F1 | Ferrari, Carlos Sainz ammette: “Tempi non del tutto veritieri”

Lo spagnolo è terzo in entrambe le sessioni di libere: "Giornata incoraggiante per la squadra"

F1 | Ferrari, Carlos Sainz ammette: “Tempi non del tutto veritieri”

Parte meglio di quanto ci si aspettasse il weekend della Ferrari in Azerbaijan, con Carlos Sainz che continua a convincere dopo il primo podio conquistato con la rossa a Monaco. Lo spagnolo, infatti, conquista il terzo miglior tempo nella prima sessione di libere, a tre decimi dal compagno di squadra Leclerc, secondo, ed è ancora terzo nel pomeriggio, questa volta a poco più di un decimo dal leader Sergio Perez. Certo, il venerdì riserva sempre delle sorprese, per via dei diversi programmi di lavoro, ma la Ferrari sembra candidarsi al ruolo di terza forza anche su questo circuito cittadino, nonostante i lunghi rettilinei in cui la differenza di cavalli rispetto agli avversari si fa sentire. Sainz, tra gli alti e scenografici palazzi di Baku, non sbaglia un colpo, si dimostra sempre più a suo agio con la SF21, ma sa che sarà la qualifica a dare le risposte.

F1 | Analisi libere a Baku: la Red Bull vola anche con Perez, Ferrari da rivedere sul passo gara

Oggi siamo stati più veloci di quanto ci aspettassimo, anche se i tempi odierni possono non essere totalmente veritieri perché in molti, me compreso, abbiamo beneficiato delle scie sui rettilinei, mentre altri non sono riusciti a chiudere i loro giri lanciati per varie ragioni. Questa prima giornata a Baku è stata comunque incoraggiante per il team” ha confermato Sainz a fine giornata.

Domani pomeriggio avremo senz’altro indicazioni migliori in ottica qualifica, e dal canto nostro dobbiamo capire dove trovare qualche decimo nei giri veloci e allo stesso tempo trovare un buon compromesso nel setup per far funzionare bene le gomme nei long run – continua lo spagnolo – sappiamo che in questo weekend potrebbero presentarsi delle opportunità e noi dovremo essere pronti per sfruttarle al meglio“.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati