F1 | GP Brasile, gli organizzatori contro Liberty Media: “Non accettiamo le loro motivazioni”

Interlagos risponde alla cancellazione del GP del Brasile imposta da Liberty Media

Gli organizzatori del GP del Brasile pronti ad avviare un iter legale nei confronti di Liberty Media
F1 | GP Brasile, gli organizzatori contro Liberty Media: “Non accettiamo le loro motivazioni”

Intervistato da motorsport.com, Tamas Rohony ha analizzato i motivi che hanno spinto Liberty Media ad annullare il Gran Premio del Brasile, sottolineando come gli organizzatori non abbiano ricevuto alcun preavviso prima della decisione di qualche giorno fa.

Secondo lo storico promoter della gara ad Interlagos, Liberty Media ha scelto di non confrontarsi con gli organizzatori, creando una situazione di assoluta confusione. Proprio in tal senso non vanno esclusi dei ricorsi legali, visto che l’annullamento della corsa causerà delle ingenti perdite economiche alle casse comunali di San Paolo.

“Non possiamo accettare la motivazione dataci da Liberty Media, tanto meno il ragionamento che sta alla base”, ha dichiarato Tamas Rohony. “Parlano del tasso di infezione del virus in Brasile, che è un po’ come paragonare la California alla Florida in un paese come il Brasile, che è di dimensioni continentali. Abbiamo tutti i numeri per lo Stato e la città di San Paolo”.

“Questi dati sono stati presentati alla Commissione Medica della FIA dal nostro stesso ufficiale medico, che è, tra l’altro, anche il vice presidente”, ha proseguito lo storico promoter del circuito brasiliano. “Le sono cifre molto buone. Se si guardano i dati di San Paolo, anche del Brasile, in base proporzionale, rispetto all’Inghilterra, la situazione è decisamente migliore. Questa cancellazione è una sorta di ragionamento privo di fondamento per annullare la gara…”.

“Sono stati spesi otto milioni di dollari per l’aggiornamento del circuito. L’intera area del paddock è stata coperta e sono state fatte molte piccole migliorie che la gente non vede ma che sono molto essenziali, come quelle relative alle fognature ed ai servizi”, ha concluso.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti

Articoli correlati