F1 | Gene Haas: “La Mercedes ha ucciso l’essenza della Formula 1”

"Chi vuole andare ad una gara sapendo già chi vincerà? E' noioso", ha aggiunto

F1 | Gene Haas: “La Mercedes ha ucciso l’essenza della Formula 1”

Il 2020 della Ferrari è stato certamente da cancellare. Il famoso patto di riservatezza con la FIA ha di fatto relegato la power unit di Maranello all’ultimo posto per potenza ed efficienza, e a farne le spese sono state anche le scuderie clienti come Alfa Romeo Racing e Haas. Il team statunitense, nelle parole del suo fondatore ha voluto esprimere alcune opinioni in merito, parlando anche di come la Mercedes, grazie anche a dei regolamenti molto stringenti, sia di fatto irraggiungibile.

“Quando nel 2020 la Ferrari ha avuto un taglio della potenza, è sembrato ovvio che tutte le vetture con quel motore presentassero dei deficit prestazionali rispetto a Mercedes, Honda e Renault – ha affermato Gene Haas a Racer. La nostra barca è legata alla nave Ferrari, quindi quando loro vanno lentamente, noi siamo ancora più lenti, e non credo ci sia molto da fare a riguardo. Non abbiamo alcun controllo sulle parti fornite dalla squadra di Maranello, ma siamo fiduciosi sul fatto che possano risolvere questi problemi, ma è così anche per Renault e Honda, sono tutti in deficit rispetto al motore Mercedes. Hanno costruito un propulsore estremamente performante, ad alta efficienza nei consumi e che dura nel tempo, nessun altro team è stato in grado di avvicinarsi. Per me ha ucciso tutto ciò che riguarda la Formula 1. Chi vuole andare ad una gara quando si sa già chi vincerà ogni volta? Diventa noioso”.

Sulla passata stagione e la mancanza di aggiornamenti, Haas ha così dichiarato: “Ho sempre parlato con i piloti e penso che nel 2018 e nel 2019 abbiamo speso tra i 20 e i 40 milioni l’anno per degli aggiornamenti, e ogni volta che parlavo con loro era come se io non avessimo fatto nulla, e quindi perché spendere tutti questi soldi per delle novità che non portano a nulla? Lo scorso anno abbiamo deciso di stoppare gli aggiornamenti, perché ero convinto che non avremmo gareggiato nel 2020, e ho pensato che nel migliore dei casi avremmo fatto quattro o cinque gare, quindi portare delle novità per una stagione breve non aveva senso. Alla fine invece abbiamo corso, senza aggiornare la vettura e credevo che anche altri avessero ragionato così, ma da un punto di vista pratico sono riusciti a migliorare le rispettive vetture rispetto a noi”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati