F1 | Red Bull, Horner: “Vogliamo chiudere il divario con Ferrari e Mercedes su tutti i circuiti”

"Vorremmo potere arrivare a Monza senza dover rinunciare in partenza a lottare per la vittoria", ha detto il team principal di Milton Keynes a La Gazzetta dello Sport

F1 | Red Bull, Horner: “Vogliamo chiudere il divario con Ferrari e Mercedes su tutti i circuiti”

Tra le novità che caratterizzano il Mondiale 2019 di Formula Uno, che scatterà in questo weekend con il Gran Premio d’Australia che si disputerà all’Albert Park di Melbourne, figura la partnership tra Red Bull e Honda.

La scuderia di Milton Keynes ha infatti deciso di abbracciare la causa del motorista giapponese, chiudendo il rapporto professionale con Renault che ha fruttato otto titoli complessivi (4 costruttori e altrettanti piloti con Sebastian Vettel, ndr).

Chris Horner, in un’intervista rilasciata alle colonne de La Gazzetta dello Sport, parlando degli obiettivi del team anglo-austriaco in questo 2019 ha detto: “Vogliamo chiudere il divario con Ferrari e Mercedes su tutti i circuiti. Negli ultimi cinque anni siamo stati competitivi sulle piste dove la power unit era meno cruciale (…). Vorremmo potere arrivare a Monza senza dover rinunciare in partenza a lottare per la vittoria”.

Su Verstappen, pilota di punta Red Bull, Horner ha sottolineato: “Ha dimostrato di avere il talento per lottare ruota a ruota con Hamilton, Vettel o chiunque altro (…). La sua capacità di gestire il consumo delle gomme in gara è straordinaria ed è uno dei migliori combattenti, se non il migliore, credo che nessuno voglia trovarsi Max negli specchietti. Hamilton in Red Bull? Preferiamo investire sui giovani”.

Il team principal di Milton Keynes, sul rinnovo del Patto della Concordia, ha detto: “(…) Negli accordi per il 2021 ci sono aspetti fondamentali da discutere come il tetto alle spese e la posizione dei grandi costruttori rispetto ai team indipendenti”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati