F1 | Alfa Romeo Sauber, Vasseur frena gli entusiasmi: “Più facile migliorare quando sei dietro di quattro secondi”

"La nostra crescita è dovuta anche alle difficoltà di Williams e McLaren. Il prossimo passo sarà quello più difficile", ha sottolineato il team principal della scuderia di Hinwil

F1 | Alfa Romeo Sauber, Vasseur frena gli entusiasmi: “Più facile migliorare quando sei dietro di quattro secondi”

Nella classifica dei miglioramenti effettuati dalle monoposto nell’ultimo biennio figura al primo posto la Sauber. La C37, portata in pista nell’ultima stagione da Charles Leclerc e Marcus Ericsson, è risultata più rapida di oltre 1,5 secondi rispetto all’antenata C36.

Con la performance è migliorato, chiaramente, anche il piazzamento in classifica costruttori passato dall’ultimo posto del 2017 ( 5 punti in 20 gare) all’ottavo della passata stagione (48 punti in 21 gare).

Sull’argomento, intervistato da Autosport, Frederic Vasseur ha detto: “Abbiamo dovuto migliorare in ogni singolo aspetto, il motivo del nostro corposo miglioramento è dovuto anche a team come Williams e McLaren che hanno faticato più del dovuto”.

Continuando con la sua disamina, il team principal della scuderia elvetica ha aggiunto: “Non voglio essere negativo, intaccando l’umore della squadra, ma è più facile migliorare quando sei dietro quattro secondi rispetto a quando devi migliorare di pochi decimi. Penso che il prossimo passo sarà quello più difficile”.

Vasseur ha inoltre paragonato la strada intrapresa dalla Sauber a quella della Renault, dove il manager francese è stato a capo della Gestione Sportiva fino al gennaio 2017: “È la stessa storia, quando mi sono unito l’obiettivo era quello di diventare sesti, quinti o quarti. Una cosa è porsi quell’obiettivo, un’altra è andare a caccia delle migliori squadre”.

Dopo un più che positivo 2018, c’è grande attesa per la nuova Sauber che farà affidamento su Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi e che sarà svelata nella pit lane di Barcellona il prossimo 18 febbraio.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati