F1 | Webber: “Orgoglioso di aver corso con Hamilton, Alonso, Schumacher, Vettel e altri campioni”

"Alonso e Schumacher sono probabilmente i più forti rivali che abbia mai avuto in gara. Sono grato di aver corso contro il meglio del meglio"

F1 | Webber: “Orgoglioso di aver corso con Hamilton, Alonso, Schumacher, Vettel e altri campioni”

Mark Webber ha trascorso questo 2017 come il primo anno ufficiale lontano dal mondo delle corse. L’australiano, infatti, dopo aver chiuso con il mondo della Formula 1 nel 2013 ha corso fino allo scorso 2016 nelle gare di durata, tra cui la 6 ore di Silverstone, la 24 ore di Le Mans o la 6 ore del Bahrain. Mark non si pente della sua scelta e assicura che, all’età di 40 anni, questo sia il momento ideale per concludere una carriera invidiabile: “È una grande decisione per chiunque nello sport, capire quando è il momento di andare in pensione”, ha detto in un’intervista a Square Mile.

“Nella mia ultima gara in Formula 1 ero sul podio con Sebastian Vettel e Fernando Alonso, ho fatto il giro più veloce e mi sono sentito molto ricompensato per tutta la mia carriera”, ha aggiunto. Webber mantiene ricordi indelebili di tutti questi anni in attivo, ma se dovesse sottolineare uno, allora quello sarebbe legato alla sua prima vittoria. “È sempre fantastico vincere”, ha detto, aggiungendo che “è sempre una cosa bella vincere”, ha confermato.

Webber è inoltre molto felice del percorso che ha compiuto a livello professionale, poiché ha combattuto e molto spesso vinto contro tanti campioni: “Sono stato molto, molto fortunato nel correre in un’era della Formula 1 in cui il talento dei piloti era immenso. Se guardiamo alla stagione 2010 c’erano Lewis Hamilton, Fernando Alonso, Michael Schumacher, Jenson Button, Nico Rosberg, Robert Kubica, Sebastian Vettel, Kimi Räikkönen e tutti avevano qualcosa di diverso“, ha ricordato. “Alonso e Schumacher sono probabilmente i più forti rivali che abbia mai avuto in gara, ma erano tutti piloti di classe mondiale. Sono grato di aver corso contro il meglio del meglio”, ha continuato l’australiano.

Webber ha inoltre voluto elogiare Hamilton per aver raggiunto e superato il record di pole position: “Hamilton è incredibilmente veloce, probabilmente il più veloce della sua generazione”, ha continuato. Poi ha parlato anche di altri driver: “Michael Schumacher è stato eccezionale, ma ha fatto più errori rispetto a Hamilton in classifica. Ho avuto molte grandi gare contro Hamilton e mi è piaciuto per competere contro di lui. È stata dura. Vettel è molto diligente nel comprendere cosa deve fare in pista, non gioca tanto con la sua abilità né con il suo talento naturale, non dà nulla per scontato. È molto diverso da Hamilton, ma il risultato è di solito molto simile. Vettel e io siamo andati al limite un paio di volte, ma questo può accadere, ho un buon rapporto con lui adesso”, ha confessato.

La tanta tecnologia che adesso c’è in pista non dà forse la possibilità a tutti di vedere quanto realmente importante sia il lavoro del pilota e quanta preparazione ci sia anche nel lavoro: “È abbastanza complicato apprezzare ciò che facciamo perché è difficile vedere come lavora l’atleta. C’è così tanta tecnologia in pista che questa può oscurare le abilità di un pilota”, ha concluso.

Fabiola Granier

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati