche il telaio aveva i suoi difetti – ha continuato l’ad di FCA, prima di complimentarsi con il suo team principal Arrivabene – Adesso è un’altra Ferrari, Arrivabene è un grande nel fare squadra, l’unico difetto è che non è un tecnico. Ma forse questo può essere anche un pregio, certamente lui è bravissimo a caricare in modo bestiale i ragazzi, sa fare gruppo, ha il vantaggio di essere un vero uomo squadra e poi ci sono anche io che carico lui”.

Il presidente della Ferrari è poi tornato a parlare di Alfa Romeo in Formula 1: “L’Alfa Romeo deve prendere in considerazione il rientro in Formula 1 con un proprio telaio, perché ha tutte le capacità per costruirne uno competitivo. Magari potrebbe collaborare con la Ferrari per il motore. Non lo escludo, sarebbe importante per l’immagine dell’Alfa. In ogni caso preferirei vedere l’Alfa Romeo in F1 che a Le Mans”.

Antonino Rendina

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

12 commenti
  1. hero

    12 febbraio 2016 at 13:16

    Non sono un fan di Marchionne,tuttavia devo ammettere che ha ragione,la Ferrari del 2014 era veramente impresentabile,ma soprattutto erano ridicole le lamentele di Montezemolo,che voleva cambiare le regole solo perchè loro avevano sbagliato!

  2. Grandemulo

    12 febbraio 2016 at 15:25

    parla parla ma finora che cosa ha vinto
    prima che lui vinca quello che a vinto Luca
    ne passerà del tempo

  3. Federico Barone

    12 febbraio 2016 at 15:58

    Però, visto che la nuova Giulia deve rifare parti del telaio perchè non ha passato i crash test, forse è meglio che Alfa Romeo aspetti un po’ e acquisisca esperienza nella costruzione dei telai, prima di cimentarsi in F1…

    • Fast_Nick

      16 febbraio 2016 at 12:33

      Sembri ben informato! Davvero la Giulia non ha passato i crash test? Quando la Lancia Thema fu posticipata dicevano le stesse cose! Però il giornalista che fece quel grandissimo scoop è sparito dalla circolazione perché era petulante quanto insignificante.

  4. lucaraikkonen

    12 febbraio 2016 at 19:10

    Non si sputa nel piatto prima di aver mangiato! Sbagliato tirar fuori i panni sporchi, e cmq chi lo ha preceduto ha vinto 6 titoli. Che lo faccia anche lui ma senza rivangare cose che sarebbe meglio sapessero solo gli interessati. Sta noda social che bisogna dire tutto a tutti.. non mi va

  5. stefanoabbadia

    12 febbraio 2016 at 22:01

    Con tutto il rispetto per il livello del Dott. Marchionne mi sento di dissentire sulle sue facilotte esternazioni e poco serie oltre che ingrate e probabilmente non corrispondenti al vero ( questa é la mia opinione):
    Lo scontro fratricido venutosi a creare tra lui e ex Presidente Montezemolo aveva messo in difficolta quest’ultimo che nel vano tentativo si salvarsi (pur con meno fondi a disposizione dopo che Marchionne e il cda gli avevano volutamente chiuso i rubinetti) ha agito d’isterismo..ha commesso un grosso errore fidandosi cecamente di Allison il quale ha sostenuto Tombaziz ( che negli ultimi 4 anni aveva toppato 5vetture su 5 e questo é noto a tuti. Tombaziz con okay di Allison aveva imposto a Marmorini di realizzare una PU dalle dimensioni e peso più contenuti di tutto il lotto ( e cisi é stato) con minori masse radiantia discapito dei cavalli ma dando sulla carta un grande vantaggio all’aerodinamica. I cavalli sono mancati ma..di vantaggi aerodinamici manco l’ombra. Questa verità pubblicata da Marmorini non é mai stata contestata da nessuno..perche vera. Una volta all’angolo (era ciò che attendeva Marchionne per affondare il colpo di grazia) Montezemolo ha tentato l’imnagine del condottiero tagliando teste per dimostrare che il colpevole era il singolo e non il sistema da lui creato. Ha posto a capo del team la persona più sbagliata e digiuna di F1 esistente..Matteacci..costui ha cacciato il motorista senza nemmeno capirne i motivi
    . (tanto é vero che AVL subentrata allo sviluppo della PU per mancanza di personale e strutture a Maranello fece ponti d’oro a Marmorini per rientrare nei ranghi…la PU attuale causa grandi limitazioni nello sviluppo é figlia di Marmorini e alcune delle modifiche apportate pure ma…si preferisce tacere questa verità..queste sono mie opinioni sentite mormorare nei bar vicino a Maranello neh..frequentati da..estranei alla Ferrari…Marchionne credo che vorrà spiegare meglio i motivi di Ferrari in borsa..del valore attribuito alle azioni poste in vendita per far cassa..vendute a 40€.. che dopo poco più di un mese valgono 28… Queste sono le mie opinioni che non sono verità ma solo opinioni personali probabilmente senza valenza ma…ma… Grande rispetto per una persona che ha salvato Fca e occupa un ruolo indiscutibilmente importante.

    • morriss

      morriss

      13 febbraio 2016 at 10:27

      disamina molto accurata e “completa” quella di stefanobaddia, che magari ipotizzando o magari sentendo voci interne, ha composto 1 puzzle ricco di “giochi sporchi” fatto ai danni di montezemolo che ne hanno portato al “licenziamento” forzato. Magari la politica ferrari adesso è cambiata e forse sarà più redditizia (saranno i risultati a parlare) ma di certo ogni gioco di potere contiene sempre situazioni nascoste ed a volte “viscide” x ottenere 1 prestigio e fascino che solo stando ai vertici della ferrari si può vivere. Spiace x il precedente presidente ma speriamo che almeno i risultati sul campo possano ripagare 1 cambiamento “totale” nella gestione di questo unico team nella storia della F1 stessa, che si chiama FERRARI!!!

    • Fast_Nick

      16 febbraio 2016 at 12:26

      Fai confusione con il calendario. Quando è arrivato Allison il trattore F14 era già definito quasi in totalità. Siccome in Italia è normale quella che in Inghilterra chiamano la “blame culture” (ne parlava Smedley una volta passato in Williams) hanno licenziato Marmorini colpevole di aver fatto un motore chiesto dal chief designer visto che il direttore tecnico era un organizzatore e non un genio di tecnica F1. Poi ci siamo resi conto che i motoristi hanno speso un quarto dei soldi spesi a Brixworth. So bene da dove salta fuori la storiella del motore “FRRARI-AVL”. Ma è una bufala! La ditta austriaca è uno dei tanti fornitori, come Mahle, MOR, Marelli eccetera. Di sicuro c’è che la camera di combustione la fanno a Maranello, non in Austria. Per finire, lasciamo stare il discorso sul’ennesimo rilancio Alfa Romeo. Ne riparleremo presto.

  6. oniram

    13 febbraio 2016 at 07:52

    Dico solo una cosa: prima di autoincensarsi Marchionne farebbe meglio ad aspettare qualche risultato.

  7. drnice

    13 febbraio 2016 at 23:11

    prima si vince e poi si dice che il passato era impresentabile. come sempre quando parla “il presidente” spara cavolate. e la stampa sta zitta ed ossequiosa.

  8. lucaraikkonen

    14 febbraio 2016 at 12:11

    Impresentabile era la sf14t studiata dal greco.
    La macchina non l’ha costruita domenicali. Come questa non la fa Arrivabene. Ovvio che in mancanza di risultati tutti si innervosiscono. Se quest anno non si vince piu di 3 gare anche Arrivabene si innervosira’. Ma penso che siamo sulla strada giusta.
    Sputare su chi ha saputo vincere è sbagliato, bastava dire che dopo tanti anni era giusto cambiare. Senza sputare troppo sulle persone.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati