Valtteri Bottas: “Continuare con la Williams è stata una scelta logica”

Il pilota finnico felice di essere rimasto a Grove, ma il "no" della Ferrari sembra pesare sulle prestazioni

Valtteri Bottas: “Continuare con la Williams è stata una scelta logica”

Probabilmente c’è rimasto male, anche se – taciturno com’è – non lo ammetterà mai. Ma per Valtteri Bottas non deve essere stato facile toccare con mano il sedile della Ferrari, un treno che non passa troppo spesso in carriera, e averlo perso sul filo, quando il suo ingaggio pareva addirittura scontato. Ragioni economiche (“cartellino” alto e stipendio altrettando sostanzioso) e tecniche (il pilota non ha poi convinto più di tanto Maranello) gli hanno impedito di fare il salto di qualità, ma Valtteri si è detto soddisfatto di essere rimasto in Williams.

“Per me la Williams è il miglior posto dove correre, restare qui è stata la scelta più logica, per continuità tecnica e stabilità progettuale – ha dichiarato il pilota di Nastola – Quando salgo in macchina penso solo a guidare, però adesso che tante voci si sono spente e so dove guiderò l’anno prossimo sono più tranquillo e posso concentrarmi solo sul lavoro, per fare risultato e rendere la monoposto più veloce. In F1 non ci sono molti sedili liberi e per me la scelta di continuare qui è stata logica, naturale, ora posso lavorare duramente sullo sviluppo della nuova monoposto senza che la squadra potesse avere dubbi su di me. Ho iniziato qui come collaudatore nel 2010, sono titolare dal 2013, siamo cresciuti insieme e ci aspettano tempi anche migliori”.

Un Bottas convinto della Williams, che si sente a casa. Eppure nel paddock non sono pochi quelli che hanno notato un piccolo calo di rendimento del pilota scandinavo dopo l’annuncio del rinnovo di Kimi Raikkonen da parte della Ferrari. Non a caso nell ultime gare Felipe Massa è stato costantemente davanti a Valtteri, forse un indizio sul fatto che un “no” della Ferrari non risulta mai veramente indolore.

Antonino Rendina

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati