F1 | McLaren, Alonso è deluso: “Non è sicuramente l’inizio perfetto”

Ma lo spagnolo non perde la fiducia: "Mi adatto alle auto più velocemente di chiunque altro e lo farò anche quest’anno"

F1 | McLaren, Alonso è deluso: “Non è sicuramente l’inizio perfetto”

Per Fernando Alonso la prima giornata di test a Barcellona è stata “deludente”: lo spagnolo ha infatti completato solo 29 giri con la sua McLaren , dopo un problema di pescaggio nel serbatoio di recupero dell’olio che ha colpito la MCL32 nel suo giro di installazione e l’ha costretta a rimanere in garage fino a metà pomeriggio.

“Non è sicuramente l’inizio perfetto per i test invernali”, ha detto ai giornalisti. “Siamo consapevoli del tempo che abbiamo perso oggi. Siamo delusi e tristi per essere arrivati al primo giorno senza essere in grado di correre. Non c’è niente di più che possiamo fare da oggi più di imparare da ciò che è accaduto alla macchina e cercare di recuperare il tempo perso nei prossimi giorni. Abbiamo quattro giorni per ogni pilota prima che il campionato inizi. Ora un giorno è andato… così mi restano solo tre giorni per preparare il mondiale”, ha dichiarato Alonso.

La situazione per la McLaren non è per nulla semplice, neanche per i suoi piloti, costretti a fare i conti con questi problemi così gravi che costringono la macchina a rimanere ferma per gran parte del tempo a disposizione: “Non è una situazione ideale, ma è quello che è. È il primo giorno di test, quindi non sono troppo preoccupato o troppo eccitato. Il tempo è molto importante quest’anno con il nuovo regolamento e le nuove gomme”, ha commentato Alonso. Ecco che, quindi, nonostante le difficoltà di questa giornata il tempo per recuperare e lavorare bene c’è ed è tutto ancora da sfruttare: “Dobbiamo raccogliere molte informazioni in un periodo molto breve, non solo sul lato tecnico, ma anche per quello guida, è necessario trovare i propri limiti e lo stile di guida che si adatti di più a questa macchina e alle gomme. Bisogna imparare a conoscere il volante, le procedure di partenza, il pit-stop… molte cose sono diverse quest’anno. Ovviamente, per me un giorno è andato. Ho lavorato per tre mesi sulla forma fisica, al simulatore, insieme agli impegni degli sponsor. Penso che tutti abbiano fatto un lavoro incredibile su questa vettura per molti, molti mesi. Ora quando stai per scendere in pista e cominciare il tuo giro di installazione c’è qualcosa che rompe e si perde tutto il giorno“, ha dichiarato lo spagnolo manifestando tutto il suo rammarico.

Ma la speranza è l’ultima a morire e siamo abituati a vedere le reazioni del samurai sempre ottimiste nonostante i problemi: “Diciamo che questo non è un problema per me, perché io ho la fortuna di avere una buona esperienza alle spalle e di trovare i limiti molto rapidamente. È stato lo stesso per tutta la vita, mi adatto alle auto più velocemente di chiunque altro e lo farò anche quest’anno”.

Fabiola Granier

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati