Renault F1: Fernando Alonso a punti. Ritiro per Piquet per problemi ai freni

Renault F1: Fernando Alonso a punti. Ritiro per Piquet per problemi ai freni

Fernando Alonso P6
"Il sesto posto non e' il risultato migliore per noi, ma dobbiamo essere soddisfatti vista la posizione in griglia e la bagarre alla prima curva. Dopo e' stato difficile e quindi il risultato e' il massimo che potevamo ottenere, considerando cio' che accaduto durante la gara: gli incidenti, la safety car ecc. In termini di risultati e vedendo i nostri rivali dobbiamo essere felici del risultato. Con il kers non ho notato una grande differenza e sono un po' deluso per come ha funzionato. Abbiamo anche bisogno di lavorare sugli pneumatici nella prossima gara."

Nelson Piquet – ritirato
"La macchina ha funzionato bene ma quando la safety car e' uscita ho iniziato ad avere problemi ai freni. In fondo al rettilineo prima della prima curva ho provato a superare Nico Rosberg, ma quando ho toccato i freni ho perso il posteriore e sono finito nella ghiaia. La macchina non e' stata competitiva quanto avremmo voluto, ma mi trovavo comunque in ottava posizione. In Malesia, dovremmo essere piu' competitivi e sono sicuro che possiamo ottenere un buon risultato."

Flavio Briatore, Managing Director ING Renault F1 Team
"I tre punti conquistati da Fernando non sono una grande consolazione per quello che e' stato un weekend deludente per noi. Non siamo stati abbastanza competitivi e la nostra qualifica ci ha penalizzati per la gara. Fernando ha perso diverse posizioni alla partenza a causa dell'incidente alla prima curva. Detto questo, i nostri due piloti hanno fatto il massimo per cercare di sfruttare le varie situazioni. Nelson ha fatto una buona partenza e la sua gara e' stata molto promettente, ma un problema tecnico purtroppo l'ha costretto al ritiro. E' solo il primo gran premio e la nostra intenzione e' quella di lavorare sodo per reagire rapidamente, a partire dal prossimo Gran Premio della Malesia."

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati